Home News Sancta Sedes Vespri anglicani in San Pietro, momento ecumenico straordinario

Vespri anglicani in San Pietro, momento ecumenico straordinario

Pubblicità

Un evento di grande rilevanza nel cammino ecumenico: ieri, nella Basilica di San Pietro sono stati celebrati per la prima volta i Vespri Anglicani. A presiederli l’arcivescovo anglicano David Moxon, direttore del Centro Anglicano di Roma. Mons. Artur Roche, segretario della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti ha invce tenuto l’omelia. Philippa Hitchen ha chiesto un commento al vescovo anglicano David Hamid che ha preso parte alla celebrazione:

Pubblicità

Vespri anglicani nella Basilica di San Pietro - RV

R. – This is building on what I think popes and archbishops have been saying for …
Questo significa costruire su quello che Pontefici e Arcivescovi (anglicani ndr) stanno dicendo da anni, e che la Commissione Arcic ha ripreso: possiamo pregare insieme. La preghiera comune, la preghiera quotidiana della Chiesa è un elemento che ci unisce: si rifà alle nostre comuni radici benedettine e, come è stato sottolineato nel sermone, noi, la Chiesa anglicana, dobbiamo molto alla missione benedettina inviata da Papa Gregorio. Venire qui e cantare secondo la nostra tradizione liturgica, eredità dei Benedettini, recarci sulla tomba di San Gregorio e lì recitare le preghiere finali, è stato un momento ecumenico molto commovente e significativo.
D. – Cosa significa per lei, come vescovo anglicano, celebrare per la prima volta qui, alla Cattedra di San Pietro?
R. – It’s something I would never have imagined five years ago, certainly not ten …
Non lo avrei mai immaginato cinque anni fa, certamente non 10 anni fa! E’ un’apertura bellissima: siamo riconoscenti per la vicinanza tra le nostre tradizioni, che sta diventando sempre più visibile e che rende possibile questo tipo di preghiera comune. Dall’altro lato, è stato anche molto naturale trovarsi nella casa di Dio, in questo grande e santo luogo sulla tomba di Pietro e pregare insieme i Vespri. Quindi, due aspetti incredibilmente stupefacenti eppure, allo stesso tempo, anche un evento assolutamente normale se riferito a quello che i cristiani dovrebbero fare insieme.
D. – Significativamente, questo è avvenuta nell’anniversario dell’elezione di Papa Francesco …
R. – Yes: I mean, I think that’s probably for Anglicans, certainly, we consider that …
Sì: direi che probabilmente, anzi, certamente noi anglicani la consideriamo quantomeno una felice coincidenza: infatti, tutto il calore che ci abbiamo messo nel corso degli anni, sembra concretizzarsi nella sua persona e nella sua apertura ai rapporti e al dialogo ecumenico; a partire dalla visita resa alla nostra parrocchia di Roma, qualche settimana fa, questo è un ulteriore passo che avvicina le nostre due comunioni nella preghiera e che manifesta al mondo che siamo Uniti in Cristo.
Sull’importanza di questa celebrazione, a cinque mesi dalla celebrazione comune dei Vespri presieduta da Papa Francesco e dall’arcivescovo di Canterbury, Justin Welby nella Basilica di San Gregorio al Celio, sempre Philippa Hitchen ha intervistato mons. Artur Roche, segretario del dicastero per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti:
R. – I think the most significant thing is that it retraces steps which were made …
Mi sembra che l’aspetto più importante è che si ripercorrano passi che erano già stati fatti nel VI secolo, per l’evangelizzazione dell’Inghilterra. Il patrimonio che fu costruito in quell’epoca e nel corso di tanti anni, in un certo senso è tornato tutto questa sera [ieri] a rendere omaggio a Papa San Gregorio, conosciuto come apostolo dell’Inghilterra – Apostolus anglorum. Credo che sia stato un bellissimo tributo da parte della Chiesa anglicana, proprio nell’anniversario dell’invio da parte di Gregorio del monaco Agostino in Inghilterra.
D. – E’ stata una bella celebrazione della tradizione musico-liturgica inglese. Quale impatto pensa possa avere, a lungo termine, sul dialogo tra cattolici e anglicani? Può essere utile a più ampi propositi nel dialogo tra i due?
R. – Yes, I think it can, because again – as Pope Francis said at “All Saints”, quite …
Sì, credo di sì, perché ancora una volta – come l’ha detto anche Papa Francesco quando ha visitato la parrocchia anglicana di Ognissanti a Roma – la teologia, i punti che fanno la differenza non devono essere studiati in laboratorio, in atmosfera controllata; devono essere scoperti in viaggio, fianco a fianco. Nell’atto di pregare insieme c’è un segno della Provvidenza che ovviamente ci induce in modo significativo a riconoscere il nostro battesimo comune e a prendere coraggio da questo. E quanto più si riesce a fare incontrare le persone in questo senso, tanto più si apriranno, si spalancheranno le porte.

Pubblicità






D. – Lei è nella Congregazione per il Culto Divino: possiamo aspettarci di assistere sempre più a celebrazioni non cattoliche nella Basilica di San Pietro?
R. – Well, that’s not entirely within my competence, because that’s within the …
Questo non rientra propriamente nelle mie competenze, quanto più in quelle del Consiglio per l’Unità dei cristiani; ma ho l’impressione che quanto accaduto oggi [ieri] non rimarrà un evento unico …




Fonte it.radiovaticana.va

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

I nostri social

9,917FansLike
17,749FollowersFollow
9,747FollowersFollow
1,600SubscribersSubscribe

News recenti

scapolare-Madonna-del-Carmelo

Novena alla Madonna del Carmelo. Recita la potente supplica del 5°...

Novena alla Madonna del Carmelo. Recita la potente supplica del 5° giorno, 11 luglio 2020 La Regina del Monte Carmelo è la patrona dei carmelitani...