Ma è vero che la Chiesa sarà ‘rapita’? Dove sarà portata? – Seconda parte

‘Ma non può essere che Paolo quando parla del giorno del Signore si riferisca solo al ritorno di Cristo dal cielo con i suoi santi già con lui da alcuni anni?’ No, perché se si leggono attentamente le prima citate parole di Paolo si vedrà che lui quando parla del giorno del Signore, che non avverrà se prima non sia venuta l’apostasia e non sia stato manifestato l’uomo del peccato, si riferisce alla “venuta del Signor nostro Gesù Cristo e al nostro adunamento con lui” (2 Tessalonicesi 2:1).

Prima infatti l’apostolo dice ai santi di non lasciarsi travolgere la mente circa la venuta del Signore e il nostro adunamento con lui, né da ispirazioni né da discorsi e né da qualche epistola data come loro quasi che “il giorno del Signore fosse imminente”, e poi dice il motivo per cui i santi non dovevano cadere in questo errore: “…poiché quel giorno non verrà se prima non sia venuta l’apostasia e non sia stato manifestato l’uomo del peccato…”. Quel giorno di cui parla Paolo dunque è il giorno in cui verrà Cristo e noi saremo adunati con lui. Paolo quindi implicitamente dice che i santi saranno ancora sulla terra quando sarà manifestato l’empio che sarà poi distrutto dall’apparizione della venuta di Gesù Cristo.

Ora, siccome che l’uomo del peccato sarà un ministro di Satana, arrogante oltre modo perché dirà di essere Dio e avrà enormi poteri concessigli da Satana per sedurre gli abitanti della terra, è implicito che questo uomo, cioè la bestia, perseguiterà i santi che saranno sulla terra in quel tempo. E difatti Giovanni dice che “le fu dato di far guerra ai santi e di vincerli…” (Apocalisse 13:7), e il profeta Daniele che “egli proferirà parole contro l’Altissimo, ridurrà allo stremo i santi dell’Altissimo… i santi saran dati nelle sue mani per un tempo, dei tempi, e la metà d’un tempo” (Daniele 7:25). Chi sono questi santi? Sono i credenti in Cristo Gesù, i cui nomi sono scritti nel libro della vita fin dalla fondazione del mondo. Ciò è confermato dal fatto che Giovanni dice che il falso profeta faceva sì che tutti “quelli che non adorassero l’immagine della bestia fossero uccisi” (Apocalisse 13:15). Che costoro siano i santi i cui nomi sono scritti nel libro della vita si evince dal fatto che poco prima viene detto chi sono coloro che invece adoreranno la bestia: “E tutti gli abitanti della terra i cui nomi non sono scritti fin dalla fondazione del mondo nel libro della vita dell’Agnello che è stato immolato, l’adoreranno” (Apocalisse 13:8). Se infatti coloro i cui nomi non sono scritti nel libro della vita adoreranno la bestia e non verranno messi a morte dalla bestia, per forza di cose coloro che non l’adoreranno e saranno uccisi sono i santi i cui nomi sono scritti nel libro della vita dell’Agnello.

Quando la bestia sarà manifestata perciò ci saranno sulla terra oltre a coloro i cui nomi non sono scritti nel libro della vita, coloro i cui nomi sono scritti nel libro della vita. In realtà non avrebbe senso se l’anticristo fosse manifestato dopo il rapimento della Chiesa, perché ciò vorrebbe dire che sulla terra non ci sarebbero più dei credenti, ci sarebbero solo dei non credenti che gli renderebbero il culto. Contro chi si sfogherebbero dunque l’ira e l’arroganza di questo uomo spregevole se non ci fossero i santi sulla terra? La presenza dei santi sulla terra è dunque necessaria perché essi costituiranno il bersaglio contro cui lui sfogherà il suo furore. Furore però che sarà soppresso con il ritorno di Cristo perché quando Gesù tornerà dal cielo la bestia sarà distrutta e punita come merita. E tutti potranno contemplare la retribuzione che Cristo gli darà per le sue inique opere compiute per potere di Satana contro i santi del Signore. Ci tengo a ribadire però che nonostante la persecuzione contro i santi da parte della bestia sarà furiosa come nessun altra persecuzione che l’ha preceduta, la bestia non riuscirà a mettere a morte tutti i santi che saranno sulla terra, perché quando Cristo tornerà ci saranno ancora dei santi viventi: Paolo infatti disse ai Tessalonicesi: “Poi noi viventi, che saremo rimasti, verremo insiem con loro rapiti sulle nuvole, a incontrare il Signore nell’aria” (1 Tessalonicesi 4:17). Certamente l’apparizione di Cristo dal cielo porrà termine alla più dura persecuzione contro i santi ordita dal diavolo nel corso dei millenni; sarà dunque per i santi viventi una grande liberazione, una grande consolazione. Tanto è vero che Paolo nella sua seconda epistola ai Tessalonicesi dice pure questo: “Poiché è cosa giusta presso Dio il rendere a quelli che vi affliggono, afflizione; e a voi che siete afflitti, requie con noi, quando il Signor Gesù apparirà dal cielo con gli angeli della sua potenza, in un fuoco fiammeggiante, per far vendetta di coloro che non conoscono Iddio, e di coloro che non ubbidiscono al Vangelo del nostro Signor Gesù. I quali saranno puniti di eterna distruzione, respinti dalla presenza del Signore e dalla gloria della sua potenza, quando verrà per essere in quel giorno glorificato nei suoi santi e ammirato in tutti quelli che hanno creduto, e in voi pure, poiché avete creduto alla nostra testimonianza dinanzi a voi” (2 Tessalonicesi 1:6-10). Notate come Paolo dice che quando Cristo apparirà dal cielo renderà afflizione a coloro che affliggono i santi, e riposo a coloro che sono afflitti a motivo delle persecuzioni subite a cagione del regno di Dio. Dunque all’apparizione della Sua venuta, perché è di questa che egli parla cioè della stessa apparizione – di cui egli parla più avanti – con cui Egli annienterà l’empio, i santi viventi otterranno riposo perché saranno mutati e rapiti in cielo. Ancora una volta dunque emerge dalle parole di Paolo che il rapimento della Chiesa avverrà in concomitanza con l’apparizione di Cristo dal cielo, apparizione che avverrà dopo che sarà manifestato l’empio. E dopo la Sua apparizione e il nostro adunamento con Lui sulle nuvole, Cristo scenderà dal cielo con i suoi eletti (cfr. 1 Tessalonicesi 3:13; Zaccaria 14:5) e una volta sulla terra darà inizio al Millennio, durante il quale gli eletti regneranno con Lui (cfr. Apocalisse 20:6).

Ho parlato fin qui della manifestazione dell’empio che deve precedere il ritorno di Cristo dal cielo, ma come abbiamo visto Paolo dice che prima della venuta del Signore deve venire anche l’apostasia. Che cosa è l’apostasia? L’apostasia consiste nell’abbandono e nel rinnegamento della fede in Cristo Gesù per andare dietro a dottrine di demoni, a eresie di perdizione. Paolo spiega cosa significa apostatare in questi termini: “Ma lo Spirito dice espressamente che nei tempi a venire alcuni apostateranno dalla fede, dando retta a spiriti seduttori e a dottrine di demonî per via della ipocrisia di uomini che proferiranno menzogna, segnati di un marchio nella loro propria coscienza; i quali vieteranno il matrimonio e ordineranno l’astensione da cibi che Dio ha creati affinché quelli che credono e hanno ben conosciuta la verità, ne usino con rendimento di grazie” (1 Timoteo 4:1-3). Ora, se l’apostasia è l’abbandono della fede ciò vuol dire che essa riguarderà dei credenti. Difatti chi può abbandonare la fede se non chi già ce l’ha? Può qualcuno abbandonare una casa se prima non ci è entrato? Dunque prima del ritorno di Cristo avverrà che alcuni credenti abbandoneranno la fede perché presteranno ascolto a degli spiriti seduttori per volgersi a dottrine di demoni. Certamente fino a questo giorno ci sono stati un po’ per tutto il mondo dei credenti che hanno apostatato dalla fede, ma l’apostasia di cui parla Paolo ai Tessalonicesi riguarderà un grande numero di credenti che apostateranno poco prima del ritorno di Cristo. Ancora una volta dunque si deve concludere che i credenti saranno ancora sulla terra prima dell’apparizione di Cristo dal cielo perché molti di essi apostateranno dalla fede.

Come abbiamo visto però nonostante le parole di Paolo indichino che il giorno del Signore, ossia la venuta del Signore e il nostro adunamento con lui, debba essere preceduto dall’apostasia e dall’empio, i pretribolazionisti (i sostenitori del ‘rapimento segreto’) sostengono che la Chiesa quando sarà manifestato l’empio sarà già stata rapita. Non possiamo dunque non fare queste domande a coloro che sostengono questa tesi: ‘Che senso avrebbero dunque le parole di Paolo? Cioè, che senso avrebbe avuto dire ai santi di Tessalonica di non essere tratti in errore in alcuna maniera, di non lasciarsi travolgere la mente a proposito del giorno del Signore, se quando l’empio sarebbe stato manifestato essi sarebbero già stati in cielo con il Signore? Facciamo un esempio per spiegare questo: poniamo il caso che una ragazza che vive in Italia stia attendendo il suo fidanzato che si trova in America da molti anni perché questo le ha detto che presto andrà a trovarla per sposarla, e qualcuno ad un certo punto le faccia arrivare la falsa notizia che la visita del suo fidanzato è imminente quando non lo è affatto. Certamente la fidanzata se lo aspetterà da un giorno all’altro, se non da un’ora all’altra, perché la sua mente e il suo cuore saranno presi da questa attesa; certamente subentrerà una certa agitazione ed emozione perché si sa come reagisce l’animo umano in queste occasioni al sentire certe cose. Ma ecco che il fidanzato avendo avuto notizia che la sua fidanzata lo sta aspettando da un momento all’altro perché qualcuno le ha detto una bugia, e capendo che il fatto di non vederlo arrivare in tempi brevissimi creerà nell’animo suo non piccolo turbamento, le manda un fax dicendo: ‘Cara, ho sentito che qualcuno ti ha detto che la mia visita è imminente; non ti turbare se non mi vedi arrivare nei prossimi giorni perché la mia visita non è imminente infatti essa non si potrà adempiere fino a che non avrò terminato di costruire la casa in cui dovremo andare ad abitare’. Che cosa capirà dunque la ragazza? Che prima il suo fidanzato deve terminare di costruire la casa e poi verrà a trovarla e la sposerà. Questo naturalmente porterà calma nel cuore della ragazza. Potrebbe mai capire la ragazza che il suo fidanzato verrà a trovarla e sposarla prima che la casa sia terminata? Come si può dunque capire che le parole di Paolo ai Tessalonicesi vogliono dire che i credenti prima saranno rapiti in cielo e poi sarà manifestato l’empio? Perché mai l’apostolo Paolo ci ha scritto quelle parole tranquillizzanti se i santi saranno radunati con Cristo prima che sia manifestato l’anticristo? Ma non vi rendete conto che le parole di Paolo hanno senso solo se il radunamento dei santi con Cristo coinciderà con la sua apparizione dal cielo, per cui esso è da attendere dopo che sarà manifestato l’anticristo?

Una obiezione che ci viene mossa a noi che affermiamo che il nostro adunamento con Cristo deve essere preceduto dalla venuta dell’empio è che il credente finisce con l’aspettare l’empio invece che la venuta del Signore. Ma non è così, perché la venuta dell’empio è uno dei segni che ci indica che la venuta del Signore è alle porte. Tutto qui; tanto è vero che noi parliamo più della venuta di Cristo che di quella dell’empio. L’empio sarà manifestato per perseguitarci, Cristo invece sarà manifestato per liberarci dalla sua feroce persecuzione e distruggerlo. Ed oltre a distruggere lui, Cristo distruggerà anche coloro che non conoscono Dio e coloro che non ubbidiscono al Vangelo.

Un’altra obiezione mossaci è che Paolo con quelle parole ha voluto dire ai Tessalonicesi di non essere turbati da coloro che dicevano che il giorno del Signore era già arrivato per cui loro erano stati lasciati indietro. Ora, è vero che ai giorni di Paolo alcuni si erano sviati dalla verità dicendo che la risurrezione era già avvenuta (cfr. 2 Timoteo 2:18), ma da come parla Paolo ai Tessalonicesi egli in questo caso non si riferiva a coloro che turbavano i credenti dicendo che la risurrezione era già avvenuta ma che la risurrezione era imminente, cioè sul punto di verificarsi.






Un’altra obiezione ancora mossaci è che Paolo quando dice: “Poiché il mistero dell’empietà è già all’opra: soltanto v’è chi ora lo ritiene e lo riterrà finché sia tolto di mezzo” (2 Tessalonicesi 2:7), ‘chi ora lo ritiene’ è la Chiesa che è il tempio dello Spirito Santo, per cui quando essa sarà tolta allora sarà manifestato l’empio. Se le cose stanno così viene da domandarsi come mai allora la presenza della Chiesa sulla terra non ha evitato che tanti anticristi si siano manifestati nel passato e come mai oggigiorno la presenza della Chiesa non impedisca a tanti anticristi di manifestarsi. E’ vero che l’anticristo che deve venire sarà diverso da tutti gli altri anticristi, ma rimane sempre un anticristo. No, noi non riteniamo che quel che ritiene il mistero dell’empietà è la Chiesa, ma Dio che a suo tempo toglierà di mezzo il mistero dell’empietà e allora sarà manifestato l’empio.




Fonte www.medjugorje-italia.com

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome