Venerdì 22 gennaio – Due le cose che vuoi di me

Venerdì 22 gennaio - Due le cose che vuoi di meIn quel tempo, Gesù salì sul monte, chiamò a sé quelli che egli volle ed essi andarono da lui. Ne costituì Dodici che stessero con lui e anche per mandarli a predicare e perché avessero il potere di scacciare i demòni. Costituì dunque i Dodici: Simone, al quale impose il nome di Pietro; poi Giacomo di Zebedèo e Giovanni fratello di Giacomo, ai quali diede il nome di Boanèrghes, cioè figli del tuono; e Andrea, Filippo, Bartolomeo, Matteo, Tommaso, Giacomo di Alfeo, Taddeo, Simone il Cananèo e Giuda Iscariota, quello che poi lo tradì. Marco 3,13-19

Per rispondere alla tua chiamata devo salire un monte.
Devo salire fino a te e stare con te.
Per vivere la tua chiamata devo scendere dal monte.
Devo scendere fino a tutti e stare con loro.

Due le cose che vuoi di me.
Che vengo da te.
Che stia con te.
Due le cose che vuoi da me.
Che io vada da tutti.
Che io stia con tutti.

Predicare e scacciare demoni.
Ci vuole la bocca per parlare.
Ci vuole la mano per toccare.
Ed entrambe unite al mio cuore unito al tuo.

Di Don Mauro Leonardi


SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome