Home News Humanitas et Web Venerdì 1 Aprile - È la fragranza del pane

Venerdì 1 Aprile – È la fragranza del pane

Venerdì 1 Aprile - È la fragranza del paneIn quel tempo, Gesù si manifestò di nuovo ai discepoli sul mare di Tiberìade. E si manifestò così: si trovavano insieme Simon Pietro, Tommaso detto Dìdimo, Natanaèle di Cana di Galilea, i figli di Zebedèo e altri due discepoli. Disse loro Simon Pietro: «Io vado a pescare». Gli dissero: «Veniamo anche noi con te». Allora uscirono e salirono sulla barca; ma in quella notte non presero nulla. Quando già era l’alba Gesù si presentò sulla riva, ma i discepoli non si erano accorti che era Gesù. Gesù disse loro: «Figlioli, non avete nulla da mangiare?». Gli risposero: «No». Allora disse loro: «Gettate la rete dalla parte destra della barca e troverete». La gettarono e non potevano più tirarla su per la gran quantità di pesci. Allora quel discepolo che Gesù amava disse a Pietro: «E’ il Signore!». Simon Pietro appena udì che era il Signore, si cinse ai fianchi il camiciotto, poiché era spogliato, e si gettò in mare. Gli altri discepoli invece vennero con la barca, trascinando la rete piena di pesci: infatti non erano lontani da terra se non un centinaio di metri. Appena scesi a terra, videro un fuoco di brace con del pesce sopra, e del pane. Disse loro Gesù: «Portate un po’ del pesce che avete preso or ora». Allora Simon Pietro salì nella barca e trasse a terra la rete piena di centocinquantatrè grossi pesci. E benché fossero tanti, la rete non si spezzò. Gesù disse loro: «Venite a mangiare». E nessuno dei discepoli osava domandargli: «Chi sei?», poiché sapevano bene che era il Signore. Allora Gesù si avvicinò, prese il pane e lo diede a loro, e così pure il pesce. Questa era la terza volta che Gesù si manifestava ai discepoli, dopo essere risuscitato dai morti. Giovanni 21,1-14. 

Le reti si riempiono.
Abbondanti e stracolme.
Solo quando io mi accorgo che ci sei.
Perché non basti tu per riempirmi la vita.
Ci voglio io e la mia felicità.
Io e te, felici insieme, sfondiamo di vita la vita.

Si butta giù, ora, per venire da te.
Non ha più paura di affogare ora.
Lo ha capito.
L’unica paura nella vita è perdere te.

Non c’è volta.
Che dopo una notte di fatica.
Che dopo una grande stanchezza.
Che dopo un profondo senso di solitudine.
Io non sia tornato a casa.
E non abbia trovato te.
Che hai preparato per me riposo, cibo, caldo, amore.

Non mi fai discorsi.
Non mi dai lezioni.
Non mi dici parole.
È il profumo del pesce.
È il colore del fuoco.
È la fragranza del pane.
Che mi dice che sei tu e che mi ami.

Di Don Mauro Leonardi


Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

305,821FansLike
19,887FollowersFollow
9,805FollowersFollow
2,330SubscribersSubscribe

News recenti

Il racconto dal monastero di Monsignor Giovanni d'Ercole

Il messaggio stupendo di mons. Giovanni d’Ercole dal monastero dove si...

La foto e il bellissimo messaggio di Giovanni d'Ercole Il monastero trappista Notre Dame de l’Atlas ha cinque monaci che vi presento LEGGI: Il Vescovo Giovanni...