Pubblicità
HomeNewsSancta SedesVaticano: dialogo interreligioso oggi più che mai, credenti uniti forza di pace

Vaticano: dialogo interreligioso oggi più che mai, credenti uniti forza di pace

Vaticano: dialogo interreligioso oggi più che mai, credenti uniti forza di paceLa maggior parte dei musulmani “non si riconosce nella barbarie” terroristica che strumentalizza la religione per i suoi scopi. Il dialogo con l’islam resta un dovere, perché i credenti uniti costituiscono “un formidabile potenziale di pace”. Sono alcune delle considerazioni contenute in una Dichiarazione diffusa dal Pontificio Consiglio per il Dialogo Interreligioso. Il servizio di Alessandro De Carolis per la Radio Vaticana:

“C’è ancora spazio per dialogare con i musulmani?”. La risposta è: sì, più che mai”. Comincia con questa convinzione netta la Dichiarazione resa nota dal Pontificio Consiglio per il Dialogo Interreligioso, che sgombra il campo dall’equazione “religione” uguale “violenza”.

Chi crede in Dio rifiuta la violenza
Nonostante la cronaca più recente, si rileva, mostri una “radicalizzazione del discorso comunitario e religioso, con i conseguenti rischi dell’incremento dell’odio, della violenza, del terrorismo e alla crescente e banale stigmatizzazione dei musulmani e della loro religione”, con l’islam si può e deve dialogare perché anzitutto, si afferma, “la grande maggioranza dei musulmani stessi non si riconosce nella barbarie in atto” e poi perché “i credenti devono dimostrare che le religioni sono chiamate ad essere foriere di pace e non di violenza”.

L’infamia del terrorismo
“Uccidere, invocando una religione – viene ribadito nella nota – non è soltanto offendere Dio ma è anche una sconfitta dell’umanità”. Benedetto XVI, si ricorda, nel 2006 usò parole dure a riguardo asserendo che “nessuna circostanza vale a giustificare” il terrorismo, “che copre di infamia” chi lo attua “e che è tanto più deprecabile quando si fa scudo di una religione, abbassando così la pura verità di Dio alla misura della propria cecità e perversione morale”. “Pertanto – fa eco Papa Francesco, con quanto disse lo scorso novembre ad Ankara – la violenza che cerca una giustificazione religiosa merita la più forte condanna, perché l’Onnipotente è Dio della vita e della pace”.

Formidabile forza di pace
Sul versante opposto, prosegue la Dichiarazione, “i credenti costituiscono un formidabile potenziale di pace” e lungi dal voler “imporre la loro visione della persona e della storia”, con la loro ricerca del dialogo intendono “proporre il rispetto delle differenze, la libertà di pensiero e di religione, la salvaguardia della dignità umana e l’amore della verità”. E “continuare a dialogare anche quando si fa l’esperienza della persecuzione, può diventare – si insiste – un segno di speranza”.

Famiglia e scuola, chiavi della fraternità
La Dichiarazione del dicastero pontificio termina con l’invito ad avere il “coraggio di rivedere la qualità della vita in famiglia, le modalità di insegnamento della religione e della storia, il contenuto delle prediche nei nostri luoghi di culto”. Soprattutto la famiglia e la scuola, conclude, “sono le chiavi perché il mondo di domani si basi sul rispetto reciproco e sulla fraternità”.

A cura di Redazione Papaboys fonte: Radio Vaticana

Informazioni sulla Donazione

Vorrei fare una donazione del valore di :

€100€50€10Altri

Vorrei che questa donazione fosse ripetuta ogni mese

Informazioni sulla donazione

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

306,073FansLike
20,918FollowersFollow
9,982FollowersFollow
8,600SubscribersSubscribe

News recenti

Preghiera a Sant'Antonio

La preghiera del mattino di Sant’Antonio per sconfiggere il ‘nemico’ (si...

La preghiera di Sant'Antonio per sconfiggere il nemico Conoscevi questa potente preghiera di Sant'Antonio contro il male? Sant’Antonio, secondo la tradizione popolare, diede una preghiera ad...