Pubblicità
HomeTrending NowVangelo: 'Vi saranno fatti terrificanti e segni dal cielo'. Commento alla Parola...

Vangelo: ‘Vi saranno fatti terrificanti e segni dal cielo’. Commento alla Parola di martedì 23 novembre 2021

Il Vangelo del giorno: Martedì 23 Novembre 2021

Lettura e commento al Vangelo di oggi – Lc 21,5-11: “Non sarà lasciata pietra su pietra.”

+ Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, mentre alcuni parlavano del tempio, che era ornato di belle pietre e di doni votivi, Gesù disse: «Verranno giorni nei quali, di quello che vedete, non sarà lasciata pietra su pietra che non sarà distrutta».
Gli domandarono: «Maestro, quando dunque accadranno queste cose e quale sarà il segno, quando esse staranno per accadere?». Rispose: «Badate di non lasciarvi ingannare. Molti infatti verranno nel mio nome dicendo: “Sono io”, e: “Il tempo è vicino”. Non andate dietro a loro! Quando sentirete di guerre e di rivoluzioni, non vi terrorizzate, perché prima devono avvenire queste cose, ma non è subito la fine».
Poi diceva loro: «Si solleverà nazione contro nazione e regno contro regno, e vi saranno in diversi luoghi terremoti, carestie e pestilenze; vi saranno anche fatti terrificanti e segni grandiosi dal cielo.

Parola del Signore

Vangelo di oggi - 23 novembre 2021
Vangelo di oggi – 23 novembre 2021 (Foto di dozemode da Pixabay)

Commento a cura di Paolo Curtaz

Se solo ascoltassimo quanto ci dice il Signore! Tutte le cose sono destinate a scomparire, anche il magnifico tempio che ha ridato lustro e gloria alla decadente Gerusalemme.

Erode il grande, con grande intuito politico, aveva dato il via ai lavori di ampliamento nel 19 a.C. e sarà finito solo nel 62 d.C.: ottant’anni per costruire uno spazio capace di accogliere quasi centocinquantamila persone. E ne durerà solo dieci prima di essere raso al suolo da Tito e dall’esercito romano giunto nella capitale per sedare la rivolta. Quante opere d’arte, frutto dell’ingegno umano vengono distrutte dall’idiozia umana e dalla violenza! Quante volte nella storia la cultura e la bellezza sono spazzate via dalla bramosia di potere degli uomini!

LEGGI: Il cardinale Comastri ci avvisa: ‘Lo squillo delle 7 trombe dell’Apocalisse..’

Ma, ci ammonisce il Signore, gli sconvolgimenti non sono il segno della fine dei tempi.

Nessuno sa quando sarà tale fine, nemmeno il Figlio dell’uomo; ciò che possiamo fare è non scoraggiarci e continuare a costruire il Regno di Dio là dove viviamo, con fede e semplicità.

Davanti agli eventi drammatici degli uomini siamo invitati a proclamare la salvezza che proviene da Dio e a vivere da salvati.

Video commento di don Alessandro Farano

Informazioni sulla Donazione

Vorrei fare una donazione del valore di :

€100€50€10Altri

Vorrei che questa donazione fosse ripetuta ogni mese

Informazioni sulla donazione

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

305,867FansLike
20,918FollowersFollow
10,164FollowersFollow
8,600SubscribersSubscribe

News recenti

San Juan Diego Cuauhtlatoatzin, veggente di Guadalupe

Il Santo di oggi, 9 Dicembre 2021: San Juan Diego Cuauhtlatoatzin,...

Oggi si ricorda San Juan Diego, Veggente di Guadalupe San Juan Diego, è stato un azteco convertito al Cristianesimo. Fu il veggente nel 1531 delle...