Pubblicità
HomeTrending NowVangelo, lettura e commento del 3 Novembre 2021. Chi non rinuncia a...

Vangelo, lettura e commento del 3 Novembre 2021. Chi non rinuncia a tutti i suoi averi…

Lettura e commento al Vangelo di mercoledì 3 Novembre 2021. Chi non rinuncia a tutti i suoi averi, non può essere mio discepolo.

Lc 14,25-33
Chi non rinuncia a tutti i suoi averi, non può essere mio discepolo.

In quel tempo, una folla numerosa andava con Gesù. Egli si voltò e disse loro:
«Se uno viene a me e non mi ama più di quanto ami suo padre, la madre, la moglie, i figli, i fratelli, le sorelle e perfino la propria vita, non può essere mio discepolo. Colui che non porta la propria croce e non viene dietro a me, non può essere mio discepolo.
Chi di voi, volendo costruire una torre, non siede prima a calcolare la spesa e a vedere se ha i mezzi per portarla a termine? Per evitare che, se getta le fondamenta e non è in grado di finire il lavoro, tutti coloro che vedono comincino a deriderlo, dicendo: “Costui ha iniziato a costruire, ma non è stato capace di finire il lavoro”.

Oppure quale re, partendo in guerra contro un altro re, non siede prima a esaminare se può affrontare con diecimila uomini chi gli viene incontro con ventimila? Se no, mentre l’altro è ancora lontano, gli manda dei messaggeri per chiedere pace.
Così chiunque di voi non rinuncia a tutti i suoi averi, non può essere mio discepolo».

Vangelo

Come vivere questa Parola?

Le due parabole raccontate da Gesù ci indicano dei criteri di scelta saggi e prudenti e ci sollecitano a calcolare se abbiamo le risorse necessarie per vivere responsabilmente i nostri doveri quotidiani. Non solo, ma sono un invito a confrontarci con i nostri criteri di giudizio e a rivedere il nostro modo di valutare. La conclusione della parabola ci ricorda che il vero calcolo da fare non concerne i mezzi di cui disponiamo per operare, ma la disponibilità a privarcene, per non riporre la fiducia in noi stessi, ma in Colui che suscita in noi il volere e l’operare.

Insegnaci Signore a porre in Te la nostra fiducia, a credere che Tu precedi i nostri passi, a lasciare a Te il primato, sempre. Ti preghiamo, Signore, libera noi da noi stessi!

Non si può essere cristiani a tempo

La croce che Gesù ci chiede di prendere per poter andare dietro di Lui è proprio questa: liberarsi da ogni persona che ci chiede di essere nostro maestro, nostra luce. Dire ad un padre, ad una madre, ad un fratello: “Tu non sei mia luce, mia luce è solo Cristo Gesù“, costa. A volte ci si deve mettere contro la loro volontà, desideri, richieste. Ma è solo questa rinuncia la via della vita, non ve ne sono altre.

 

Informazioni sulla Donazione

Vorrei fare una donazione del valore di :

€100€50€10Altri

Vorrei che questa donazione fosse ripetuta ogni mese

Informazioni sulla donazione

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

305,867FansLike
20,918FollowersFollow
10,160FollowersFollow
8,600SubscribersSubscribe

News recenti

Loreto

Novena alla Madonna di Loreto. Oggi, domenica 5 dicembre 2021, è...

Camminiamo nel cuore dell’Avvento, recitando insieme il 5° giorno della Novena alla Madonna di Loreto. Vergine Lauretana, nel salutarti con filiale devozione amo ripetere le...