Home Trending Now Vangelo. Lettura e Commento alla Parola di Sabato 14 Novembre 2020

Vangelo. Lettura e Commento alla Parola di Sabato 14 Novembre 2020

Vangelo del giorno: Sabato, 14 Novembre 2020

Lettura e commento al Vangelo di Sabato 14 Novembre – Lc 18,1-8: “Dio farà giustizia ai suoi eletti che gridano verso di lui.”

+ Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, Gesù diceva ai suoi discepoli una parabola sulla necessità di pregare sempre, senza stancarsi mai:

«In una città viveva un giudice, che non temeva Dio né aveva riguardo per alcuno. In quella città c’era anche una vedova, che andava da lui e gli diceva: “Fammi giustizia contro il mio avversario”.
Per un po’ di tempo egli non volle; ma poi disse tra sé: “Anche se non temo Dio e non ho riguardo per alcuno, dato che questa vedova mi dà tanto fastidio, le farò giustizia perché non venga continuamente a importunarmi”».

E il Signore soggiunse: «Ascoltate ciò che dice il giudice disonesto. E Dio non farà forse giustizia ai suoi eletti, che gridano giorno e notte verso di lui? Li farà forse aspettare a lungo? Io vi dico che farà loro giustizia prontamente. Ma il Figlio dell’uomo, quando verrà, troverà la fede sulla terra?».

Parola del Signore

LEGGI: La supplica per invocare San Filippo Neri: santo della gioia

Vangelo di oggi, 14 Novembre 2020
Vangelo di oggi, 14 Novembre 2020 (valsassinanews.com)

Commento a cura di Paolo Curtaz

Il figlio dell’uomo, quando verrà, troverà ancora la fede sulla terra? La domanda, come staffilata, giunge dopo la parabola del giudice iniquo che serve a Gesù per spiegare che se anche il mondo, rappresentato dal giudice, ignora le richieste di giustizia dei cristiani oppressi, il Padre, invece, li ascolta e risponde loro prontamente. Come a dire: da parte di Dio non ci sono problemi, egli è vigile, sa, interviene, accoglie, ascolta.

Ma da parte degli uomini? Da parte di noi credenti? Spesso le fatiche della vita e le angustie, la quotidianità e gli errori affievoliscono la fiamma della fede, fino quasi a spegnerla.

Sapremo tenerla viva? Sapremo coltivarla in modo che bruci nella notte? La fede ci è stata donata ma è affar nostro tenerla accesa, è compito nostro fare in modo che non si spenga.

Gesù si pone questa domanda con una punta di inquietudine; è in gioco la nostra libertà, non la sua azione. La nostra fede, non la sua. Non chiede: ci saranno ancora le parrocchie, le Diocesi, i dicasteri romani? Solo la fede ci è necessaria. Allora rispondiamo, con verità: sì, Signore troverai ancora la fede sulla terra. La mia.

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

305,914FansLike
19,967FollowersFollow
9,828FollowersFollow
2,330SubscribersSubscribe

News recenti

vergine di fatima primi sabati del mese

La devozione più bella alla Vergine: è il primo sabato del...

La devozione più bella alla Vergine: è il primo sabato del mese, affidati oggi alla Madonna di Fatima, 5 dicembre 2020 Fatima Rinnoviamo la pratica dei...