Home Trending Now Vangelo. Lettura e Commento alla Parola di Martedì, 3 Novembre 2020

Vangelo. Lettura e Commento alla Parola di Martedì, 3 Novembre 2020

Vangelo del giorno – Martedì, 3 Novembre 2020

Lettura e commento al Vangelo di oggi – Lc 14,15-24: “Esci per le strade e lungo le siepi e costringili ad entrare, perché la mia casa si riempia.”

+ Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, uno dei commensali, avendo udito questo, disse a Gesù: «Beato chi prenderà cibo nel regno di Dio!».

Gli rispose: «Un uomo diede una grande cena e fece molti inviti. All’ora della cena, mandò il suo servo a dire agli invitati: “Venite, è pronto”. Ma tutti, uno dopo l’altro, cominciarono a scusarsi. Il primo gli disse: “Ho comprato un campo e devo andare a vederlo; ti prego di scusarmi”. Un altro disse: “Ho comprato cinque paia di buoi e vado a provarli; ti prego di scusarmi”. Un altro disse: “Mi sono appena sposato e perciò non posso venire”.
Al suo ritorno il servo riferì tutto questo al suo padrone. Allora il padrone di casa, adirato, disse al servo: “Esci subito per le piazze e per le vie della città e conduci qui i poveri, gli storpi, i ciechi e gli zoppi”.
Il servo disse: “Signore, è stato fatto come hai ordinato, ma c’è ancora posto”. Il padrone allora disse al servo: “Esci per le strade e lungo le siepi e costringili ad entrare, perché la mia casa si riempia. Perché io vi dico: nessuno di quelli che erano stati invitati gusterà la mia cena”».

Parola del Signore

LEGGI: Oggi la Chiesa ricorda San Martino: uomo dei miracoli (VITA E PREGHIERA)

Vangelo di oggi, 3 Novembre 2020
Vangelo di oggi, 3 Novembre 2020

Commento a cura di Paolo Curtaz

Quante scuse accampiamo pur di non essere felici! E quanti giri di testa, quante resistenze e obiezioni, inutili e reiterate complicazioni.

No, non vogliamo essere davvero felici e questo è il grande inganno che l’avversario ha messo nel profondo del nostro cuore: la rassegnazione e lo scoraggiamento davanti alla vita, come se nulla avesse senso, come se fosse tutto inutile.

La felicità esiste, sì, ma è per pochi privilegiati?

Dio ci invita alla festa, al banchetto in cui è lui lo sposo.

I santi sono proprio coloro che si sono seduti, che non hanno posto nulla innanzi all’amore di Cristo. Nemmeno la morte ci è d’impaccio perché il Signore ha vinto anche la morte e ci dona di condividere l’eternità. E non ci è necessaria nessuna preparazione perché Dio non pone alcuna condizione se non quella di esserci.

Quindi? Cosa abbiamo di meglio da fare dell’essere felici? Smettiamola di fuggire e lasciamoci raggiungere. Accettiamo, finalmente, di sedere alla mensa di Dio.

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

305,847FansLike
19,887FollowersFollow
9,811FollowersFollow
2,330SubscribersSubscribe

News recenti

‘Coroncina all’Angelo Custode’ in compagnia di Papa Francesco. Preghiera della sera, 27 novembre 2020

‘Coroncina all’Angelo Custode’ in compagnia di Papa Francesco. Preghiera della sera,...

Una preghiera bellissima che recitiamo questa sera, 20 luglio 2020, come preghiera per prepararci a chiudere la giornata, in compagnia di Papa Francesco. La coroncina...