Home Trending Now Vangelo. Lettura e Commento alla Parola di Giovedì, 15 Ottobre 2020

Vangelo. Lettura e Commento alla Parola di Giovedì, 15 Ottobre 2020

Vangelo del giorno – Giovedì, 15 Ottobre 2020

Lettura e commento al Vangelo di Giovedì, 15 Ottobre 2020 – Lc 11,47-54: “Sarà chiesto conto del sangue di tutti i profeti: dal sangue di Abele fino al sangue di Zaccarìa.”

+ Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, il Signore disse:

«Guai a voi, che costruite i sepolcri dei profeti, e i vostri padri li hanno uccisi. Così voi testimoniate e approvate le opere dei vostri padri: essi li uccisero e voi costruite.

Per questo la sapienza di Dio ha detto: “Manderò loro profeti e apostoli ed essi li uccideranno e perseguiteranno”, perché a questa generazione sia chiesto conto del sangue di tutti i profeti, versato fin dall’inizio del mondo: dal sangue di Abele fino al sangue di Zaccarìa, che fu ucciso tra l’altare e il santuario. Sì, io vi dico, ne sarà chiesto conto a questa generazione.

Guai a voi, dottori della Legge, che avete portato via la chiave della conoscenza; voi non siete entrati, e a quelli che volevano entrare voi l’avete impedito».

Quando fu uscito di là, gli scribi e i farisei cominciarono a trattarlo in modo ostile e a farlo parlare su molti argomenti, tendendogli insidie, per sorprenderlo in qualche parola uscita dalla sua stessa bocca.

Parola del Signore

LEGGI ANCHE: Preghiera per chiedere una grazia a Santa Teresa oggi

Vangelo di oggi, 15 Ottobre 2020
Vangelo di oggi, 15 Ottobre 2020 (diocesitn.it – Photo-by Joel Muniz)

Commento a cura di Paolo Curtaz

Gesù è libero. Libero perché tutto di Dio, libero perché orientato alla Parola, perché obbediente al Padre. E non ha paura di parlare, di contestare l’ipocrisia e la vanagloria dei farisei, devoti e santi, certo, ma ben consapevoli d’esserlo.

E, quel che è peggio, mette a nudo i limiti di due categorie di persone influenti e temutissime dal popolo: gli scribi e i dottori della Legge.

Gli scribi, in origine, erano semplicemente delle persone che sapevano scrivere e che venivano utilizzati a corte per i documenti ufficiali. Ma, col passare dei secoli, il loro ruolo aveva acquistato un’enorme importanza, facendoli diventare, di fatto, custodi ed interpreti della Torah.

Così come i dottori della Legge che scrutavano ad approfondivano le infinite minuzie dell’interpretazione, cogliendone mille aspetti che sfuggivano al popolo.

E proprio a questo proposito Gesù si scaglia contro di loro: perché usano la loro conoscenza non per avvicinare la gente a Dio ma per manifestare il loro potere.

Guai a noi cristiani se compiamo lo stesso errore!

Guai quando chi ha la possibilità di approfondire la conoscenza di Dio non compie mille sforzi per renderla accessibile!

Redazione Papaboys

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

305,853FansLike
19,535FollowersFollow
9,792FollowersFollow
2,330SubscribersSubscribe

News recenti

rosario-

Ogni giorno una Lode a Maria, 31 ottobre 2020. Morire con...

Ogni giorno una Lode a Maria - 31 ottobre - Morire con il Santo Rosario È certamente una grazia particolare andare incontro alla morte con...