Home Verbum Domini #Vangelo: Ecco, vi mando come agnelli in mezzo a lupi

#Vangelo: Ecco, vi mando come agnelli in mezzo a lupi

#Vangelo: Ecco, vi mando come agnelli in mezzo a lupiLc 10,1-9
La messe è abbondante, ma sono pochi gli operai.

In quel tempo, il Signore designò altri settantadue e li inviò a due a due davanti a sé in ogni città e luogo dove stava per recarsi.  Diceva loro: «La messe è abbondante, ma sono pochi gli operai! Pregate dunque il signore della messe, perché mandi operai nella sua messe! Andate: ecco, vi mando come agnelli in mezzo a lupi; non portate borsa, né sacca, né sandali e non fermatevi a salutare nessuno lungo la strada.  In qualunque casa entriate, prima dite: “Pace a questa casa!”. Se vi sarà un figlio della pace, la vostra pace scenderà su di lui, altrimenti ritornerà su di voi. Restate in quella casa, mangiando e bevendo di quello che hanno, perché chi lavora ha diritto alla sua ricompensa. Non passate da una casa all’altra. Quando entrerete in una città e vi accoglieranno, mangiate quello che vi sarà offerto, guarite i malati che vi si trovano, e dite loro: “È vicino a voi il regno di Dio”».

Creatore della pace sulla terra è il Signore. Lui crea la pace creando l’uomo della pace, il nuovo uomo. Non la crea però Lui direttamente. La crea attraverso l’opera del suo unico Mediatore, Cristo Gesù, che è il Principe della pace, il vero Datore di essa.

Il popolo che camminava nelle tenebre ha visto una grande luce; su coloro che abitavano in terra tenebrosa una luce rifulse. Hai moltiplicato la gioia, hai aumentato la letizia. Gioiscono davanti a te come si gioisce quando si miete e come si esulta quando si divide la preda. Perché tu hai spezzato il giogo che l’opprimeva, la sbarra sulle sue spalle, e il bastone del suo aguzzino, come nel giorno di Madian. Perché ogni calzatura di soldato che marciava rimbombando e ogni mantello intriso di sangue saranno bruciati, dati in pasto al fuoco. Perché un bambino è nato per noi, ci è stato dato un figlio. Sulle sue spalle è il potere e il suo nome sarà: Consigliere mirabile, Dio potente, Padre per sempre, Principe della pace. Grande sarà il suo potere e la pace non avrà fine sul trono di Davide e sul suo regno, che egli viene a consolidare e rafforzare con il diritto e la giustizia, ora e per sempre. Questo farà lo zelo del Signore degli eserciti (Is 9,1-6).

#Vangelo: Ecco, vi mando come agnelli in mezzo a lupi

La pace è un frutto dello Spirito Santo, che a sua volta è un frutto di Cristo e del suo Corpo, cioè la Chiesa. Cristo sulla Croce fa sgorgare dal suo cuore trafitto lo Spirito Santo e sempre lo farà sgorgare dal suo corpo che è la Chiesa. Accogliendo Cristo, divenendo in Lui un solo corpo, l’uomo fa sgorgare lo Spirito della pace. Dona Cristo ai cuori, che nello Spirito Santo, è la loro pace. Se l’uomo non accoglie Cristo, Cristo ritornerà sul suo missionario, per essere dato ad altri, ma lui rimarrà nella carne e produrrà le opere della carne. Senza Cristo accolto non vi è alcuna pace.

Vi dico dunque: camminate secondo lo Spirito e non sarete portati a soddisfare il desiderio della carne. La carne infatti ha desideri contrari allo Spirito e lo Spirito ha desideri contrari alla carne; queste cose si oppongono a vicenda, sicché voi non fate quello che vorreste. Ma se vi lasciate guidare dallo Spirito, non siete sotto la Legge. Del resto sono ben note le opere della carne: fornicazione, impurità, dissolutezza, idolatria, stregonerie, inimicizie, discordia, gelosia, dissensi, divisioni, fazioni, invidie, ubriachezze, orge e cose del genere. Riguardo a queste cose vi preavviso, come già ho detto: chi le compie non erediterà il regno di Dio. Il frutto dello Spirito invece è amore, gioia, pace, magnanimità, benevolenza, bontà, fedeltà, mitezza, dominio di sé; contro queste cose non c’è Legge. Quelli che sono di Cristo Gesù hanno crocifisso la carne con le sue passioni e i suoi desideri. Perciò se viviamo dello Spirito, camminiamo anche secondo lo Spirito. Non cerchiamo la vanagloria, provocandoci e invidiandoci gli uni gli altri (Gal 5,16-26).

#Vangelo: Ecco, vi mando come agnelli in mezzo a lupi

Noi non preghiamo per la pace, preghiamo perché finiscano le guerre. Non è la stessa cosa. Pregare perché le bombe non distruggano più l’uomo, non è dare all’uomo Cristo Signore e neanche dare l’uomo a se stesso. Prega per la pace chi si fa uomo di pace nello Spirito Santo e questa nuova creazione è il frutto dello Spirito Santo versato dal corpo della Chiesa oggi. Chi invita a pregare per la pace deve invitare a Cristo.

La pace si dona, donando Gesù Signore con potenza di Spirito Santo. Cristo è un dono che deve sgorgare dal cuore del missionario, allo stesso modo che lo Spirito Santo è sgorgato dal cuore di Cristo Gesù. Chi rifiuta Cristo, rifiuta la pace. Rimane nella sua vecchia umanità che è generatrice di guerra, inimicizia, invidia, stoltezza, empietà.

Vergine Maria, Madre della Redenzione, Angeli, Santi, fateci datori di Cristo Gesù.

Commento del Movimento Apostolico

Sostieni Papaboys 3.0

Anche se l’emergenza Coronavirus ha reso difficile il lavoro per tutti, abbiamo attivato a nostre spese la modalità di smart working (lavoro da remoto) per stare vicino ad ognuno di voi, senza avere limitazioni di pubblicazione, con informazione e speranza, come ogni giorno, da 10 anni. CI PUOI DARE UNA MANO?

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

I nostri social

9,924FansLike
17,749FollowersFollow
9,724FollowersFollow
1,600SubscribersSubscribe

News recenti

spostamenti.regioni.3giugno

Da oggi, 3 giugno, via libera agli spostamenti tra Regioni. Ma...

Via agli spostamenti tra le Regioni, a confermarlo è il ministro per gli Affari Regionali Francesco Boccia: "Si torna con la mobilità tra le...