Vangelo (8 Novembre) Chi non rinuncia a tutti i suoi averi non può essere mio discepolo

Commento al Vangelo di questo mercoledì: chi non rinuncia a tutti i suoi averi...Lc 14,25-33
Chi non rinuncia a tutti i suoi averi, non può essere mio discepolo.

Una folla numerosa andava con lui. Egli si voltò e disse loro: «Se uno viene a me e non mi ama più di quanto ami suo padre, la madre, la moglie, i figli, i fratelli, le sorelle e perfino la propria vita, non può essere mio discepolo. Colui che non porta la propria croce e non viene dietro a me, non può essere mio discepolo. Chi di voi, volendo costruire una torre, non siede prima a calcolare la spesa e a vedere se ha i mezzi per portarla a termine? Per evitare che, se getta le fondamenta e non è in grado di finire il lavoro, tutti coloro che vedono comincino a deriderlo, dicendo: “Costui ha iniziato a costruire, ma non è stato capace di finire il lavoro”. Oppure quale re, partendo in guerra contro un altro re, non siede prima a esaminare se può affrontare con diecimila uomini chi gli viene incontro con ventimila? Se no, mentre l’altro è ancora lontano, gli manda dei messaggeri per chiedere pace. Così chiunque di voi non rinuncia a tutti i suoi averi, non può essere mio discepolo.

Con Gesù si compie il capovolgimento di tutta l’antica modalità di seguire il Signore. Quando il Signore chiamò Abramo, questi fu invitato a lasciare la sua terra. Non partì però da solo. Portò con sé la moglie, gli schiavi e le schiave, i suoi greggi e i suoi armenti, anche il nipote Lot andò con lui trascinandosi dietro tutti i suoi averi.




Il Signore disse ad Abram: «Vattene dalla tua terra, dalla tua parentela e dalla casa di tuo padre, verso la terra che io ti indicherò. Farò di te una grande nazione e ti benedirò, renderò grande il tuo nome e possa tu essere una benedizione. Benedirò coloro che ti benediranno e coloro che ti malediranno maledirò, e in te si diranno benedette tutte le famiglie della terra». Allora Abram partì, come gli aveva ordinato il Signore, e con lui partì Lot. Abram aveva settantacinque anni quando lasciò Carran. Abram prese la moglie Sarài e Lot, figlio di suo fratello, e tutti i beni che avevano acquistati in Carran e tutte le persone che lì si erano procurate e si incamminarono verso la terra di Canaan. Arrivarono nella terra di Canaan e Abram la attraversò fino alla località di Sichem, presso la Quercia di Morè. Nella terra si trovavano allora i Cananei (Gen 12,1-6).

Si lasciava solo la terra. Si portava con sé ogni altra cosa. Pallida immagine della vocazione evangelica potrebbe essere Lot che abbandona Sodoma. A lui è fatto dono di salvare solo la sua vita e quella della moglie e delle due figlie. Ogni altra cosa dovrà abbandonarla. Nulla potrà portare con sé. Urge uscire dalla città peccatrice.

Quando apparve l’alba, gli angeli fecero premura a Lot, dicendo: «Su, prendi tua moglie e le tue due figlie che hai qui, per non essere travolto nel castigo della città». Lot indugiava, ma quegli uomini presero per mano lui, sua moglie e le sue due figlie, per un grande atto di misericordia del Signore verso di lui; lo fecero uscire e lo condussero fuori della città. Dopo averli condotti fuori, uno di loro disse: «Fuggi, per la tua vita. Non guardare indietro e non fermarti dentro la valle: fuggi sulle montagne, per non essere travolto!».

12208028_1683495135270601_1310530514_n

Ma Lot gli disse: «No, mio signore! Vedi, il tuo servo ha trovato grazia ai tuoi occhi e tu hai usato grande bontà verso di me salvandomi la vita, ma io non riuscirò a fuggire sul monte, senza che la sciagura mi raggiunga e io muoia. Ecco quella città: è abbastanza vicina perché mi possa rifugiare là ed è piccola cosa! Lascia che io fugga lassù – non è una piccola cosa? – e così la mia vita sarà salva». Gli rispose: «Ecco, ti ho favorito anche in questo, di non distruggere la città di cui hai parlato. Presto, fuggi là, perché io non posso far nulla finché tu non vi sia arrivato». Perciò quella città si chiamò Soar. Il sole spuntava sulla terra e Lot era arrivato a Soar, quand’ecco il Signore fece piovere dal cielo sopra Sòdoma e sopra Gomorra zolfo e fuoco provenienti dal Signore. Distrusse queste città e tutta la valle con tutti gli abitanti delle città e la vegetazione del suolo. Ora la moglie di Lot guardò indietro e divenne una statua di sale (Gen 19,15-26).

Gesù chiede ai suoi discepoli una vera morte spirituale con il passato. Questa morte deve abbracciare ogni persona, ogni cosa. Tutto deve essere visto, vissuto, osservato partendo dalla pienissima verità che è nel cuore di Cristo Gesù. Anche la mente si deve liberare dalla sue certezze filosofiche, teologiche, antropologiche, di convenzioni e di apparenze finora ritenute fondamentali. L’adesione al Vangelo è più che una nuova nascita. Come si nasce nudi e nulla si porta nel mondo, così nudi si deve nascere nel Vangelo e nulla si deve portare in esso di tutto ciò che appartiene al vecchio mondo. Il nuovo deve essere perfetto, assoluto. Il vecchio deve morire.




Vergine Maria, Madre della Redenzione, Angeli, Santi, dateci la sapienza del Vangelo.

Commento a cura del Movimento Apostolico

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome