Vangelo (6 Ottobre 2018): Rallegratevi perché i vostri nomi sono scritti nei cieli.

Lc 10,17-24
Rallegratevi perché i vostri nomi sono scritti nei cieli.

In quel tempo, i settantadue tornarono pieni di gioia, dicendo: «Signore, anche i demòni si sottomettono a noi nel tuo nome».
Egli disse loro: «Vedevo Satana cadere dal cielo come una folgore. Ecco, io vi ho dato il potere di camminare sopra serpenti e scorpioni e sopra tutta la potenza del nemico: nulla potrà danneggiarvi. Non rallegratevi però perché i demòni si sottomettono a voi; rallegratevi piuttosto perché i vostri nomi sono scritti nei cieli».
In quella stessa ora Gesù esultò di gioia nello Spirito Santo e disse: «Ti rendo lode, o Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai nascosto queste cose ai sapienti e ai dotti e le hai rivelate ai piccoli. Sì, o Padre, perché così hai deciso nella tua benevolenza. Tutto è stato dato a me dal Padre mio e nessuno sa chi è il Figlio se non il Padre, né chi è il Padre se non il Figlio e colui al quale il Figlio vorrà rivelarlo».
E, rivolto ai discepoli, in disparte, disse: «Beati gli occhi che vedono ciò che voi vedete. Io vi dico che molti profeti e re hanno voluto vedere ciò che voi guardate, ma non lo videro, e ascoltare ciò che voi ascoltate, ma non lo ascoltarono».

Gesù non ha mai permesso che l’illusione e l’inganno entrasse nel cuore dei suoi discepoli. Sempre Lui li ha illuminati con lo splendore della sua verità eterna. La sequela di Gesù non è nei miracoli, ma nell’umiltà e nella mitezza. È nella croce.
Non chiunque mi dice: ?Signore, Signore?, entrerà nel regno dei cieli, ma colui che fa la volontà del Padre mio che è nei cieli. In quel giorno molti mi diranno: ?Signore, Signore, non abbiamo forse profetato nel tuo nome? E nel tuo nome non abbiamo forse scacciato demòni? E nel tuo nome non abbiamo forse compiuto molti prodigi??. Ma allora io dichiarerò loro: ?Non vi ho mai conosciuti. Allontanatevi da me, voi che operate l’iniquità!? (Mt 7,21-23). Allora Gesù disse ai suoi discepoli: «Se qualcuno vuole venire dietro a me, rinneghi se stesso, prenda la sua croce e mi segua. Perché chi vuole salvare la propria vita, la perderà; ma chi perderà la propria vita per causa mia, la troverà. Infatti quale vantaggio avrà un uomo se guadagnerà il mondo intero, ma perderà la propria vita? O che cosa un uomo potrà dare in cambio della propria vita? Perché il Figlio dell’uomo sta per venire nella gloria del Padre suo, con i suoi angeli, e allora renderà a ciascuno secondo le sue azioni (Mt 16,24-27).

Vangelo 5 ottobreSan Paolo pone la carità come sola via per essere graditi a Dio e per poter scrivere il proprio nome nei cieli. Lui esclude finanche l’elemosina da questa finalità.
Se parlassi le lingue degli uomini e degli angeli, ma non avessi la carità, sarei come bronzo che rimbomba o come cimbalo che strepita. E se avessi il dono della profezia, se conoscessi tutti i misteri e avessi tutta la conoscenza, se possedessi tanta fede da trasportare le montagne, ma non avessi la carità, non sarei nulla. E se anche dessi in cibo tutti i miei beni e consegnassi il mio corpo per averne vanto, ma non avessi la carità, a nulla mi servirebbe. La carità è magnanima, benevola è la carità; non è invidiosa, non si vanta, non si gonfia d’orgoglio, non manca di rispetto, non cerca il proprio interesse, non si adira, non tiene conto del male ricevuto, non gode dell’ingiustizia ma si rallegra della verità. Tutto scusa, tutto crede, tutto spera, tutto sopporta (1Cor 13,1-7).
È facile cadere nell’esaltazione, nella superbia, nell’illusione: ?Poiché so fare grandi cose, sono salvo, sono perfetto, sono un buon discepolo di Gesù ?. Cristo Signore così non pensa. I nomi sono scritti nei cieli e rimangono scritti, finché i discepoli rimangono nella Parola di Cristo Signore e la vivono così come il loro Maestro ha vissuto la Parola del Padre: nell’umiltà del cuore e nella mitezza, versando su di essa il proprio sangue.
Vi è una via sicura perché oggi il nostro nome possa essere scritto nei cieli? Noi una via la conosciamo ed è la più sicura di tutte, più sicura della stessa carità, indicata come via infallibile da San Paolo. La nostra via è l’iscrizione di Cristo nel cuore degli uomini. Chi scrive il cuore di Cristo nel cuore degli uomini, avrà scritto il suo nome nei cieli. Chi non scrive il nome di Cristo nel cuore degli uomini, neanche il suo nome avrà scritto nei cieli. Potrà vivere anche di grande carità. Ma non lo salva. La carità ha un solo fine. Servire a noi da inchiostro per scrivere il nome di Gesù nel cuore di tutti.

Madre di Dio, Angeli, Santi, aiutate i cristiani a scrivere il nome di Gesù nei cuori.

Commento a cura del Movimento Apostolico

 

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome