Pubblicità
HomeTrending NowVangelo 4 Maggio 2020. Il buon pastore dà la vita per le...

Vangelo 4 Maggio 2020. Il buon pastore dà la vita per le pecore.

Vangelo del giorno – Lunedì, 4 Maggio 2020

Vangelo di oggi
Vangelo di oggi

Lettura e commento al Vangelo di Lunedì 4 Maggio 2020 – Gv 10,11-18: Il buon pastore dà la vita per le pecore.

+ Dal Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo, Gesù disse:

«Io sono il buon pastore. Il buon pastore dà la propria vita per le pecore. Il mercenario – che non è pastore e al quale le pecore non appartengono – vede venire il lupo, abbandona le pecore e fugge, e il lupo le rapisce e le disperde; perché è un mercenario e non gli importa delle pecore.

Io sono il buon pastore, conosco le mie pecore e le mie pecore conoscono me, così come il Padre conosce me e io conosco il Padre, e do la mia vita per le pecore. E ho altre pecore che non provengono da questo recinto: anche quelle io devo guidare. Ascolteranno la mia voce e diventeranno un solo gregge, un solo pastore.

Per questo il Padre mi ama: perché io do la mia vita, per poi riprenderla di nuovo. Nessuno me la toglie: io la do da me stesso. Ho il potere di darla e il potere di riprenderla di nuovo. Questo è il comando che ho ricevuto dal Padre mio».

Parola del Signore

LEGGI: Oggi la Chiesa festeggia la Sacra Sindone. Scopri la storia e il significato

Commento a cura di Paolo Curtaz

Al tempo di Gesù le pecore venivano radunate durante la notte e chiuse in un basso recinto fatto di pietre accatastate. A volte, ad aumentare un po’ la sicurezza, si aggiungeva una fila di rovi spinosi, in modo da impedire ai ladri e ai lupi di accedere e di fare scempio del gregge.

Vangelo di oggi
Vangelo di oggi

Il recinto, normalmente, sorgeva nei pressi del villaggio e radunava le pecore di numerosi proprietari. A turno, poi, questi si alternavano per la veglia della notte: si ponevano nell’unica apertura del recinto di pietre e, seduti, si appoggiavano con la schiena ad uno stupite e con le gambe rannicchiate chiudevano il passaggio: diventavano loro stessi la “porta” del recinto. Impedivano così ai malintenzionati di avvicinarsi.

Gesù è quel pastore che passa la notte a vegliare, accovacciato all’apertura del recinto di pietre, diventando egli stesso la porta che lascia passare solo chi ha a che fare con le pecore e tiene lontano i nemici, i briganti, i ladri. Le pecore fanno gola a molti, allora come oggi. Noi pecore, spesso, veniamo raggiunte da persone cui non stiamo a cuore.

Molti, troppi, si avvicinano a noi con seconde intenzioni, a volte, purtroppo, all’interno della stessa Chiesa.

Fonte lachiesa.it

Informazioni sulla Donazione

Vorrei fare una donazione del valore di :

€100€50€10Altri

Vorrei che questa donazione fosse ripetuta ogni mese

Informazioni sulla donazione

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

305,867FansLike
20,918FollowersFollow
9,964FollowersFollow
8,600SubscribersSubscribe

News recenti

Gigliola Candian

Medjugorje. Gigliola guarita dalla sclerosi multipla: ‘Ho visto il volto di...

Gigliola Candian racconta il suo miracolo avvenuto a Medjugorje. La sua guarigione ha fatto il giro dei telegiornali nazionali. La storia Gigliola vive a Fossò, in...