Home Verbum Domini Vangelo (31 Luglio) Alzò gli occhi al cielo, recitò la benedizione, spezzò...

Vangelo (31 Luglio) Alzò gli occhi al cielo, recitò la benedizione, spezzò i pani…

Pubblicità

#Vangelo: Alzò gli occhi al cielo, recitò la benedizione, spezzò i pani...Mt 14,13-21
Alzò gli occhi al cielo, recitò la benedizione, spezzò i pani e li diede ai discepoli, e i discepoli alla folla.

Pubblicità

In quel tempo, avendo udito [della morte di Giovanni Battista], Gesù partì di là su una barca e si ritirò in un luogo deserto, in disparte. Ma le folle, avendolo saputo, lo seguirono a piedi dalle città. Sceso dalla barca, egli vide una grande folla, sentì compassione per loro e guarì i loro malati. Sul far della sera, gli si avvicinarono i discepoli e gli dissero: «Il luogo è deserto ed è ormai tardi; congeda la folla perché vada nei villaggi a comprarsi da mangiare». Ma Gesù disse loro: «Non occorre che vadano; voi stessi date loro da mangiare». Gli risposero: «Qui non abbiamo altro che cinque pani e due pesci!». Ed egli disse: «Portatemeli qui». E, dopo aver ordinato alla folla di sedersi sull’erba, prese i cinque pani e i due pesci, alzò gli occhi al cielo, recitò la benedizione, spezzò i pani e li diede ai discepoli, e i discepoli alla folla. Tutti mangiarono a sazietà, e portarono via i pezzi avanzati: dodici ceste piene. Quelli che avevano mangiato erano circa cinquemila uomini, senza contare le donne e i bambini.

Se uno mangia da solo il suo pane, si ammala. Non mangia pane, ma veleno. Perché il pane perda e si liberi da ogni veleno di morte è necessario che sempre venga spezzato, sia esso molto o poco, abbondante o scarso. Il gesto dello spezzare il pane deve essere la caratteristica del cristiano. In questo deve essere un ottimo maestro. Questo gesto deve essere il suo distintivo, la sua carta di identità cristiana, il suo passaporto per il Paradiso, la sua carta di credito sempre piena di ogni benedizione.

Pubblicità

Non è un puro caso. Gesù racconta due parabole sul pane non spezzato ed esse terminano con la morte fisica ed eterna di quanti hanno mangiato il pane senza spezzarlo. Dovremmo riflettere. La morte ama queste persone e le rincorre.

#Vangelo: Alzò gli occhi al cielo, recitò la benedizione, spezzò i pani...

Poi disse loro una parabola: «La campagna di un uomo ricco aveva dato un raccolto abbondante. Egli ragionava tra sé: “Che farò, poiché non ho dove mettere i miei raccolti? Farò così – disse –: demolirò i miei magazzini e ne costruirò altri più grandi e vi raccoglierò tutto il grano e i miei beni. Poi dirò a me stesso: Anima mia, hai a disposizione molti beni, per molti anni; ripòsati, mangia, bevi e divèrtiti!”. Ma Dio gli disse: “Stolto, questa notte stessa ti sarà richiesta la tua vita. E quello che hai preparato, di chi sarà?”. Così è di chi accumula tesori per sé e non si arricchisce presso Dio» (Lc 12,16-21).

C’era un uomo ricco, che indossava vestiti di porpora e di lino finissimo, e ogni giorno si dava a lauti banchetti. Un povero, di nome Lazzaro, stava alla sua porta, coperto di piaghe, bramoso di sfamarsi con quello che cadeva dalla tavola del ricco; ma erano i cani che venivano a leccare le sue piaghe. Un giorno il povero morì e fu portato dagli angeli accanto ad Abramo. Morì anche il ricco e fu sepolto. Stando negli inferi fra i tormenti, alzò gli occhi e vide di lontano Abramo, e Lazzaro accanto a lui. Allora gridando disse: “Padre Abramo, abbi pietà di me e manda Lazzaro a intingere nell’acqua la punta del dito e a bagnarmi la lingua, perché soffro terribilmente in questa fiamma”. Ma Abramo rispose: “Figlio, ricòrdati che, nella vita, tu hai ricevuto i tuoi beni, e Lazzaro i suoi mali; ma ora in questo modo lui è consolato, tu invece sei in mezzo ai tormenti. Per di più, tra noi e voi è stato fissato un grande abisso: coloro che di qui vogliono passare da voi, non possono, né di lì possono giungere fino a noi”. E quello replicò: “Allora, padre, ti prego di mandare Lazzaro a casa di mio padre, perché ho cinque fratelli. Li ammonisca severamente, perché non vengano anch’essi in questo luogo di tormento”. Ma Abramo rispose: “Hanno Mosè e i Profeti; ascoltino loro”. E lui replicò: “No, padre Abramo, ma se dai morti qualcuno andrà da loro, si convertiranno”. Abramo rispose: “Se non ascoltano Mosè e i Profeti, non saranno persuasi neanche se uno risorgesse dai morti”» (Lc 16,19-31).

Oggi il pane manca perché molti hanno deciso di mangiarlo senza spezzarlo. Mangiano e si nutrono di morte. Non amano la loro vita. Gesù prende pochi pani, li spezza e una folla innumerevole si sazia. Dei pezzi avanzati si raccolgono dodici ceste.

#Vangelo: Alzò gli occhi al cielo, recitò la benedizione, spezzò i pani...

Avendo udito questo, Gesù partì di là su una barca e si ritirò in un luogo deserto, in disparte. Ma le folle, avendolo saputo, lo seguirono a piedi dalle città. Sceso dalla barca, egli vide una grande folla, sentì compassione per loro e guarì i loro malati. Sul far della sera, gli si avvicinarono i discepoli e gli dissero: «Il luogo è deserto ed è ormai tardi; congeda la folla perché vada nei villaggi a comprarsi da mangiare». Ma Gesù disse loro: «Non occorre che vadano; voi stessi date loro da mangiare». Gli risposero: «Qui non abbiamo altro che cinque pani e due pesci!». Ed egli disse: «Portatemeli qui». E, dopo aver ordinato alla folla di sedersi sull’erba, prese i cinque pani e i due pesci, alzò gli occhi al cielo, recitò la benedizione, spezzò i pani e li diede ai discepoli, e i discepoli alla folla. Tutti mangiarono a sazietà, e portarono via i pezzi avanzati: dodici ceste piene. Quelli che avevano mangiato erano circa cinquemila uomini, senza contare le donne e i bambini.

Chi vuole salvare la sua vita dalla morte, chi si ama, una cosa sola deve fare: spezzare sempre il suo pane con tutti, senza paura, senza timore, senza alcuna preoccupazione per il futuro. È il pane spezzato il solo vero investimento per il domani. Più si spezza e più si investe e più il Signore ricolma di vera vita. Gesù è riconosciuto perché spezza il pane. Ha spezzato il pane del suo corpo, ma anche l’altro pane sempre.

Vergine Maria, Madre della Redenzione, Angeli, Santi, insegnateci a spezzare il pane.

Commento del Movimento Apostolico

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

I nostri social

9,916FansLike
17,749FollowersFollow
9,745FollowersFollow
1,600SubscribersSubscribe

News recenti

Padre Pio da Pietralcina, 5 Luglio 2020

Noi amiamo Padre Pio! Domenica, 5 Luglio 2020; leggi le sue...

La rubrica dedicata alle parole di Padre Pio Pensieri, parole, consigli del santo per affrontare la giornata con spirito di Fede. LE FRASI DA LEGGERE OGGI