Vangelo 29 Gennaio 2019. Chi fa la volontà di Dio, costui per me è fratello, sorella e madre.

Mc 3,31-35
Chi fa la volontà di Dio, costui per me è fratello, sorella e madre.

In quel tempo, giunsero la madre di Gesù e i suoi fratelli e, stando fuori, mandarono a chiamarlo.
Attorno a lui era seduta una folla, e gli dissero: «Ecco, tua madre, i tuoi fratelli e le tue sorelle stanno fuori e ti cercano».
Ma egli rispose loro: «Chi è mia madre e chi sono i miei fratelli?». Girando lo sguardo su quelli che erano seduti attorno a lui, disse: «Ecco mia madre e i miei fratelli! Perché chi fa la volontà di Dio, costui per me è fratello, sorella e madre».

Vangelo 15 Gennaio 2019

Chi è mia madre e chi sono i miei fratelli?

Sappiamo che Gesù è guidato dallo Spirito Santo. Ogni suo pensiero, sentimento, desiderio, volontà, affetto, tutto il suo cuore, la sua anima, il suo corpo, le sue forze, sono state da Lui consegnate, offerte al Padre suo perché se ne servisse per operare la redenzione e la salvezza dell’umanità. Gesù non può essere governato dagli Angeli. Non sono la volontà di Dio. Non può essere guidato da Satana. Satana è spirito avverso, nemico di Dio e dell’uomo.

Lui non vuole la salvezza, ma la perdizione. Per questo tenta, per allontanare dalla divina volontà, nel cui compimento solamente vi è salvezza e redenzione. Non può essere governato da nessun uomo, né dalla Madre, anche se santissima, e neanche dai suoi fratelli. Non sono essi il Padre suo. Gesù non può dipendere da nessuna creatura. Lui è solo e tutto del Padre suo. Tutto il suo tempo è del Padre suo e il Padre vuole che lo si impieghi per l’annunzio del Vangelo e per la manifestazione del suo amore, della sua grande misericordia, della sua verità e giustizia. Gesù deve obbedienza solo al Padre per volontà donata, consegnata, offerta.

La differenza tra noi e Gesù è proprio in questo. Nei sacramenti gli diamo il corpo, ma non l’anima e non lo spirito, non la volontà e neanche il cuore. Il corpo viene battezzato, poi viene cresimato. Il corpo viene consacrato presbitero, il corpo si sposa. Poiché l’anima, il cuore, la mente, la volontà non sono dati a Dio in modo perenne, eterno, senza più ritorno indietro, siamo discepolo di Gesù, ma serviamo Satana. Ci dichiariamo pieni di Spirito Santo, ma camminiamo con lo spirito del mondo.

Ci lasciamo consacrare presbiteri, ma con il nostro cuore e la nostra mente, non secondo il cuore, l’anima, la mente di Cristo. L’inossiamo gli abiti sacerdotali, ma non ci rivestiamo di Cristo, il nostro unico e solo abito da indossare per tutta la nostra vita. Ci si sposa. Ci si dichiara una sola carne. Poiché non si diviene un solo cuore, una sola anima, un solo spirito, ognuno cammina per suo conto. Subito anche il corpo cammina da se stesso e va alla ricerca di altri corpi, ma sempre come corpi da usare per soddisfare libidine e concupiscienza, lussuria e impurità. L’anima e il cuore rimangono sempre nostri e per questo si passa da un corpo all’altro corpo.

Gesù, già a dodici anni, aveva detto alla Madre sua che lui deve occuparsi delle cose del Padre suo. Ma anche nel curare le cose del Padre, Gesù non è mai dalla sua volontà, ma dal comando del Padre, che può raggiungerlo in ogni momento, chiedendogli di lasciare ciò che sta facendo, per dedicarsi ad altre cose.

Lo abbiamo già visto altre volte. Gesù è in Cafarnao. Vi sono molti ammalati che attendono di essere da Lui curati. Il Padre gli ordina di recarsi altrove a predicare il Vangelo, Lui lascia gli ammalati e si dirige nei villaggi vicini per annunziare la buona novella. Quando gli è chiesto il permesso di poterlo seguire, Gesù risponde che gli uccelli del cielo hanno i loro nidi e le volpi le loro tane. Il Figlio dell’uomo non ha invece dove posare il capo. Forse perché non c’è una casa che possa accoglierlo? Può esserci anche la casa. Ma non c’è il suo corpo, la cui casa è solo la volontà del Padre suo.

Chi fa la volontà di Dio, costui per me è fratello, sorella e madre

La Madre e i suoi parenti sono venuti a trovare Gesù. Desiderano vederlo. Trascorrere con Lui un po’ del loro tempo. La sua risposta è immediata. Ecco mia madre e i miei fratelli! Perché chi fa la volontà di Dio, costui per me è fratello, sorella e madre. Con questa dichiarazione, Gesù ribadisce al mondo che chi vuole essere suo fratello, sua sorella e madre, deve fare la volontà di Dio. Qual è la volontà di Dio? Che a Lui sia consentito di fare la volontà del Padre suo. Nessuno può dire a Gesù cosa deve fare o cosa non deve fare. Tutto il suo tempo è del Padre e in questo dono va rispettato.

Madre di Dio, Angeli, Santi, aiutateci a fare la volontà di Dio come Gesù Signore.

Commento a cura del Movimento Apostolico

Sostieni Papaboys 3.0

Se sei arrivato o arrivata a leggere fino qui è evidente che apprezzi il nostro Sito. Ed anche ciò che scriviamo. Lo facciamo da 10 anni, con il cuore, senza interessi economici o politici, semplicemente perché il cuore ci chiama a farlo. E ci mettiamo passione, costanza, ed anche quel pizzico di professionalità che deve contraddistinguere i cristiani. Ecco perché siamo “missionari di parabole antiche e sempre nuove: chiamati ad esserci, ed a stare anche vicini ad ognuno di voi”.

Un numero sempre maggiore di persone legge Papaboys.org senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente. Soprattutto quando si parla di cristianesimo.

Purtroppo il tipo di informazione che cerchiamo di offrire richiede molto tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire tutti i giorni i costi quotidiani di Papaboys.org ed abbiamo deciso di chiedere proprio a te che leggi di essere per noi, proprio Provvidenza.

Puoi aiutarci a continuare questa missione sempre meglio e con maggiore spessore ed incisività? L’unica cosa che non possiamo garantirti è aumentare il cuore che ci mettiamo per fare questo lavoro, perché fino ad oggi ce lo abbiamo messo davvero tutto! Ma con un po’ di sostegno in più, possiamo essere davvero più incisivi, per te, e per tutti coloro che ci seguono (quasi 2.000.000 di lettori ogni mese!)

Inviaci il tuo contributo, quello che vuoi, e che puoi. E che Dio ti benedica!

Grazie
Daniele Venturi
Direttore Papaboys.org

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €15.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome