Vangelo – 28 Ottobre 2018: Rabbunì, che io veda di nuovo!

Mc 10,46-52
Rabbunì, che io veda di nuovo!

In quel tempo, mentre Gesù partiva da Gèrico insieme ai suoi discepoli e a molta folla, il figlio di Timèo, Bartimèo, che era cieco, sedeva lungo la strada a mendicare. Sentendo che era Gesù Nazareno, cominciò a gridare e a dire: «Figlio di Davide, Gesù, abbi pietà di me!».
Molti lo rimproveravano perché tacesse, ma egli gridava ancora più forte: «Figlio di Davide, abbi pietà di me!».


Gesù si fermò e disse: «Chiamatelo!». Chiamarono il cieco, dicendogli: «Coraggio! Àlzati, ti chiama!». Egli, gettato via il suo mantello, balzò in piedi e venne da Gesù.
Allora Gesù gli disse: «Che cosa vuoi che io faccia per te?». Il cieco gli rispose: «Rabbunì, che io veda di nuovo!». Gesù gli disse: «Va’, la tua fede ti ha salvato». E subito vide di nuovo e lo seguiva lungo la strada.

Rabbunì, che io veda di nuovo!

Non appena l’uomo fu creato, vedeva con gli occhi di Dio, pensava con il pensiero di Dio, amava con il cuore di Dio, voleva con la volontà di Dio. Ogni cosa gli rivelava la gloria del Signore, la sua grandezza e bontà, lo splendore della sua onnipotenza.

E il Signore Dio disse: «Non è bene che l’uomo sia solo: voglio fargli un aiuto che gli corrisponda». Allora il Signore Dio plasmò dal suolo ogni sorta di animali selvatici e tutti gli uccelli del cielo e li condusse all’uomo, per vedere come li avrebbe chiamati: in qualunque modo l’uomo avesse chiamato ognuno degli esseri viventi, quello doveva essere il suo nome. Così l’uomo impose nomi a tutto il bestiame, a tutti gli uccelli del cielo e a tutti gli animali selvatici, ma per l’uomo non trovò un aiuto che gli corrispondesse.

Allora il Signore Dio fece scendere un torpore sull’uomo, che si addormentò; gli tolse una delle costole e richiuse la carne al suo posto. Il Signore Dio formò con la costola, che aveva tolta all’uomo, una donna e la condusse all’uomo. Allora l’uomo disse: «Questa volta è osso dalle mie ossa, carne dalla mia carne. La si chiamerà donna, perché dall’uomo è stata tolta». Per questo l’uomo lascerà suo padre e sua madre e si unirà a sua moglie, e i due saranno un’unica carne. Ora tutti e due erano nudi, l’uomo e sua moglie, e non provavano vergogna (Gen 2,18-25).

#Vangelo: Rabbunì, che io veda di nuovo!
Poi l’uomo peccò. Di Dio perse occhi, pensiero, cuore, volontà. Divenne cieco. Vede ogni cosa da cieco e anche da cieco pensa ogni cosa. Nel suo cuore entra l’istinto, la concupiscienza, il disordine morale. Si è ridotto proprio male. Non si conosce più.
Il serpente era il più astuto di tutti gli animali selvatici che Dio aveva fatto e disse alla donna: «È vero che Dio ha detto: ?Non dovete mangiare di alcun albero del giardino??». Rispose la donna al serpente: «Dei frutti degli alberi del giardino noi possiamo mangiare, ma del frutto dell’albero che sta in mezzo al giardino Dio ha detto: ?Non dovete mangiarne e non lo dovete toccare, altrimenti morirete?».

Ma il serpente disse alla donna: «Non morirete affatto! Anzi, Dio sa che il giorno in cui voi ne mangiaste si aprirebbero i vostri occhi e sareste come Dio, conoscendo il bene e il male». Allora la donna vide che l’albero era buono da mangiare, gradevole agli occhi e desiderabile per acquistare saggezza; prese del suo frutto e ne mangiò, poi ne diede anche al marito, che era con lei, e anch’egli ne mangiò.

 

Allora si aprirono gli occhi di tutti e due e conobbero di essere nudi; intrecciarono foglie di fico e se ne fecero cinture. Poi udirono il rumore dei passi del Signore Dio che passeggiava nel giardino alla brezza del giorno, e l’uomo, con sua moglie, si nascose dalla presenza del Signore Dio, in mezzo agli alberi del giardino. Ma il Signore Dio chiamò l’uomo e gli disse: «Dove sei?». Rispose: «Ho udito la tua voce nel giardino: ho avuto paura, perché sono nudo, e mi sono nascosto». Riprese: «Chi ti ha fatto sapere che sei nudo? Hai forse mangiato dell’albero di cui ti avevo comandato di non mangiare?». Rispose l’uomo: «La donna che tu mi hai posto accanto mi ha dato dell’albero e io ne ho mangiato» (Gen 3,1-12).

L’uomo, simboleggiato dal cieco di Gerico, chiede a Gesù che gli dia di nuovo la vista. Per questo deve togliere il peccato dal suo cuore. Ora gli potrà dare solo la vista degli di carne. Lui lo segue fino a Gerusalemme. Sarà dopo la sua morte che potrà dargli gli occhi dello spirito. Sarà allora che lui tornerà a vedere nuovamente con gli occhi di Dio.
Peccato e occhi di Dio non stanno assieme. Si pecca, si diviene ciechi. Non si vede secondo Dio. Con il peccato si prende il cuore di Satana, si vede secondo Satana.

Vergine Maria, Angeli, Santi, dateci di nuovo la vista. Fateci vedere con gli occhi di Dio.

Commento a cura del Movimento Apostolico

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome