Vangelo 24 Gennaio 2020. Chiamò a sé quelli che voleva perché stessero con lui.

Chiamò a sé quelli che voleva perché stessero con lui.

Vangelo di oggi
Vangelo

Lettura e commento al Vangelo di venerdì 24 Gennaio 2020: Mc 3,13-19 – Chiamò a sé quelli che voleva perché stessero con lui.

LEGGI: Oggi la Chiesa ricorda San Francesco di Sales (Vita)

+ Dal Vangelo secondo Marco

In quel tempo, Gesù salì sul monte, chiamò a sé quelli che voleva ed essi andarono da lui. Ne costituì Dodici – che chiamò apostoli –, perché stessero con lui e per mandarli a predicare con il potere di scacciare i demòni.
Costituì dunque i Dodici: Simone, al quale impose il nome di Pietro, poi Giacomo, figlio di Zebedèo, e Giovanni fratello di Giacomo, ai quali diede il nome di Boanèrghes, cioè “figli del tuono”; e Andrea, Filippo, Bartolomeo, Matteo, Tommaso, Giacomo, figlio di Alfeo, Taddeo, Simone il Cananeo e Giuda Iscariota, il quale poi lo tradì.

Parola del Signore

Commento al Vangelo a cura di Paolo Curtaz

Gesù ha bisogno di avere delle persone che stiano con lui per condividere la sua missione e chiama a sé quelli che vuole. La sua è un’iniziativa libera, una proposta che mette in gioco la libertà di chi riceve l’invito a seguirlo.

Vangelo
Vangelo

Così nasce la Chiesa: attraverso la preghiera, la meditazione, la predicazione, riceviamo la proposta che il Signore fa ad ogni uomo di diventare suo discepolo. E la Chiesa esiste per una ragione ben precisa, come ci ricorda Marco: per stare con lui, col Signore, per annunciare la buona notizia della presenza di Dio, il vangelo, e per cacciare i demoni, cioè quel che ci lacera e ci divide.

La Chiesa non è una organizzazione religiosa, una holding del sacro ma la compagnia di coloro che, chiamati, hanno seguito le parole del Signore. L’elenco dei primi dodici compagni di Gesù, un numero simbolico che indica la totalità e che rimanda alle dodici tribù di Israele, ci ricorda che la ricchezza della Chiesa è la diversità di coloro che la compongono: persone meravigliosamente uniche che realizzano, ognuno nella propria sensibilità, l’unica chiamata del Signore.

Ricordiamocelo quando, anche nella Chiesa, vogliamo imporre il nostro punto di vista!

Fonte lachiesa.it

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome