Home Verbum Domini Vangelo (23 Settembre) Tu sei il Cristo di Dio. Il Figlio dell’uomo...

Vangelo (23 Settembre) Tu sei il Cristo di Dio. Il Figlio dell’uomo deve soffrire molto

CommentoLc 9,18-22

Tu sei il Cristo di Dio. Il Figlio dell’uomo deve soffrire molto

Un giorno Gesù si trovava in un luogo solitario a pregare. I discepoli erano con lui ed egli pose loro questa domanda: «Le folle, chi dicono che io sia?». Essi risposero: «Giovanni il Battista; altri dicono Elìa; altri uno degli antichi profeti che è risorto».  Allora domandò loro: «Ma voi, chi dite che io sia?». Pietro rispose: «Il Cristo di Dio». Egli ordinò loro severamente di non riferirlo ad alcuno. «Il Figlio dell’uomo – disse – deve soffrire molto, essere rifiutato dagli anziani, dai capi dei sacerdoti e dagli scribi, venire ucciso e risorgere il terzo giorno». 

Ma voi, chi dite che io sia?

Tra l’essere di una persona e la comprensione, la scienza che gli altri hanno di Lui, vi è un abisso. Questa non scienza e non comprensione secondo verità è il frutto del peccato. Leggendo le prime pagine della Scrittura possiamo notare che è proprio il peccato che genera questo abisso incolmabile. Le parole di Adamo sono perfetta luce. E il Signore Dio disse: «Non è bene che l’uomo sia solo: voglio fargli un aiuto che gli corrisponda». Allora il Signore Dio plasmò dal suolo ogni sorta di animali selvatici e tutti gli uccelli del cielo e li condusse all’uomo, per vedere come li avrebbe chiamati: in qualunque modo l’uomo avesse chiamato ognuno degli esseri viventi, quello doveva essere il suo nome. Così l’uomo impose nomi a tutto il bestiame, a tutti gli uccelli del cielo e a tutti gli animali selvatici, ma per l’uomo non trovò un aiuto che gli corrispondesse. Allora il Signore Dio fece scendere un torpore sull’uomo, che si addormentò; gli tolse una delle costole e richiuse la carne al suo posto. Il Signore Dio formò con la costola, che aveva tolta all’uomo, una donna e la condusse all’uomo. Allora l’uomo disse: «Questa volta è osso dalle mie ossa, carne dalla mia carne. La si chiamerà donna, perché dall’uomo è stata tolta» (Gen 1,18-23).

Allora la donna vide che l’albero era buono da mangiare, gradevole agli occhi e desiderabile per acquistare saggezza; prese del suo frutto e ne mangiò, poi ne diede anche al marito, che era con lei, e anch’egli ne mangiò. Allora si aprirono gli occhi di tutti e due e conobbero di essere nudi; intrecciarono foglie di fico e se ne fecero cinture. Poi udirono il rumore dei passi del Signore Dio che passeggiava nel giardino alla brezza del giorno, e l’uomo, con sua moglie, si nascose dalla presenza del Signore Dio, in mezzo agli alberi del giardino. Ma il Signore Dio chiamò l’uomo e gli disse: «Dove sei?». Rispose: «Ho udito la tua voce nel giardino: ho avuto paura, perché sono nudo, e mi sono nascosto». Riprese: «Chi ti ha fatto sapere che sei nudo? Hai forse mangiato dell’albero di cui ti avevo comandato di non mangiare?». Rispose l’uomo: «La donna che tu mi hai posto accanto mi ha dato dell’albero e io ne ho mangiato» (Gen 3,6-12).

0001

Adamo è nello stato di giustizia e grida a tutto il creato che finalmente ha trovato ciò che cercava. La donna è osso delle sue ossa, carne della sua carne. Dalla giustizia poi passa nel peccato. La donna diviene una estranea, non la riconosce più. Essa è un essere posto da Dio accanto a lui. Non è più la vita della sua vita, l’essere che dona compimento e perfezione alla sua umanità. Il peccato ha creato questo abisso. È però un abisso che abbraccia l’intero universo. Abbraccia lo stesso Dio. La vera conoscenza di Dio si fa idolatria, empietà, menzogna, errore.

È il peccato che sempre trasforma la verità della conoscenza di Dio e degli uomini, dell’intero universo in una mostruosa falsità. È sempre il peccato che altera la stessa rivelazione donando ad essa significato completamente estraneo. Se il peccato cambia ogni verità di ciò che esiste ed è visibile, della storia che cade sotto i nostri occhi, molto si più modificherà ciò che è invisibile. Dio, le sue parole, le sue profezie sempre saranno triturate dal peccato e ridotte a grande falsità.

12032512_1671433413143440_1303437994_n

Gesù è il Messia del Signore. Questa la sua verità eterna e storica. Il popolo che non vive nella grazia di Dio, di questa verità nulla conosce. Va per approssimazione. Pietro confessa che Gesù è il Cristo di Dio, il suo Messia. Lo confessa per grazia dell’Onnipotente, anche se ancora non sa, non possiede la perfetta scienza della Persona e dell’opera del Messia di Dio. Ancora neanche lui è passato dallo stato di peccato a quello della grazia. Anche in Lui regna questo abisso di non perfetta scienza, non visione secondo Dio di Gesù. La sua è visione di peccato, visione umana.

Vergine Maria, Madre della Redenzione, Angeli, Santi, liberateci da ogni peccato.

Commento a cura del Movimento Apostolico

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

306,039FansLike
20,431FollowersFollow
9,829FollowersFollow
8,600SubscribersSubscribe

News recenti

La rubrica dedicata a Medjugorje, 28 Gennaio 2021

Messaggi e preghiera da Medjugorje per oggi, 28 Gennaio 2021: ‘La...

La rubrica dedicata ai devoti della Madonna di Medjugorje Ogni giorno ti proporremo dei messaggi e una preghiera alla Vergine Maria da Medjugorje I messaggi da...