Vangelo 23 Novembre 2019. Dio non è dei morti, ma dei viventi.

Lettura e commento al Vangelo di Sabato 23 Novembre 2019: Lc 20,27-40 – Dio non è dei morti, ma dei viventi. Redazione Papaboys

vangelo


+ Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, si avvicinarono a Gesù alcuni sadducèi – i quali dicono che non c’è risurrezione – e gli posero questa domanda: «Maestro, Mosè ci ha prescritto: “Se muore il fratello di qualcuno che ha moglie, ma è senza figli, suo fratello prenda la moglie e dia una discendenza al proprio fratello”. C’erano dunque sette fratelli: il primo, dopo aver preso moglie, morì senza figli. Allora la prese il secondo e poi il terzo e così tutti e sette morirono senza lasciare figli. Da ultimo morì anche la donna. La donna dunque, alla risurrezione, di chi sarà moglie? Poiché tutti e sette l’hanno avuta in moglie».


Gesù rispose loro: «I figli di questo mondo prendono moglie e prendono marito; ma quelli che sono giudicati degni della vita futura e della risurrezione dai morti, non prendono né moglie né marito: infatti non possono più morire, perché sono uguali agli angeli e, poiché sono figli della risurrezione, sono figli di Dio. Che poi i morti risorgano, lo ha indicato anche Mosè a proposito del roveto, quando dice: “Il Signore è il Dio di Abramo, Dio di Isacco e Dio di Giacobbe”. Dio non è dei morti, ma dei viventi; perché tutti vivono per lui».
Dissero allora alcuni scribi: «Maestro, hai parlato bene». E non osavano più rivolgergli alcuna domanda.

LEGGI: Oggi la Chiesa ricorda San Clemente I, ecco la sua vita

Dio non è dei morti, ma dei viventi; perché tutti vivono per lui

Gesù è saggio, infinitamente intelligente. Nessuno mai lo potrà contraddire, mettere in difficoltà. I sadducei non credono nei Libri Deuterocanonici, nei quali è largamente affermata la risurrezione dell’ultimo giorno. Se Gesù avesse risposto, facendo appello o al Libro della Sapienza o al Secondo Libro dei Maccabei, di certo gli avrebbero obiettato che questi per loro non sono Scrittura Santa. Per questo fa ricorso ad un Libro, l’Esodo, da tutti riconosciuto libro canonico. Se è canonico il libro, è canonica anche la verità in esso contenuta ed essi non la possono contestare.

Mentre Mosè stava pascolando il gregge di Ietro, suo suocero, sacerdote di Madian, condusse il bestiame oltre il deserto e arrivò al monte di Dio, l’Oreb. L’angelo del Signore gli apparve in una fiamma di fuoco dal mezzo di un roveto. Egli guardò ed ecco: il roveto ardeva per il fuoco, ma quel roveto non si consumava. Mosè pensò: «Voglio avvicinarmi a osservare questo grande spettacolo: perché il roveto non brucia?». Il Signore vide che si era avvicinato per guardare; Dio gridò a lui dal roveto: «Mosè, Mosè!». Rispose: «Eccomi!». Riprese: «Non avvicinarti oltre! Togliti i sandali dai piedi, perché il luogo sul quale tu stai è suolo santo!». E disse: «Io sono il Dio di tuo padre, il Dio di Abramo, il Dio di Isacco, il Dio di Giacobbe». Mosè allora si coprì il volto, perché aveva paura di guardare verso Dio. Mosè disse a Dio: «Ecco, io vado dagli Israeliti e dico loro: “Il Dio dei vostri padri mi ha mandato a voi”. Mi diranno: “Qual è il suo nome?”. E io che cosa risponderò loro?». Dio disse a Mosè: «Io sono colui che sono!».
E aggiunse: «Così dirai agli Israeliti: “Io-Sono mi ha mandato a voi”». Dio disse ancora a Mosè: «Dirai agli Israeliti: “Il Signore, Dio dei vostri padri, Dio di Abramo, Dio di Isacco, Dio di Giacobbe, mi ha mandato a voi”. Questo è il mio nome per sempre; questo è il titolo con cui sarò ricordato di generazione in generazione. Va’! Riunisci gli anziani d’Israele e di’ loro: “Il Signore, Dio dei vostri padri, Dio di Abramo, di Isacco e di Giacobbe, mi è apparso per dirmi: Sono venuto a visitarvi e vedere ciò che viene fatto a voi in Egitto. E ho detto: Vi farò salire dalla umiliazione dell’Egitto verso la terra del Cananeo, dell’Ittita, dell’Amorreo, del Perizzita, dell’Eveo e del Gebuseo, verso una terra dove scorrono latte e miele”. Essi ascolteranno la tua voce, e tu e gli anziani d’Israele andrete dal re d’Egitto e gli direte: “Il Signore, Dio degli Ebrei, si è presentato a noi. Ci sia permesso di andare nel deserto, a tre giorni di cammino, per fare un sacrificio al Signore, nostro Dio”. (Cfr. Es 3.1-18).
vangelo

Il nostro Dio è il Dio vivente, eterno, immortale

Dio Ama l’uomo in modo eterno, immortale. La morte è un istante dell’eternità. Non è l’eternità. Dio che è l’onnipotente, ama i suoi amici risuscitandoli dalla polvere del suolo. Questo per quanto attiene al loro corpo. La loro anima è già immortale, è già nell’eternità. Abramo, Isacco, Giacobbe sono già presso Dio assieme a tutti gli altri giusti che hanno amato il Signore .

Dinanzi ad una buona, eccellente, sapiente, intelligente argomentazione tutti sono obbligati ad accoglierla, almeno sul momento, almeno per non fare brutta figura dinanzi a quanti assistono al dialogo. Oggi sono gli scribi che attestano la verità proferita da Gesù. Conveniva loro e lo fanno. Testimoniano una verità ma in realtà rifiutano tutta la verità di Cristo Gesù.

La libertà della mente e del cuore è dinanzi a tutta la verità, sempre. Una sola verità non è la verità. Parte della verità non è la verità. La verità è tutta la verità.

Vergine Maria, Madre della Redenzione, Angeli, Santi, dateci la vera sapienza.

Commento a cura del Movimento Apostolico

Fonte lachiesa.it

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome