Pubblicità
HomeTrending NowVangelo 19 Dicembre 2018. La nascita di Giovanni Battista è annunciata dall’angelo.

Vangelo 19 Dicembre 2018. La nascita di Giovanni Battista è annunciata dall’angelo.

Lc 1,5-25
La nascita di Giovanni Battista è annunciata dall’angelo.

Al tempo di Erode, re della Giudea, vi era un sacerdote di nome Zaccarìa, della classe di Abìa, che aveva in moglie una discendente di Aronne, di nome Elisabetta. Ambedue erano giusti davanti a Dio e osservavano irreprensibili tutte le leggi e le prescrizioni del Signore. Essi non avevano figli, perché Elisabetta era sterile e tutti e due erano avanti negli anni.
Avvenne che, mentre Zaccarìa svolgeva le sue funzioni sacerdotali davanti al Signore durante il turno della sua classe, gli toccò in sorte, secondo l’usanza del servizio sacerdotale, di entrare nel tempio del Signore per fare l’offerta dell’incenso.

Vangelo 4 Dicembre

Fuori, tutta l’assemblea del popolo stava pregando nell’ora dell’incenso. Apparve a lui un angelo del Signore, ritto alla destra dell’altare dell’incenso. Quando lo vide, Zaccarìa si turbò e fu preso da timore. Ma l’angelo gli disse: «Non temere, Zaccarìa, la tua preghiera è stata esaudita e tua moglie Elisabetta ti darà un figlio, e tu lo chiamerai Giovanni. Avrai gioia ed esultanza, e molti si rallegreranno della sua nascita, perché egli sarà grande davanti al Signore; non berrà vino né bevande inebrianti, sarà colmato di Spirito Santo fin dal seno di sua madre e ricondurrà molti figli d’Israele al Signore loro Dio. Egli camminerà innanzi a lui con lo spirito e la potenza di Elìa, per ricondurre i cuori dei padri verso i figli e i ribelli alla saggezza dei giusti e preparare al Signore un popolo ben disposto».

Zaccarìa disse all’angelo: «Come potrò mai conoscere questo? Io sono vecchio e mia moglie è avanti negli anni». L’angelo gli rispose: «Io sono Gabriele, che sto dinanzi a Dio e sono stato mandato a parlarti e a portarti questo lieto annuncio. Ed ecco, tu sarai muto e non potrai parlare fino al giorno in cui queste cose avverranno, perché non hai creduto alle mie parole, che si compiranno a loro tempo».

Intanto il popolo stava in attesa di Zaccarìa, e si meravigliava per il suo indugiare nel tempio. Quando poi uscì e non poteva parlare loro, capirono che nel tempio aveva avuto una visione. Faceva loro dei cenni e restava muto.

Compiuti i giorni del suo servizio, tornò a casa. Dopo quei giorni Elisabetta, sua moglie, concepì e si tenne nascosta per cinque mesi e diceva: «Ecco che cosa ha fatto per me il Signore, nei giorni in cui si è degnato di togliere la mia vergogna fra gli uomini».

Sarà colmato di Spirito Santo fin dal seno di sua madre

La storia della salvezza è opera che Dio compie attraverso l’uomo, nell’uomo, per l’uomo. Senza l’uomo nulla può compiere per l’uomo. L’uomo è lo strumento, in Cristo diviene il sacramento, della salvezza, della redenzione, della vera giustificazione. Ma gli uomini non sono tutti uguali. C’è l’uomo che crede all’istante come Noè e Abramo. C’è invece l’uomo che deve essere quasi obbligato, come Mosè. Ci sono gli uomini che hanno bisogno di segni. Ci sono altri uomini che Dio si prepara prima di essere formati nel seno materno. Il primo di cui si rivela questa preparazione è Geremia.

«Prima di formarti nel grembo materno, ti ho conosciuto, prima che tu uscissi alla luce, ti ho consacrato; ti ho stabilito profeta delle nazioni». Risposi: «Ahimè, Signore Dio! Ecco, io non so parlare, perché sono giovane». Ma il Signore mi disse: «Non dire: “Sono giovane”. Tu andrai da tutti coloro a cui ti manderò e dirai tutto quello che io ti ordinerò. Non aver paura di fronte a loro, perché io sono con te per proteggerti». Oracolo del Signore. Il Signore stese la mano e mi toccò la bocca, e il Signore mi disse: «Ecco, io metto le mie parole sulla tua bocca. Vedi, oggi ti do autorità sopra le nazioni e sopra i regni per sradicare e demolire, per distruggere e abbattere, per edificare e piantare» (Ger 1,5-10).

Vivere da Risorti

Viene il Messia sulla nostra terra. Urge che gli vengano preparati i cuori. Dio scende sulla nostra terra, sceglie una famiglia senza vita e in essa e per essa si crea l’uomo che dovrà andare avanti annunziando la presenza del Salvatore e invitando tutti alla conversione così che lo si possa accogliere degnamente. Sarà un uomo speciale, perché lo Spirito Santo lo colmerà fin dal grembo della madre. Neanche un attimo dovrà essere senza la mozione e la conduzione dello Spirito del Signore.

Lui dovrà essere tutto di Dio. Mai dovrà appartenere a se stesso. Lui dovrà essere corpo attraverso il quale parla, opera, agisce lo Spirito Santo.
Per Zaccaria quanto l’Angelo gli sta rivelando è troppo grande per essere creduto. Dubita e per questo rimarrà muto fino al giorno del compimento di ogni parola ascoltata. Il mutismo di Zaccaria è di grande significato nella storia della salvezza. Esso rivela che senza fede non si possono cantare le opere stupende del Signore.

Vergine Maria, Madre della Redenzione, Angeli, Santi, fateci cantori delle opere di Dio.

Commento a cura del Movimento Apostolico

Informazioni sulla Donazione

Vorrei fare una donazione del valore di :

€100€50€10Altri

Vorrei che questa donazione fosse ripetuta ogni mese

Informazioni sulla donazione

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

305,867FansLike
20,918FollowersFollow
9,965FollowersFollow
8,600SubscribersSubscribe

News recenti

Preghiera per ottenere una grazia da Santa Chiara

Recitiamo insieme la Novena a Santa Chiara di Assisi per chiedere...

Per quello spirito di penitenza che vi indusse a far costantemente vostra particolare delizia il digiuno più severo, la povertà più rigorosa e le...