Vangelo 13 Gennaio 2020. Convertitevi e credete nel Vangelo.

“Convertitevi e credete nel Vangelo” – Vangelo di oggi

vangelo
Vangelo

Lettura e commento al Vangelo di Lunedì 13 Gennaio 2020 – Mc 1,14-20: Convertitevi e credete nel Vangelo.

+ Dal Vangelo secondo Marco

Dopo che Giovanni fu arrestato, Gesù andò nella Galilea, proclamando il vangelo di Dio, e diceva: «Il tempo è compiuto e il regno di Dio è vicino; convertitevi e credete nel Vangelo».
Passando lungo il mare di Galilea, vide Simone e Andrea, fratello di Simone, mentre gettavano le reti in mare; erano infatti pescatori. Gesù disse loro: «Venite dietro a me, vi farò diventare pescatori di uomini». E subito lasciarono le reti e lo seguirono.
Andando un poco oltre, vide Giacomo, figlio di Zebedeo, e Giovanni suo fratello, mentre anch’essi nella barca riparavano le reti. Subito li chiamò. Ed essi lasciarono il loro padre Zebedeo nella barca con i garzoni e andarono dietro a lui.

Parola del Signore

LEGGI: Oggi la Chiesa ricorda il Beato Francesco Maria Greco (Sacerdote e Fondatore)

Convertitevi e credete nel Vangelo

La conversione predicata dai profeti prima di Cristo Signore era invito perché il popolo di Dio ritornasse alle fonti della salvezza nell’obbedienza alla sua Alleanza.

Camminare nella Legge è obbligo di ogni figlio d’Israele per il patto dell’Alleanza contratto con Dio. Ci si converte quanto si inizia ad osservare il primo comandamento, quando si abbandonano gli idoli e ogni frutto che l’idolatria produce e genera.

Non si possono servire Dio e gli idoli. Chi serve Dio non serve gli idoli. Chi serve gli idoli, non serve Dio. Diversa è la conversione richiesta da Gesù, come chiave per entrare nel suo regno. La conversione è al suo regno, è alla sua Persona, al suo Vangelo, alla sua Parola, alla sua morte, alla sua risurrezione, alla sua grazia e verità, alla sua luce e vita eterna. È conversione dal Padre al Figlio per conoscere il vero Padre, il vero Dio, la vera salvezza e redenzione.

Vangelo
Vangelo

Non si tratta con Gesù di una conversione morale, di un ritorno all’Antica Alleanza. Si tratta invece di passaggio alla Nuova Alleanza che dovrà essere stipulata nel suo sangue. Chi si converte a Cristo, chi lo accoglie, accoglie il Padre. Chi rifiuta Cristo, rifiuta il Padre.

Poiché l’Alleanza del Padre con l’uomo è solo quella stipulata nel sangue di Cristo, chi rifiuta Cristo, chi non beve il suo sangue, rimane fuori del patto con il Signore. L’Alleanza Antica cede il posto alla Nuova per sempre. Questa conversione a Cristo Gesù urge ogni giorno. Anche quelli che credono in essa ogni giorno devono convertirsi ad essa. La conversione è quotidiana ed è alla croce di Gesù. Finché non si porta l’immagine di Gesù Crocifisso, sempre ci si deve convertire.

Madre di Dio, Angeli, Santi, dateci il Santo Spirito della conversione e della vera fede.

Commento a cura del Movimento Apostolico

Fonte lachiesa.it

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome