Vangelo 13 Febbraio 2019. Ciò che esce dall’uomo è quello che rende impuro l’uomo.

Mc 7,14-23
Ciò che esce dall’uomo è quello che rende impuro l’uomo.

In quel tempo, Gesù, chiamata di nuovo la folla, diceva loro: «Ascoltatemi tutti e comprendete bene! Non c’è nulla fuori dell’uomo che, entrando in lui, possa renderlo impuro. Ma sono le cose che escono dall’uomo a renderlo impuro».
Quando entrò in una casa, lontano dalla folla, i suoi discepoli lo interrogavano sulla parabola. E disse loro: «Così neanche voi siete capaci di comprendere? Non capite che tutto ciò che entra nell’uomo dal di fuori non può renderlo impuro, perché non gli entra nel cuore ma nel ventre e va nella fogna?». Così rendeva puri tutti gli alimenti.

Vangelo 19 Gennaio 2019
E diceva: «Ciò che esce dall’uomo è quello che rende impuro l’uomo. Dal di dentro infatti, cioè dal cuore degli uomini, escono i propositi di male: impurità, furti, omicidi, adultèri, avidità, malvagità, inganno, dissolutezza, invidia, calunnia, superbia, stoltezza. Tutte queste cose cattive vengono fuori dall’interno e rendono impuro l’uomo».

Neanche voi siete capaci di comprendere?

La comprensione di ogni cosa è dono dello Spirito Santo nell’uomo, un frutto della sua sapienza e intelligenza. Gesù vorrebbe che i suoi fossero già capaci di comprendere non le profondità e gli abissi del mistero, ma almeno le cose che cadono sotto i loro occhi. Ma anche questa comprensione non è il frutto dell’esperienza, ma purissimo dono attuale dello Spirito Santo. Nel Vangelo secondo Giovanni, Gesù prima dice a Nicodemo che non si possono comprendere le cose del cielo, nascoste e misteriose, se non si riesce neanche a comprendere le cose della terra, visibili e a portata di mano.

Poi dice ai Giudei che Lui non pretende che comprendano il suo mistero che è eterno e umanamente incomprensibile, ma che almeno non neghino che le sue opere vengano dal Padre. In questo peccato Nicodemo non è caduto. Lui vede e confessa.

Vi era tra i farisei un uomo di nome Nicodèmo, uno dei capi dei Giudei. Costui andò da Gesù, di notte, e gli disse: «Rabbì, sappiamo che sei venuto da Dio come maestro; nessuno infatti può compiere questi segni che tu compi, se Dio non è con lui». Gli rispose Gesù: «In verità, in verità io ti dico, se uno non nasce dall’alto, non può vedere il regno di Dio». Gli disse Nicodèmo: «Come può nascere un uomo quando è vecchio? Può forse entrare una seconda volta nel grembo di sua madre e rinascere?». Rispose Gesù: «In verità, in verità io ti dico, se uno non nasce da acqua e Spirito, non può entrare nel regno di Dio. Quello che è nato dalla carne è carne, e quello che è nato dallo Spirito è spirito. Non meravigliarti se ti ho detto: dovete nascere dall’alto.

Il vento soffia dove vuole e ne senti la voce, ma non sai da dove viene né dove va: così è chiunque è nato dallo Spirito». Gli replicò Nicodèmo: «Come può accadere questo?». Gli rispose Gesù: «Tu sei maestro d’Israele e non conosci queste cose? In verità, in verità io ti dico: noi parliamo di ciò che sappiamo e testimoniamo ciò che abbiamo veduto; ma voi non accogliete la nostra testimonianza. Se vi ho parlato di cose della terra e non credete, come crederete se vi parlerò di cose del cielo? (Gv 3,1-15).


Di nuovo i Giudei raccolsero delle pietre per lapidarlo. Gesù disse loro: «Vi ho fatto vedere molte opere buone da parte del Padre: per quale di esse volete lapidarmi?». Gli risposero i Giudei: «Non ti lapidiamo per un’opera buona, ma per una bestemmia: perché tu, che sei uomo, ti fai Dio». Disse loro Gesù: «Non è forse scritto nella vostra Legge: Io ho detto: voi siete dèi? Ora, se essa ha chiamato dèi coloro ai quali fu rivolta la parola di Dio – e la Scrittura non può essere annullata -, a colui che il Padre ha consacrato e mandato nel mondo voi dite: Tu bestemmi?, perché ho detto: Sono Figlio di Dio?? Se non compio le opere del Padre mio, non credetemi; ma se le compio, anche se non credete a me, credete alle opere, perché sappiate e conosciate che il Padre è in me, e io nel Padre» (Gv 10,31-39).


Cosa devono comprendere i discepoli?

Poiché dovranno andare per il mondo a purificare il cuore degli uomini, dal quale esce ogni impurità e immoralità, idolatria e superstizione, superbia, invidia e ogni altro vizio, essi dovranno sempre saper separare ciò che entra nell’uomo e ciò che esce da esso. Contamina l’uomo e l’umanità solo ciò che esce dal cuore impuro, cattivo, malvagio. Dovranno anche separare cose materiali da cose spirituali, parole di verità e parole di menzogna. Una mano sporca che prende cibo, mai potrà contaminare il cuore, al massimo potrà infettare il corpo. Mai l’anima, mai lo spirito. Infetterà l’anima se la cosa che si introduce nel corpo è ad esso nociva o addirittura letale. Sarebbe vero suicidio.

Vergine Maria, Madre della Redenzione, Angeli, Santi, fateci capaci di discernimento.

Commento a cura del Movimento Apostolico

Sostieni Papaboys 3.0

Se sei arrivato o arrivata a leggere fino qui è evidente che apprezzi il nostro Sito. Ed anche ciò che scriviamo. Lo facciamo da 10 anni con il cuore, senza interessi economici o politici, solo perché il cuore ci chiama a farlo. CI DAI UNA MANO?

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome