Home News Sancta Sedes Un’ora e mezza con otto vittime di abusi di preti. Il pianto...

Un’ora e mezza con otto vittime di abusi di preti. Il pianto di Papa Francesco

Il comunicato dei partecipanti: è stato molto impressionato dai nostri racconti e ha detto che abusi e coperture sono “cacca”

Papa Francesco ha incontrato nel pomeriggio di sabato 25 agosto otto sopravvissuti irlandesi agli abusi del clero dei religiosi e delle istituzioni, intrattenendosi con loro per un’ora e mezzo a porte chiuse nella nunziatura di Dublino. E secondo quanto hanno raccontato due dei partecipanti in un comunicato congiunto ha definito “cacca” gli abusi e le coperture nella Chiesa.

Tra i presenti c’è Marie Collins, abusata da un prete quando era ragazzina e già membro della commissione vaticana anti-pedofilia, dimessasi dall’incarico in polemica con la Curia romana. C’è padre Patrick McCafferty, don Joe

McDonald, il consigliere municipale di Dublino Damian O’Farrell, Paul Jude Redmond, Clodagh Malone e Bernadette Fahy. Uno dei sopravvissuti, vittima del padre Tony Walsh, ha preferito rimane anonimo.

Ancora una volta il Papa, che agisce da pastore e non da CEO di una corporation, vuole dare l’esempio accogliendo e ascoltando i racconti, i drammi, le ferite e gli abusi subiti da queste persone nel passato. «Le ferite delle vittime degli abusi – ha scritto nella recente Lettera al popolo di Dio – non vanno mai prescritte», sono grida verso il cielo.

«L’incontro è stato cordiale e gentile» si legge nel comunicato firmato da Redmond e Malone e al Papa è stata consegnata una lettera nella quale si parla di almeno 100mila ragazze madri che sono state costrette a separarsi a forza dai loro bambini e negli istituti religiosi è stato detto loro che sarebbe stato un peccato mortale cercare di contattare i figli». In Irlanda «cinque congregazioni di suore erano responsabili delle note Case della Madre e del Bambini, luoghi dove sono morti più di 6.000 bambini e dove sono morte anche le loro giovani madri. Chiediamo a Sua Santità che solleciti pubblicamente le suore di queste congregazioni a riconoscere i loro atti e a chiedere perdono ai sopravvissuti».

«Papa Francesco – si legge ancora nel comunicato delle due vittime – ha condannato la corruzione e la copertura degli abusi all’interno della Chiesa come “cacca”». Una parola che i partecipanti all’incontro non hanno compreso e che l’interprete ha tradotto: «letteralmente sporcizia che si vede in un bagno». Parola inedita nel vocabolario papale ma certamente efficace.
.


.
Al Papa è stata presentata una copia del libro di Redmond, “The Adoption Machine”, che «contiene i dettagli delle migliaia di morti e orrori delle Case». «Siamo fiduciosi – afferma ancora il comunicato – che ci sarà un maggiore movimento da parte della chiesa sulla questione delle Case delle Madri e dei Bambini». Il Papa è stato sinceramente scioccato quando ha sentito raccontare dei 6000 bambini che sono morti e dei 3000 bambini usati negli esperimenti con i vaccini: «Ha portato le mani alla testa, sotto shock».

Fonte: Vatican Insider

Sostieni Papaboys 3.0

Anche se l’emergenza Coronavirus ha reso difficile il lavoro per tutti, abbiamo attivato a nostre spese la modalità di smart working (lavoro da remoto) per stare vicino ad ognuno di voi, senza avere limitazioni di pubblicazione, con informazione e speranza, come ogni giorno, da 10 anni. CI PUOI DARE UNA MANO?

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

I nostri social

9,925FansLike
17,749FollowersFollow
9,724FollowersFollow
1,600SubscribersSubscribe

News recenti

Sono 177 i nuovi casi di coronavirus (con 88 vittime) registrati nelle ultime 24 ore, che portano il totale degli attuali positivi a 234.013. 

Le ultime 24 ore in Italia: 177 i nuovi casi di...

Sono 177 i nuovi casi di coronavirus (con 88 vittime) registrati nelle ultime 24 ore, che portano il totale degli attuali positivi a 234.013. Nelle ultime 24 ore solo 84 positivi...