Unioni civili: Strasburgo fa pressing sull’Italia

Strasburgo

A due mesi dalla sentenza della Corte di Europea dei Diritti Umani, un nuovo sollecito all’Italia in merito all’approvazione di una legge sulle unioni omosessuali, è arrivato ancora una volta da Strasburgo.

STRASBURGO-PARLAMENTO-EUROPEO

In quest’occasione è stato il Parlamento Europeo ad approvare un rapporto in cui si chiede a nove governi dell’Unione Europea (compreso il nostro paese), di regolare giuridicamente al più presto, “la coabitazione, le unioni di fatto registrate e il matrimonio” per le coppie dello stesso sesso.

La richiesta è inserita nel paragrafo 85 del rapporto sulla Situazione dei diritti fondamentali nella Ue approvato oggi a Strasburgo.

Attraverso il rapporto firmato dall’europarlamentare M5S Laura Ferrara, l’europarlamento ha poi chiesto alla Commissione Europea di “presentare una proposta di normativa ambiziosa che garantisca il riconoscimento mutuo” delle unioni civili e dei matrimoni registrati in altri paesi con lo scopo di “ridurre gli ostacoli amministrativi e giuridici discriminatori che devono affrontare i cittadini”.

Nel capitolo dedicato ai diritti delle persone LGBT, Strasburgo condanna “con la massima fermezza la discriminazione e la violenza” commesse contro questo gruppo di persone e chiede agli Stati di “sanzionare” le cariche pubbliche che “insultano o stigmatizzano” omosessuali e transessuali. Per questi ultimi il Parlamento chiede di facilitare le procedure burocratiche per il riconoscimento del nuovo genere.


Redazione Papaboys (Fonte www.zenit.org)

Sostieni Papaboys 3.0

Informazioni personali

Dettagli di fatturazione

Termini

Totale Donazione: €100.00

3 COMMENTI

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome