Un sabato triste e di lutto per Genova e per tutta l’Italia. Vi siamo vicini con tutto il cuore

Dodici bare, anche quella bianca di un bambino, nella camera ardente allestita al padiglione Jean Nouvel della fiera di Genova dove stamani si sono raccolti familiari, parenti e amici di parte delle vittime del crollo del ponte Morandi.

Un’immagine della camera ardente per le vittime del ponte crollato il 14 agosto allestita alla Fiera di Genova, 17 agosto 2018. Domani i funerali che saranno celebrati dall’arcivescovo Angelo Bagnasco, 17 agosto 2018. ANSA/LUCA ZENNARO

Sono le salme di cui si terranno domani i funerali di Stato. Altre famiglie delle vittime hanno preferito funerali privati, nei luoghi di residenza. Stamani il vescovo ausiliario di Genova, Nicolò Anselmi, ha recitato il rosario e benedetto le salme, distinguibili con cartellini posti sui nomi delle bare, davanti ai parenti, raccolti in un dolore composto. Nel pomeriggio è prevista la vista del cardinale Angelo Bagnasco. Alcune bare erano riconoscibili non solo per i fiori, perlopiù bianchi, ma anche per bandiere del Cile, una sciarpa del Genoa, un pupazzo. Nella parte restante del padiglione è iniziato l’allestimento del palco dove troverà posto l’altare per i funerali. Nelle prossime ore saranno poste 1.500 sedie, verrà realizzata un’area riservata per i parenti, all’esterno viene montato un maxischermo in un altro padiglione.

Cappellano Genova, pochi a funerali Stato, li capisco  – “Sono pochi quelli che aderiscono ai funerali di Stato. Tanti non vogliono fare la passerella, e li capisco. Se invece di spendere i soldi per venire qui li avessero dati a questa povera gente, sarebbe stato meglio”. Lo ha detto al Sir padre Mauro Brezzo, cappellano dell’ospedale San Martino di Genova, che sta dando conforto alle persone ferite e ai familiari delle vittime. Quanto ai sentimenti “in generale prevale la rabbia” tra le persone, “invece i parenti delle vittime sono in lacrime e in silenzio, vivono solo il dramma”.

Ansa on line

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome