Pubblicità
HomeNewsRes Publica et SocietasEsplode un nuovo caso Charlie Gard. Adesso vogliono uccidere il piccolo Isaiah

Esplode un nuovo caso Charlie Gard. Adesso vogliono uccidere il piccolo Isaiah

Si chiama Isaiah Haastrup, ha otto mesi, è inglese e la sua vicenda somiglia in modo impressionante a quella di Charlie Gard. Il piccolo è affetto da paralisi celebrare, i medici vorrebbero staccare la spina che lo fa respirare ma i genitori sono fermamente contrari. A rendere pubblico quanto sta avvenendo è stato il Guardian.

La vicenda
Isaiah è ricoverato al King’s College Hospital di Londra. Il danno alla testa sarebbe occorso durante il parto cesareo. Dal giorno in cui è venuto alla luce, il piccolo è ricoverato in rianimazione. Le responsabilità della sua salute, secondo i genitori, sarebbero dunque dei medici, i quali avrebbero commesso errori già nel corso del travaglio. “Il battito del bimbo – ha raccontato il papà Lanre, di professione avvocato – diminuiva ma nessuno ha fatto nulla per almeno 40 minuti”. Il cesareo sarebbe avvenuto troppo tardi, mettendo a repentaglio anche la vita della madre, e ciò risulterebbe anche da un’indagine interna a conclusione della quale i medici si sarebbero scusati con la famiglia per i problemi emersi.

La speranza dei genitori
Ora, quegli stessi medici dell’ospedale vorrebbero togliere i sostegni vitali ad Isaiah, convinti che non ci sia più niente da fare per salvarlo. Ma i genitori, così come quelli di Charlie Gard la scorsa estate, desiderano un ulteriore trattamento sanitario per loro figlio, e sono fiduciosi che un giorno possa stare bene a tal punto da poter tornare a casa.

“Non voglio che mio figlio soffra – ha aggiunto il papà -. Se lui non può continuare a vivere e sta per morire, va lasciato andare”. Ma il genitore non crede al verdetto dei medici, mantiene acceso il lume della speranza. Egli sostiene che nella paralisi cerebrale, i sintomi possono cambiare. Il padre afferma che in un primo momento anche lui e sua moglie erano convinti che il bambino non sarebbe potuto sopravvivere a lungo, poi “improvvisamente c’è stato uno spartiacque”, dice. Il piccolo “ha aperto gli occhi, ha girato la testa verso le nostre voci”.






La petizione on-line
Tra genitori e medici è ora iniziato un contenzioso giuridico. La questione ha assunto vasta eco, coinvolgendo l’opinione pubblica. L’associazione Steadfast Onlus, tramite la piattaforma on-line CitizenGo, ha lanciato una raccolta firme, per sostenere la battaglia legale della famiglia Haastrup, per chiedere nello specifico all’Alta Corte britannica che papà Lanre possa tornare a visitare suo figlio, dopo esser stato cacciato a seguito di uno scontro verbale molto acceso con il personale medico.

“Lo faremo stando a stretto contatto e in totale condivisione di azione con il papà e la mamma del piccolo Isaiah – afferma Emmanuele Di Leo, presidente di Steadfast Onlus . dando supporto a 360 gradi anche da un punto di vista medico e legale”. Di Leo ricorda l’hashtag diffuso per appoggiare la battaglia – #LifeForIsaiah – e aggiunge: “Potrete avere tutti gli aggiornamenti in merito al piccolo Isaiah seguendo il seguente Gruppo: ‘Life for Isaiah Haastrup'”.




Fonte www.interris.it

Informazioni sulla Donazione

Vorrei fare una donazione del valore di :

€100€50€10Altri

Vorrei che questa donazione fosse ripetuta ogni mese

Informazioni sulla donazione

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

305,867FansLike
20,918FollowersFollow
9,933FollowersFollow
8,600SubscribersSubscribe

News recenti

Preghiera alla Beata Vergine Maria Consolatrice

La ‘potente’ supplica alla Vergine Consolatrice da recitare oggi, 20 Giugno...

Potente preghiera alla Beata Vergine Maria Consolatrice Una bellissima supplica per invocare grazie e favori dalla Vergine Consolatrice Ecco il testo: Ci rivolgiamo a te, o Vergine...