Udienza di Papa Francesco. Mercoledì 5 gennaio 2022. LIVE TV dalle h. 09.15

Udienza di Papa Francesco. Mercoledì 5 gennaio 2022. LIVE TV dalle h. 09.15

Nel video con l’intenzione di preghiera per il mese di gennaio, dedicato alla lotta alla discriminazione religiosa, Francesco sottolinea che è disumano che ancora oggi molte persone vengano perseguitate “perché professano pubblicamente la propria fede” e chiede che trovino “nelle società” la “dignità che nasce dall’essere fratelli e sorelle”

Dall’Aula Paolo VI, Udienza Generale del Santo Padre

LIVE TV dalle h. 09.15

 

Al termine dell’Udienza il video resterà disponibile per la successiva visualizzazione e nelle prime ore del pomeriggio sulle pagine social dei Papaboys 3.0 sarà possibile vedere la replica nella modalità Prima Visione per chi non avesse avuto la possibilità di seguirla in diretta.

Mentre il mondo rimane nella “morsa” della pandemia e si amplifica “l’assordante rumore di guerre e conflitti”, e mentre aumenta anche la produzione delle armi più che durante la “guerra fredda” e peggiorano gli effetti di cambiamenti climatici, fame e sete, è ancora possibile costruire una “pace duratura”.

È una speranza concreta quella che offre Papa Francesco a questo mondo frammentato nel messaggio per la 55.ma Giornata Mondiale della Pace che si celebra il 1° gennaio 2022. Una speranza che prende la forma del dialogo, declinato a sua volta in ascolto, incontro tra le generazioni, educazione dei giovani, lavoro dignitoso per tutti. Passi concreti che il Pontefice indica per dare risposta a quel “grido dei poveri e della terra” che non cessa di levarsi ancora oggi “per implorare giustizia e pace”.

“In un mondo ancora stretto dalla morsa della pandemia, che troppi problemi ha causato, alcuni provano a fuggire dalla realtà rifugiandosi in mondi privati e altri la affrontano con violenza distruttiva, ma tra l’indifferenza egoista e la protesta violenta c’è un’opzione sempre possibile: il dialogo. Il dialogo tra le generazioni”

Buona visione!

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome