Tu sei Pietro

san-pietroIl cuore dell’uomo sempre dovrebbe esultare di stupore incontrollabile dinanzi alle opere del Signore.

Il nostro spirito dovrebbe essere adorante, benedicente, in perenne atteggiamento di lode e di ringraziamento.

Dovremmo gustare la stessa meraviglia provata dal Siracide: “Ricorderò ora le opere del Signore e descriverò quello che ho visto. Per le parole del Signore sussistono le sue opere, e il suo giudizio si compie secondo il suo volere. Il sole che risplende vede tutto, della gloria del Signore sono piene le sue opere. Neppure ai santi del Signore è dato di narrare tutte le sue meraviglie, che il Signore, l’Onnipotente, ha stabilito perché l’universo stesse saldo nella sua gloria. Egli scruta l’abisso e il cuore, e penetra tutti i loro segreti. L’Altissimo conosce tutta la scienza e osserva i segni dei tempi, annunciando le cose passate e future e svelando le tracce di quelle nascoste. Nessun pensiero gli sfugge, neppure una parola gli è nascosta. Ha disposto con ordine le meraviglie della sua sapienza, egli solo è da sempre e per sempre: nulla gli è aggiunto e nulla gli è tolto, non ha bisogno di alcun consigliere. Quanto sono amabili tutte le sue opere! E appena una scintilla se ne può osservare. Tutte queste cose hanno vita e resteranno per sempre per tutte le necessità, e tutte gli obbediscono. Tutte le cose sono a due a due, una di fronte all’altra, egli non ha fatto nulla d’incompleto. L’una conferma i pregi dell’altra: chi si sazierà di contemplare la sua gloria?” (Sir 42,15-25). 

Niente sulla terra è più bella della sua Chiesa. Essa è l’opera delle opere del Signore, il suo capolavoro. È il sublime di Dio. È l’opera alla quale Dio ha messo mano ed è sempre attento a che questo suo stupendo, meraviglioso, divino e umano capolavoro non solo conservi la sua bellezza originaria, in questa bellezza cresca di giorno in giorno fino a rivestirsi della stessa divina bellezza e santità. Tutti coloro che sono usciti da questa divina bellezza di unità, santità, grazia, verità, sono divenuti vanità. Si sono trasformati in lampade senza luce, in sale senza sapore, in parola senza verità, in strutture che non sono l’opera stupenda di Dio sulla nostra terra.

La Chiesa di Dio è stupendamente bella se rimane in eterno opera di Dio ed è opera di Dio se è edificata sulla roccia che è Pietro. Solo questa Chiesa sarà sempre rinnovata, purificata, elevata, aggiornata nella sua bellezza di verità, di grazia, di santità. Tutte le altre che non sono sul fondamento di Pietro, sono opere dell’uomo, non di Dio, non di Cristo, non dello Spirito Santo. Non essendo Dio il loro Autore, esse sono esposte ad ogni attacco degli inferi e miseramente cadono nelle tenebre e in ogni falsità. Sono chiese senza vera luce. La loro è una luce di razionalità umana, priva di ogni verità divina. Molte di esse, quasi tutte, sono anche senza la grazia sacramentale. Sono veramente povere, meschine soprannaturalmente parlando. Una chiesa che non si lascia fare perennemente da Dio, sarà sempre la chiesa di ieri e non di oggi, degli uomini e non di Dio, della terra non del cielo. Mai potrà essere portatrice nel mondo della più pura attuale verità, della grazia più santa e completa.

Vergine Maria, Madre della Redenzione, Angeli, Santi, fateci sempre vera Chiesa.

Commento  cura del movimento Apostolico

Sostieni Papaboys 3.0

Anche se l’emergenza Coronavirus rende difficile il lavoro per tutti, abbiamo attivato a nostre spese la modalità di smart working (lavoro da remoto) per stare vicino ad ognuno di voi, senza avere limitazioni di pubblicazione, con informazione e speranza, come ogni giorno, da 10 anni. CI PUOI DARE UNA MANO?

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

I nostri social

9,884FansLike
17,279FollowersFollow
9,625FollowersFollow
1,600SubscribersSubscribe

News recenti

santa rita da cascia

Santa Rita e la Passione di Cristo: il dono mistico della...

La storia di Santa Rita e del dono mistico della spina... Devotissima alla Passione di Cristo, desiderò condividerne i dolori e questo costituì il tema...