Tragedia in una discoteca a Corinaldo! Morte 6 persone e ci sono 100 feriti

Una tragedia si è consumata nella notte in una discoteca in provincia Ancona. Sono morte 6 persone travolte dalla calca forse per colpa di uno spray al peperoncino; un centinaio i feriti di cui 12 gravi. Oggi affidiamo tutte queste giovani vittime alla Madonna!

Discoteca
I soccorsi

Fa rabbia, tanta rabbia, sapere che sei ragazzi sono morti così in un sabato sera mentre si divertivano. Non ci sono veramente parole. Signore accogli in Cielo tutte le vittime e guarisci i feriti. Amen

Sei ragazzi sono morti travolti dalla calca durante un fuggi fuggi generale in un locale in provincia di Ancona. Almeno un centinaio sono rimasti feriti, 10 dei quali in modo grave. La tragedia è avvenuta intorno all’una di notte nella discoteca ‘Lanterna azzurra’ di Corinaldo, in località Madonna del Piano.

Le vittime 

“Asia Nasoni, 14 anni, di Senigallia; Daniele Pongetti, 16 anni, di Senigallia; Benedetta Vitali, 15 anni, di Fano; Matttia Orlandi, 15 anni, di Frontone; Emma Fabini, 14 anni, di Senigallia;e mamma Eleonora Girolimini, 39 anni, di Senigallia. Sono le giovani vittime della tragedia di questa notte. È assurdo morire così. Come governo faremo massima chiarezza sulla dinamica della vicenda (se sono state rispettate tutte le norme di sicurezza) e individueremo i responsabili. Un abbraccio e un pensiero alle famiglie”. Lo scrive su Fb il vicepremier Luigi Di Maio. Al momento ci sono 12 codici rossi, 45 codici verdi e 9 codici gialli. E’ quanto si fonti investigative.  Il locale, secondo una prima ricostruzione, ha 3 uscite di sicurezza: una di queste dà su un ponticello che attraversa un piccolo fossato e collega la discoteca al piazzale del parcheggio. La tragedia è avvenuta in quel punto: quando i ragazzi sono usciti di corsa dal locale, decine di loro si sono accalcati per passare sul ponticello fino a quando una balaustra ha ceduto. I primi ragazzi sono così finiti nel fossato, un metro sotto il ponticello, e sono stati schiacciati da tutti gli altri. 

In un video i momenti della tragedia

https://youtu.be/pwOopHZk37k Sono i carabinieri a condurre le indagini su cosa abbia provocato il panico nella discoteca Lanterna azzurra a Corinaldo, in cui sei ragazzi sono morti schiacciati nella calca. Oltre 100 i feriti, di cui una decina gravi. Una ragazza presente nella discoteca ha ripreso con il telefonino i momenti fondamentali della tragedia. Il video, ha quanto si è appreso, è stato già acquisito dai carabinieri.  Sembra che a scatenare il panico e il successivo fuggi fuggi sia stato l’utilizzo, da parte di qualcuno, di spray urticante. Nella discoteca, secondo quanto riferito dai testimoni ai Vigili del fuoco, c’erano in quel momento un migliaio di persone. “Mi sembra che la capienza fosse inferiore alle 900 persone, anche una unità in più è stata un errore che ha complicato tutto. Io mi tengo in contatto costante”, ha detto il ministro dell’Interno Matteo Salvini che a Skytg24 ha commentato l’ipotesi che nel locale ci fossero fino a due/tremila persone. “Mi piacerebbe molto andare a Corinaldo, se ciò non sarà di intralcio alle operazioni complicate che stanno conducendo le forze dell’ordine”. Salvini ha confermato l’ipotesi cedimento balaustra come causa per le sei morti. “Stavamo ballando in attesa che cominciasse lo spettacolo di Sfera Ebbasta, quando abbiamo sentito un odore acre, siamo corsi verso una delle uscite di emergenza ma l’abbiamo trovata sbarrata, i buttafuori ci dicevano di rientrare…”. E’ il racconto di un sedicenne rimasto ferito nella calca nella discoteca Lanterna azzurra di Corinaldo, dove sono morte schiacciate sei persone. Il ragazzo è stato trasportato, insieme alla fidanzatina sua coetanea all’ospedale di Torrette di Ancona. Il suo racconto è confuso. La calca a quel punto si sarebbe sfogata di lato e decine di ragazzi sarebbero caduti da un muretto nella zona sottostante. “Uno è morto schiacciato sotto a tutti” dice ancora il 16enne. Sono cinque ragazzi minorenni e una madre venuta ad accompagnare la figlia le vittime della calca nella discoteca Lanterna azzurra di Corinaldo. Lo ha detto all’ANSA il questore di Ancona Oreste Capocasa, arrivato sul luogo. I minorenni sono tre ragazze e due ragazzi. Circa 35 i feriti, tra cui 12 gravi, alcuni in pericolo di vita. I feriti sono distribuiti tra gli ospedali di Torrette ad Ancona (i più gravi), Senigallia e Jesi. Le indagini stanno vagliando vari elementi, tra cui la testimonianza sul mancato funzionamento di un’uscita di emergenza. Sarebbero almeno un centinaio – secondo fonti del 118 – di cui una decina gravi, i ragazzi rimasti feriti nella calca che scoppiata nella discoteca Lanterna azzurra di Corinaldo, in provincia di Ancona. ‘Nella discoteca, secondo quanto riferito dai testimoni ai Vigili del fuoco, c’era un migliaio di persone. Sia le vittime, sia i feriti, sempre secondo quanto si apprende, avrebbero riportato lesioni e traumi da schiacciamento. Il fatto è accaduto intorno all’una di notte. C’era un concerto del trapper italiano Sfera Ebbasta nel locale ‘Lanterna azzurra’ di Corinaldo dove stanotte sei ragazzi sono morti in un fuggi fuggi generale. Per questo il locale era particolarmente affollato, in particolare da giovanissimi, anche se non si conosce ancora l’età delle vittime. Sfera Ebbasta, al secolo Gionata Boschetti, è salito alla ribalta grazie alla pubblicazione dell’album XDVR, riscuotendo una certa popolarità. E’ stata posta sotto sequestro la discoteca Lanterna azzurra a Corinaldo, dove sono morte sei persone schiacciate dalla calca mentre la gente tentava di uscire dal locale. Sei addetti alla sicurezza sono stati portati nella caserma dei carabinieri per raccogliere le loro testimonianze. Altri addetti sono ancora all’interno della discoteca. Fonte ansa.it

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome