Tragedia in Texas. 18enne armato entra in una scuola e stermina 21 persone, molti bambini (video in diretta)

stragetexas.copertina
stragetexas.copertina

21 sono i morti. E’ il bilancio di una sparatoria in una scuola elementare in Texas.

Si aggrava il bilancio della sparatoria in una scuola elementare di Uvalde, in Texas, dove un 18enne ha aperto il fuoco prima di essere ucciso dalla polizia. Il senatore del Texas Roland Gutierrez ha detto alla Cnn che i ranger dello Stato lo hanno informato che le vittime sono 21, 18 bambini e tre adulti.

Ad aprire il fuoco nella scuola elementare di Uvalde è stato un ragazzo di 18 anni. Lo riportano i media americani, secondo i quali il ragazzo è morto.

Secondo il governatore le vittime sono 18 studenti e tre adulti. Ucciso anche l’aggressore, un 18enne

La sparatoria è avvenuta alla Robb Elementary di Uvalde, in Texas, intorno alle 13 ora locale. Le motivazioni che hanno spinto il ragazzo ad aprire il fuoco non sono chiare.

Un ragazzo ha parcheggiato l’auto, si è avviato a piedi nel campus di una scuola elementare, la Robb Elementary School, armato di fucile e pistola semiautomatica, e ha sparato uccidendo 18 studenti e tre adulti

Si sa poco finora su Ramos, 18 anni, l’assassino: se non che era uno studente del liceo di Uvalde, nello stesso complesso in cui c’è anche una scuola elementare in cui ha ucciso 14 bambini e un insegnante.

Secondo le prime ricostruzioni Ramos è arrivato da solo, con la sua auto. Ha poi abbandonato il veicolo ed è entrato nella scuola con una pistola e un fucile e ha aperto il fuoco. Secondo quanto riferito da Abbott, sarebbe stato ucciso dalla polizia intervenuta. Prima di essere ucciso avrebbe ferito due agenti. Prima di andare alla scuola, avrebbe sparato anche a sua nonna, 66 anni, che è in condizioni critiche in ospedale.

Almeno 15 morti. E' il bilancio di una sparatoria in una scuola elementare in Texas
Almeno 15 morti.
E’ il bilancio di una sparatoria in una scuola elementare in Texas
Il governatore Greg Abbott ha confermato il bilancio, spiegando anche che l’aggressore, un 18enne, è stato ucciso dalla polizia. “Ha sparato e ha ucciso in modo orribile e incomprensibile 14 studenti e un insegnante”, ha spiegato Abbott durante una conferenza stampa.

LA DIRETTA VIDEO DELLA CBS 

 

In serata è partito il circuito di sempre: le polemiche sui social, le “preghiere” inviate ai familiari delle vittime, le richieste di mettere al bando le armi, a cominciare da quelle da guerra, che in molte zone d’America si trovano ancora negli store al fianco delle confezioni di soda. Poi tutto passerà. I Repubblicani si opporranno alle restrizioni.

La vita riprenderà, tutti dimenticheranno. Fino alla prossima strage.

 

Sostieni Papaboys 3.0

Informazioni personali

Dettagli di fatturazione

Termini

Totale Donazione: €100.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome