Supplica per chiedere aiuto a Maria Regina, da recitare oggi 22 agosto, giorno della Sua festa

Preghiera alla Beata Vergine Maria, Regina (Vatican News)
Preghiera alla Beata Vergine Maria, Regina (Vatican News)

La Supplica alla Beata Vergine Maria: Regina (22 Agosto)

Una bellissima orazione da recitare alla Madonna per invocare il suo aiuto…

IL TESTO DELLA PREGHIERA

O Madre del mio Dio e mia Signora Maria, mi presento a Te che sei la Regina del Cielo e della terra come un povero piagato davanti ad una potente Regina.

Dall’alto trono dal quale tu siedi, non sdegnare, Ti prego, di volgere gli occhi su di me, povero peccatore.

Dio Ti ha fatta così ricca per aiutare i poveri e Ti ha costituita Madre di Misericordia affinché Tu possa confortare i miserabili. Guardami dunque e compatiscimi.

Guardami e non mi lasciare se non dopo avermi trasformato da peccatore in Santo.

Mi rendo conto di non meritare niente, anzi, per la mia ingratitudine dovrei essere privato di tutte le grazie che per tuo mezzo ho ricevuto dal Signore; ma Tu che sei la Regina di Misericordia non cerchi i meriti, bensì le miserie per soccorrere i bisognosi.

LEGGI: Festa della Beata Vergine Maria Regina. Significato e Storia

Chi è più povero e bisognoso di me?

O Vergine sublime, so che Tu, oltre ad essere la Regina dell’universo, sei anche la mia Regina. Voglio dedicarmi completamente ed in modo particolare al tuo servizio, affinché Tu possa disporre di me come Ti piace.

Perciò Ti dico con San Bonaventura: “O Signora, mi voglio affidare al tuo potere discreto, perchè Tu mi sostenga e governi totalmente. Non mi abbandonare”.

Guidami Tu, Regina mia, e non lasciarmi solo.

Comandami, utilizzami a Tuo piacere, castigami quando non Ti ubbidisco, poiché i castighi che mi verranno dalle Tue mani mi saranno salutari.

Preghiera alla Beata Vergine Maria, Regina (Vatican News)
Preghiera alla Beata Vergine Maria, Regina (Vatican News)

Ritengo più importante essere tuo servo piuttosto che signore di tutta la terra.

“Io sono tuo: salvami”.

O Maria, accoglimi come tuo e pensa a salvarmi. Non voglio più essere mio, mi dono a Te.

Se nel passato Ti ho servito male ed ho perduto tante belle occasioni per onorarti, in avvenire voglio unirmi ai tuoi servi più innamorati e fedeli.

No, non voglio che da oggi in poi qualcuno mi superi nell’onorarti e nell’amarti, mia amabilissima Regina.

Prometto e spero di perseverare così, con il tuo aiuto.

Amen

Redazione Papaboys

Sostieni Papaboys 3.0

Informazioni personali

Dettagli di fatturazione

Termini

Totale Donazione: €100.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome