Home BLOG Mauro Leonardi Smettiamo di fare i politologi da bar e impariamo l’antiterrorismo

Smettiamo di fare i politologi da bar e impariamo l’antiterrorismo

Smettiamo di fare i politologi da bar e impariamo l’antiterrorismoLe misure antiterrorismo che dopo Bruxelles hanno una presenza sempre più visibile nella nostra vita saranno veramente efficaci solo quando ciascuno di noi imparerà ad assimilarle al proprio quotidiano.

Ignác Semmelweis viene chiamato “il salvatore delle madri” perché a Vienna, a metà ‘800, curò la “febbre puerperale” che procurava morti frequentissime tra le donne che partorivano,con due disposizioni banalissime: tutti coloro che entravano nel Padiglione I dovevano lavarsi le mani con una soluzione di cloruro di calce e, udite udite, con l’obbligo di cambiare tutte le lenzuola sporche con altre pulite.

Quelle che per noi oggi sono misure ovvie di educazione igienica minima furono per lui il risultato di studi accurati e di osservazione scientifica. Analizzò tutto quello che accadeva dal parto alla morte delle madri, dissezionò centinaia di cadaveri e capì che la febbre puerperale veniva trasferita da un corpo all’altro perché i medici prima praticavano l’autopsia sulle donne decedute e immediatamente dopo, senza lavarsi né tantomeno disinfettarsi, andavano a visitare in corsia le partorienti. La teoria era sconvolgente ma quando divenne una prassi i fatti gli diedero immediatamente ragione.

Oggi in Europa rispetto all’Isis siamo tutti come bambini che devono imparare a lavarsi le mani prima della merenda: non portare liquidi e forbicine al gate, affrontare i controlli di sicurezza con gioia e senza sbuffare, non allontanarsi da una valigia abbandonandola in un angolo, è imparare a combattere i germi. Sono cose piccole ma con effetti enormi che devono diventare parte della nostra cultura e della nostra storia personale.

In Europa l’Is potrà nulla o molto poco se nella lotta al terrorismo passeremo dall’essere lettori o spettatori a protagonisti. Dobbiamo essere tutti guerriglieri dell’acqua e sapone. Molto spesso le epidemie si bloccano sul nascere perché i genitori hanno imparato ad essere un po’ pediatri, a riconoscere le malattie dalla prima bolla, dal primo sfogo. Ce l’abbiamo fatta con le malattie esantematiche, non dobbiamo essere di meno con il terrorismo.

Maturare culturalmente è cambiare la percezione che abbiamo della nostra vita e della sicurezza della nostra vita. Lahore è qui da noi, nelle nostre case, non solo con le immagini, ma anche con la paura possibile, lo sgomento che contagia, il dolore che arriva. Dobbiamo studiare, leggere, approfondire, dissezionare ogni notizia come Ignác Semmelweis faceva nel suo reparto di ostetricia. Perché muoiono? Perché ci ammazzano? Qual è la causa? Chi è il mandante? Come prevenire? Come combattere? Non sono più domande accademiche, sono questioni quotidiane.

Io cittadino comune posso combattere il terrorismo se smetto di fare il politologo da bar e a chiedermi cos’è l’equivalente del lavarsi le mani prima di entrare in reparto, a interrogarmi su come riconoscere il morbillo-terrorismo, come prevenirlo, a pormi la questione dell’esistenza del vaccino. Non è da poco salutare i militari che piantonano le scale mobili in uscita e in entrata nelle metropolitane, ho provato a farlo: “buon giorno e grazie per quello che fate”. Sembra nulla ma l’effetto è forte, rumoroso e visibile, anche se ce ne accorgiamo solo io e il militare che piantona.

Il famoso tessuto sociale che il terrorismo con il suo solo nome corrode, strappa, divelte, si può ricucire solamente con piccoli punti da abile ricamatrice. Buon giorno e grazie per quello che fate, e via con il rammendo. Tacere e facilitare le operazioni di controllo al check in, e via con il rammendo. Sembra poco?Lo è ma è tutto quello che posso fare, e tutto quello che posso fare lo voglio fare, altrimenti è da dissennati scuotere la testa per le immagini di morte che scorrono sugli schermi dei nostri computer. Informiamoci. Collaboriamo. Ascoltiamo. Accogliamo. Ringraziamo. È come lavarsi le mani, non basta l’acqua e il sapone o il disinfettante. Bisogna girare e rigirare le mani una dentro l’altra e sciacquarle bene. Ve la ricordate mamma? Si deve vedere la schiuma nera e poi l’acqua pulita. La merenda arriva solo dopo.

Di Don Mauro Leonardi

Articolo tratto da L’Huffingtonpost


Sostieni Papaboys 3.0

Anche se l’emergenza Coronavirus ha reso difficile il lavoro per tutti, abbiamo attivato a nostre spese la modalità di smart working (lavoro da remoto) per stare vicino ad ognuno di voi, senza avere limitazioni di pubblicazione, con informazione e speranza, come ogni giorno, da 10 anni. CI PUOI DARE UNA MANO?

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

I nostri social

9,925FansLike
17,749FollowersFollow
9,725FollowersFollow
1,600SubscribersSubscribe

News recenti

poveri

Sei in difficoltà? Ecco come usufruire del Reddito di emergenza fino...

Reddito di emergenza, l'importo introdotto dal decreto Rilancio per le famiglie in difficoltà che non hanno avuto altre indennità Covid, né sono beneficiarie del...