Home News Pax et Justitia Siria, media: 'massacro Isis a Deir Ezzor, 300 civili uccisi'

Siria, media: ‘massacro Isis a Deir Ezzor, 300 civili uccisi’

Centinaia di civili uccisi e 400 rapiti a Deir Ezzor, nell’Est della Siria, dove l’Isis ha lanciato “un grande attacco”, sfociato in una vera e propria battaglia, che secondo fonti governative si sarebbe conclusa con la cacciata dei militanti del Califfato Nero. Le notizie sul massacro e successivo rapimento di massa, tuttavia, divergono a seconda delle fonti.

Siria

L’Osservatorio siriano per i diritti umani ieri ha annunciato l’uccisione di 135 persone, sommando 85 morti tra la popolazione civile e 50 soldati dell’esercito fedele al regime di Bashar Al-Assad. Il bilancio è stato poi rivisto al rialzo dall’agenzia ufficiale Sana, che ha raccolto diverse testimonianze su una carneficina ancora più grave: 300 morti. Anche le notizie delle vittime tra i soldati dell’esercito governativo e le milizie pro-regime variano da 50 a oltre 70. “Tra i rapiti, tutti sunniti, ci sono donne, bambini e familiari dei combattenti pro-regime”, ha dichiarato Rami Abdel Rahman said, il capo dell’Osservatorio, ong che monitora gli sviluppi sul terreno in Siria grazie a una rete di “antenne” in tutto il Paese. I catturati sono stati portati in zone sotto il controllo dell’Isis nella parte occidentale della provincia di Deir Ezzor, ha aggiunto, e verso Ovest, al confine con la provincia di Raqqa. Sempre secondo fonti del governo, l’esercito fedele al presidente Bashar al Assad è riuscito a respingere l’attacco dei jihadisti e nella controffensiva ha ucciso comandante dell’Isis per il governatorato di Deir Ezzor, Abu Hamas al-Ansari. Ma l’Osservatorio registra invece un’avanzata, con l’Isis ora padrona di circa il 60% di Deir Ezzor.

photo-2_CROP




Oggi alla periferia di questa città, precisa l’Ong, ci sono stati nuovi, seppur sporadici combattimenti. Nella notte i caccia russi hanno condotto raid di sostegno all’esercito di Assad, in particolare su Al-Baghaliyeh. Il supporto russo sta permettendo ai governativi anche di avanzare nella provincia settentrionale di Aleppo. Lo stato islamico ha già preso di mira i civili in questa provincia, con esecuzioni di massa nel 2014 tra i membri della tribù sunnita Shaitat, che si erano opposti al tentativo degli umini del Califfo nero di prendere il controllo dell’intera area.



Redazione Papaboys (Fonte www.rainews.it)

Sostieni Papaboys 3.0

Anche se l’emergenza Coronavirus rende difficile il lavoro per tutti, abbiamo attivato a nostre spese la modalità di smart working (lavoro da remoto) per stare vicino ad ognuno di voi, senza avere limitazioni di pubblicazione, con informazione e speranza, come ogni giorno, da 10 anni. CI PUOI DARE UNA MANO?

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

I nostri social

9,880FansLike
17,097FollowersFollow
9,606FollowersFollow
1,600SubscribersSubscribe

News recenti

2 aprile alle 21 il Rosario su Tv2000 e in diretta social Cei

Santo Rosario per l’Italia e Supplica a Giovanni Paolo II. Giovedì...

Avvenire, Tv2000, InBluradio, Sir, Federazione dei settimanali cattolici e Corallo, d’intesa con la Segreteria generale della Cei, invitano i fedeli, le famiglie e le...