Home News Pax et Justitia Siria :Is decapita ostaggio britannico. Kobane sotto assedio

Siria :Is decapita ostaggio britannico. Kobane sotto assedio

l'ostagio briannico HenningSi è ripetuta ancora una volta la brutale sequenza di morte con cui i jihadisti del sedicente Stato islamico stanno terrorizzando l’occidente. Un britannico di 47 anni, Alan Henning, impegnato in Siria sul fronte umanitario e rapito nel dicembre scorso, è stato decapitato pagando così il prezzo dell’adesione del Regno Unito alla coalizione che combatte in Iraq e Siria l’assalto jihadista. Nel video che ritrae l’uccisione, nuove minacce anche all’America. E sul terreno continua l’assalto degli estremisti islamici all’enclave curda siriana di Kobane, al confine con la Turchia. Il servizio di Gabriella Ceraso per la Radio Vaticana:

colpi di mortaio sulla città di Kobane

“Un crimine efferato che dimostra ancora una volta la brutalità del cosiddetto stato islamico e riafferma la determinazione a contrastarlo e a punire i responsabili ”. E’ la dichiarazione dell’Onu dopo l’uccisione del quarto ostaggio occidentale in Siria, ma riassume le voci di tutta la comunità internazionale in primo luogo America e Regno unito nuovamente colpite al cuore. La dinamica è la stessa: come James Foley, Steven Sotoloff e David Haines, due americani e un britannico, anche Alan Henning, tassista di Manchester e volontario tra i profughi siriani, appare in video in ginocchio, in abito arancione, sotto minaccia del suo assassino dall’accento britannico. Un minuto e 11 secondi in cui si preannuncia anche la prossima vittima un americano forse l’operatore umanitario Peter Kassing. L’ennesimo messaggio alla coalizione, a cui ieri si sono aggiunti anche Canada e Australia, che continua a combattere i jihadisti: in Iraq gli estremisti hanno conquistato Hit, a ovest di Baghdad, mentre è ancora guerra nel cuore dell’enclave curda siriana di Kobane, al confine con la Turchia. Ankara promette battaglia per difendere in ogni modo la città strategica e Damasco avverte la minaccia e mette in guardia l’Onu da quella che considererebbe” un’ aggressione”. Intanto arriva la dichiarazione della Conferenza episcopale dei vescovi latini delle Regioni Arabe: partecipiamo alle sofferenze dei nostri popoli, scrivono i vescovi al termine della loro riunione annuale, ribadendo che non si può utilizzare la violenza in nome della religione, che non c’è pace senza giustizia e rispetto dei diritti umani e sottolineando ancora una volta il dolore di vedere, dopo 17 secoli, molte città d’Iraq e Siria svuotate dalla presenza cristiana.

Iraq - Siria - ISIS

A cura di Redazione Papaboys fonte: Radio Vaticana

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

305,829FansLike
19,845FollowersFollow
9,806FollowersFollow
2,330SubscribersSubscribe

News recenti

Ogni giorno una Lode a Maria, 24 novembre 2020. Supplica alla...

O Celeste Tesoriera di tutte le grazie, Madre di Dio e Madre mia Maria, poiché sei la Figlia Primogenita dell'Eterno Padre e tieni in...