Siria. Il patriarca Gregorios: no a interventi stranieri

Siria. Il patriarca Gregorios: no a interventi stranieri“E’ da sconsiderati parlare di interventi militari condotti dall’esterno per difendere i cristiani della Siria e del Medio Oriente. Siamo un Paese sovrano, con un governo legittimo, a cui spetta il compito di tutelare i suoi cittadini. Se davvero si vuole mettere fine alla tragedia del popolo siriano, c’è una sola strada: basta guerre, basta armi, soldi e stratagemmi usati per attaccare la Siria”. Così il patriarca di Antiochia dei greco-melchiti, Grégorios, conversando con l’agenzia Fides, respinge senza appello l’idea – prospettata in maniera ricorrente nel dibattito mediatico – che le sofferenze inflitte alle comunità cristiane e ad altre componenti delle popolazioni mediorientali da parte dei jihadisti vengano evocate per giustificare un intervento militare sotto egida internazionale.

Veglia per la pace a Damasco
Il primate della Chiesa cattolica orientale con più fedeli in Siria ha presieduto lunedì scorso un’affollata Veglia di preghiera per la pace nella cattedrale dell’Assunzione di Maria, a Damasco, a cui hanno preso parte rappresentanti e delegazioni di tutte le comunità cattoliche e ortodosse damascene. “Abbiamo condiviso canti e preghiere di penitenza e di pace” riferisce il patriarca, “mostrando a tutti, anche in questo modo, che i cristiani sono i veri promotori della pace in Siria”. A giudizio di Grégorios, la via per favorire la pace che la Chiesa deve indicare costantemente “a tutti gli uomini di buona volontà” è quella della preghiera e del sostegno offerto a tutto ciò che può contribuire a interrompere il flusso di armi che insanguinano il Medio Oriente.

La guerra alimentata da altre nazioni e gruppi di potere
“Il 7 settembre del 2013” ricorda il patriarca melchita “Papa Francesco chiamò il mondo alla grande preghiera per la pace, e le navi da guerra che erano già partite fecero marcia indietro. Nei giorni scorsi, mentre noi eravamo in preghiera, si sono diffuse le notizie che Paesi occidentali riaprono alle trattative con Assad. Questa adesso è la via realista da seguire, se davvero si vuole la pace. I gruppi che terrorizzano il nostro popolo non avrebbero avuto tanta forza senza gli aiuti e le armi arrivati loro da altre nazioni e gruppi di potere.

Appello a tutti i cristiani del mondo
​Per questo – prosegue il patriarca Grégorios – faccio appello a Papa Francesco e a tutte le Chiese e le comunità cristiane, affinché i due miliardi di cristiani di tutto il mondo, parlando con una sola voce, si facciano promotori di una road map concreta e realista per chiedere a tutte le forze in campo di mettere da parte i propri calcoli di potere e tutte le cause che alimentano la guerra. Solo così le sofferenze del nostro popolo potranno avere fine”.

Fonte. Radio Vaticana

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome