Home BLOG Francis Marrash Siria - Appello ai rapitori della famiglia del gesuita Dall'Oglio: sperare o...

Siria – Appello ai rapitori della famiglia del gesuita Dall’Oglio: sperare o piangere?

Fr._Paolo_Dall'Oglio,_Deir_Mar_MusaAPPELLO DI SPERANZA – A un anno dalla scomparsa i parenti rivolgono un accorato appello ai sequestratori: “Speriamo ancora, ma siamo preparati a tutto”

La famiglia del padre gesuita Paolo Dall’Oglio, rapito in Siria, ha rivolto un appello ai suoi sequestratori perché facciano sapere qual è la sua sorte a un anno dalla scomparsa, avvenuta il 29 luglio 2013. “Vorremmo riabbracciarlo, ma siamo anche pronti a piangerlo”, affermano i congiunti nell’appello.

E’ passato, dicono i familiari rivolgendosi ai rapitori, “tanto, troppo tempo anche per un luogo di guerra e sofferenza infinita come la Siria”. E ancora: “Chiediamo ai responsabili della scomparsa di un uomo buono, di un uomo di fede, di un uomo di pace, di avere la dignità di farci sapere della sua sorte. Vorremo riabbracciarlo ma siamo anche pronti a piangerlo. Domani, 29 luglio, a un anno dalla sua scomparsa, in tanti pregheremo e saremo vicino a lui, a tutti i rapiti, agli ingiustamente imprigionati e alle tante persone che soffrono a causa di questa guerra”.

IL VIDEO DELL’APPELLO
.

.

Padre Paolo, che ha vissuto decenni in Siria prima di esserne espulso nel 2012, era tornato nel nord del Paese, e precisamente a Raqqa, nelle mani dei jihadisti dello Stato islamico, per tentare una difficile mediazione per il rilascio di alcuni attivisti siriani fatti prigionieri. Ma diverse fonti affermano che un anno fa egli stesso è stato catturato dai miliziani. Da allora diverse voci che lo davano per ucciso o in buona salute si sono rincorse, ma senza mai essere sostenute da prove concrete.

Fonti bene informate – riferisce il TgCom – hanno detto di recente che il gesuita romano sarebbe ancora tenuto prigioniero nella provincia di Raqqa.

 

Sostieni Papaboys 3.0

Anche se l’emergenza Coronavirus ha reso difficile il lavoro per tutti, abbiamo attivato a nostre spese la modalità di smart working (lavoro da remoto) per stare vicino ad ognuno di voi, senza avere limitazioni di pubblicazione, con informazione e speranza, come ogni giorno, da 10 anni. CI PUOI DARE UNA MANO?

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

I nostri social

9,925FansLike
17,721FollowersFollow
9,710FollowersFollow
1,600SubscribersSubscribe

News recenti

Vangelo - 28 Maggio 2020

Vangelo 28 Maggio 2020. Siano perfetti nell’unità. Lettura e Commento

Vangelo del giorno - Giovedì, 28 Maggio 2020 Lettura e commento al Vangelo di Giovedì 28 Maggio 2020 - Gv 17,20-26: Siano perfetti nell’unità. + Dal...