Home News Pax et Justitia Siria: 4 milioni di rifugiati L'Onu: Il mondo intervenga

Siria: 4 milioni di rifugiati L’Onu: Il mondo intervenga

Siria: 4 milioni di rifugiati L'Onu: Il mondo intervengaSono oltre quattro milioni i rifugiati siriani, una cifra che rende il conflitto in atto nel Paese dal marzo 2011 la peggiore crisi mondiale dal 1992. È quanto ha detto oggi l’Alto Commissariato Onu per i rifugiati (Unhcr), precisando che sono 4.013.000 i rifugiati, con un incremento di un milione di persone in fuga registrato in soli 10 mesi. 

“Si tratta della più grande popolazione di rifugiati per un solo conflitto in una generazione – ha detto l’Alto Commissario Antonio Guterres – è una popolazione che ha bisogno del sostegno del mondo, ma che invece vive in condizioni disperate e sta precipitando sempre più nella povertà”. Ai rifugiati si aggiungono poi altri 7,6 milioni di sfollati presenti in Siria, molti dei quali non raggiungibili dalle organizzazioni umanitarie. “Il peggiorare della situazione sta spingendo un crescente numero di siriani verso l’Europa e anche più lontano, ma la stragrande maggioranza di loro rimane nella regione”, ha precisato Guterres. Sono infatti 1.805.255 i siriani presenti in Turchia, 249.726 in Iraq, 629.128 in Giordania, 132.375 in Egitto, 1.172.753 in Libano, e 24.055 nell’Africa del Nord.

L’esodo dalla Siria è il più alto registrato dal 1992, quando il numero di rifugiati dall’Afghanistan toccò la cifra sbalorditiva di 4,6 milioni – si legge nella nota dell’Unhcr – in realtà la cifra è anche più alta, perchè non comprende le oltre 270.000 richieste di asilo presentate dai siriani in Europa e i migliaia di siriani non ricollocati nei Paesi vicini”. In assenza di una prospettiva di pace in Siria, a questo ritmo il numero dei rifugiati siriani potrebbe toccare i 4,27 milioni entro la fine del 2015.

Per far fronte a tale situazione, l’Unhcr ha stimato in oltre 5 miliardi di dollari i fondi necessari per il 2015, riferendo di aver ricevuto finora solo il 24% di tale importo. “Questo significa che i rifugiati si troveranno ad affrontare nuove riduzioni degli aiuti alimentari e a lottare per permettersi servizi medici salvavita o per mandare i propri figli a scuola”, ha ammonito l’agenzia dell’Onu. E “la vita per i siriani in esilio è sempre più dura: circa l’86% dei rifugiai che non sono nei campi in Giordania vive con meno di 3,2 dollari al giorno, sotto la soglia di povertà, mentre in Libano il 55% dei rifugiati vive in rifugi di fortuna”.

Intanto i Paesi confinanti più direttamente interessati dai flussi di profughi – Turchia e Giordania – pensano a una “fascia di sicurezza” tra i loro confini e la Siria, che permetta di contenere la minaccia dell’Isis e anche di allestire strutture per chi fugge dal Paese in guerra. In realtà nel caso della Turchia, l’idea di un cuscinetto lungo la frontiera con la Siria denuncia i timori di un rafforzamento curdo nell’area, che finisca per rilanciare il progetto di uno Stato curdo indipendente.

A cura di Redazione Papaboys fonte: Avvenire

Sostieni Papaboys 3.0

Anche se l’emergenza Coronavirus rende difficile il lavoro per tutti, abbiamo attivato a nostre spese la modalità di smart working (lavoro da remoto) per stare vicino ad ognuno di voi, senza avere limitazioni di pubblicazione, con informazione e speranza, come ogni giorno, da 10 anni. CI PUOI DARE UNA MANO?

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

I nostri social

9,879FansLike
17,188FollowersFollow
9,617FollowersFollow
1,600SubscribersSubscribe

News recenti

croce

Le sette parole di Gesù in Croce. Meditazioni per la Settimana...

Sette parole e poi il silenzio e la morte, nell’attesa della Risurrezione. Il testo che pubblichiamo è tratto dal volume Le sette parole di...