Home News Res Publica et Societas "Senza misure drastiche tra due settimane 400 morti al giorno". Adesso la...

“Senza misure drastiche tra due settimane 400 morti al giorno”. Adesso la parola agli scienziati

Il fisico – primo firmatario dellʼappello a Mattarella condiviso da 100 scienziati – suggerisce di ridurre al 40% la presenza massima nel trasporto pubblico e invita a tenere aperte scuole elementari e medie

“Siamo vicini al punto di rottura, senza misure drastiche tra due venerdì conteremo 400 morti al giorno”. È l’allarme del fisico Giorgio Parisi, ospite a Tgcom 24.

Coronavirus.
Coronavirus.

“Bisognerebbe ridurre la capienza del trasporto pubblico al 40%” ha continuato il primo firmatario della lettera rivolta al presidente Mattarella in cui si invocano restrizioni.

“Le elementari e medie devono essere le ultime a chiudere“, ha concluso.

Il ministro della Salute Roberto Speranza ha convocato per il pomeriggio il Comitato tecnico scientifico. La riunione è iniziata da un’ora circa con gli esperti, che dovrebbero analizzare le possibili nuove misure per frenare la crescita dei contagi.

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

305,916FansLike
19,967FollowersFollow
9,831FollowersFollow
2,330SubscribersSubscribe

News recenti

Coronavirus: ecco cosa cambia da oggi

Coronavirus. Oggi le Regioni cambiano colore: ecco chi entra nella zona...

Coronavirus: cambiano i colori delle Regioni italiane Ecco cosa cambia a partire da oggi 6 Dicembre 2020 con il nuovo Dpcm Con il nuovo Dpcm l'Italia...