HomeNewsCorpus et SalusSant'Antonio doveva essere ucciso. Grazie a Gesù uscì illeso da un avvelenamento

Sant’Antonio doveva essere ucciso. Grazie a Gesù uscì illeso da un avvelenamento

Quando il cibo di Sant’Antonio fu avvelenato

La ministra avvelenata servita a Sant’Antonio da Padova…

Quando Sant’Antonio predicava a Rimini, accorrevano alle sue prediche grandi masse di persone e avvenivano numerose conversioni. Tutto questo, riempiva sempre più di odio gli eretici di Rimini, che pensarono di farlo morire avvelenato.

Un giorno finsero di voler discutere con lui su alcuni punti del catechismo e dell’usura e lo invitarono ad un pranzo. Il nostro fraticello, che non voleva perdere l’occasione per fare del bene, accettò l’invito.

Sant'Antonio da Padova
Sant’Antonio da Padova

Ad un certo momento gli fecero mettere dinanzi una minestra avvelenata. Frate Antonio, ispirato da Dio, se ne accorse e li rimproverò dicendo: “Perché avete fatto questo?”.

“Per vedere – risposero – se sono vere le parole che Gesù disse agli Apostoli: «Berrete il veleno e non vi farà male»“.

Frate Antonio si raccolse in preghiera, tracciò un segno di croce sul cibo e poi mangiò serenamente, senza riportarne danno alcuno.

Confusi e pentiti della loro cattiva azione, domandarono perdono, promettendo di convertirsi.

Redazione Papaboys

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Iscriviti alla newsletter gratuita