San Valentino con Papa Francesco per migliaia di fidanzati

tn.papa.sanvalentinoCITTA’ DEL VATICANO – Questa festa di San Valentino resterà davvero nel cuore: del Papa e delle oltre 20.000 coppie di fidanzati che sono attesi all’incontro. E poi una proposta: dopo l’incontro tutti al Divino Amore per continuare la preghiera.

Più di ventimila coppie di fidanzati sono attesi questo venerdì 14 febbraio 2014 in piazza San Pietro per l’udienza loro riservata con Papa Francesco, promosso dal Pontificio Consiglio per la Famiglia. Provengono da 28 paesi del mondo e ciò che li accomuna è il fatto che hanno scelto di sposarsi nei prossimi mesi. “Il successo numerico dell’iniziativa assolutamente imprevedibile solo tre settimane fa – afferma S. Ecc. Mons Vincenzo Paglia, Presidente del dicastero – mostra che ci sono giovani controcorrente che desiderano che il loro amore duri per sempre e sia benedetto da Dio, anche se il mondo in cui vivono non crede che i legami durino in eterno e che è bene che ciascuno pensi a se stesso”.

L’udienza inizierà alle ore 11. Nella prima ora i fidanzati si prepareranno all’incontro con il Santo Padre ripercorrendo le fasi essenziali di una storia di amore, attraverso racconti vissuti, canzoni e poesie d’amore. Alle ore 12 il Papa Francesco arriverà in piazza e dialogherà con tre coppie di fidanzati. Le domande dei fidanzati riguarderanno la difficoltà attuale di compiere una scelta definitiva, le qualità della famiglia cristiana, lo stile da scegliere per la celebrazione del sacramento del matrimonio. “Oggi – continua Mons Paglia – la scelta del matrimonio viene continuamente rinviata in attesa di una risoluzione complessiva di tutti i problemi. In realtà ci si sposa per edificare assieme il futuro, risolvere assieme i problemi, costruire assieme la casa per sé e per i figli. Certo, i responsabili della cosa pubblica dovrebbero essere molto più attenti nel sostenere la scelta di due giovani di sposarsi con una attenta politica familiare e del lavoro, perché una famiglia edificata nella giovinezza è una impareggiabile ricchezza anche per la stessa società..”.

L’udienza si concluderà con un momento di preghiera (è stata composta una preghiera dei fidanzati appositamente per questo evento) e la benedizione del Papa. A tutte le coppie sarà distribuito un dono particolare per la celebrazione delle loro nozze. L’intero evento (dalle 11 alle 13) sarà trasmesso in diretta dalla Radio Vaticana, dal Centro Televisivo Vaticano e dalle reti televisive connesse (fra cui RAI1 in diretta dalle ore 11.50). Ovviamente potrete seguire via twitter l’incontro sui canali dei Papaboys, ufficiostampa @papaboys113 ed anche redazione papaboys @ciaoKarol. Oltre al player direttamente sul nostro sito web.

E POI AL DIVINO AMORE

Al termine dell’incontro di Papa Francesco con i fidanzati, venerdì 14 febbraio, il Movimento dell’amore familiare propone ai “romani” che lo vorranno di ritrovarsi al santuario del Divino Amore «per affidare al Signore il proprio amore e il progetto di vita di coppia». L’appuntamento è per le 20 alla Chiesa della Santa Famiglia (piazzale don Umberto Terenzi). L’idea, spiegano dal Movimento Roberto e Georgia, che da 18 anni seguono i fidanzati che si preparano al matrimonio, è continuare a vivere il clima di raccoglimento sperimentato al mattino con il Santo Padre, «valorizzando il momento importante del fidanzamento attraverso la preghiera alla Madonna del Divino Amore, tanto cara ai romani».

Per i giovani romani  – riferisce il sito on line Romasette della Diocesi di Roma – in cammino verso il matrimonio, questo è un appuntamento che si ripete da 5 anni. «In questo tempo di relativismo, dove anche l’amore dei fidanzati può essere incompreso e vissuto con superficialità, ci sembra importante dare la possibilità a quelli che lo desiderano di soffermarsi sulla preziosità di quello che stanno vivendo», osservano ancora Roberto e Georgia. Il tempo del fidanzamento è «un periodo che va valorizzato, custodito e protetto, perché può segnare l’inizio di una nuova famiglia. E sappiamo quanto oggi la famiglia sia minacciata».

Nella festa di San Valentino, patrono degli innamorati, dunque, i giovani che guardano al matrimonio metteranno sotto la protezione di Maria il loro amore e il loro progetto di vita a due. A guidarli nella preghiera, durante la quale potranno accendere un lumino davanti all’effige della Vergine del Divino Amore, sarà il fondatore del Movimento dell’amore familiare, don Stefano Tardani. Al termine gli organizzatori faranno gli auguri alle coppie di fidanzati con un aperitivo e un brindisi finale. Roberto e Georgia ne sono convinti: «Sarà un momento da cui trarre forza, coraggio e ispirazione per costruire nel bene e nella speranza il loro futuro». di Redazione Papaboys

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome