Pubblicità
HomeNewsRes Publica et SocietasSan Pietroburgo, bomba nella metro: 14 morti. Il kamikaze sarebbe un russo...

San Pietroburgo, bomba nella metro: 14 morti. Il kamikaze sarebbe un russo di origine kirghisa

Sarebbe un 22enne russo di origine kirghisa il kamikaze unico responsabile dell’attentato di ieri nella metro di San Pietroburgo che ha causato 14 morti e decine di feriti. Scagionato invece l’uomo con la barba ripreso dalla videosorveglianza. In serata Putin è andato a deporre fiori sul luogo dell’attacco. Trump lo ha chiamato esprimendogli le sue condoglianze; i due intendono combattere insieme il terrorismo, afferma il Cremlino. Il Consiglio di sicurezza Onu parla di “vile terrorismo”. Da oggi tre giorni di lutto cittadino a San Pietroburgo.

Attentato in Russia, i più gravi dal 1999
Un attentato “terrificante” ha sconvolto San Pietroburgo, l’antica capitale degli zar e città natale di Vladimir Putin, proprio nel giorno in cui il presidente russo era in zona per l’incontro con il collega bielorusso Alexander Lukashenko. Un vagone della linea blu del metrò è stato sventrato da un’esplosione mentre correva fra le stazioni Tekhnologicheskiy Institut e Sennaya Ploshchad causando 14 morti, come è stato confermato dal Ministero della Salute. A compiere l’attentato sarebbe stato un kamikaze russo di origine kirghisa.Un secondo ordigno, mascherato da estintore, è stato rinvenuto in una terza stazione, la Ploshchad Vosstaniya, ed è stato disinnescato dagli artificieri: si trattava di una bomba ben più potente – un chilo di tritolo – di quella usata nel vagone della metropolitana ma di fattura simile, ovvero zeppa di “corpi lesivi” (biglie e chiodi mozzati) utilizzati per massimizzare l’impatto mortifero.

Il Comitato Investigativo russo nel pomeriggio ha confermato di aver lanciato un’indagine per “terrorismo” ma ha sottolineato che ogni altra ipotesi verrà analizzata. Le piste privilegiate, ad ogni modo, sono quella “estremista”, dunque di matrice islamica, e quella “nazionalista”. La polizia, sulle prime, aveva detto di essere sulle tracce di due attentatori ma in serata – stando a quanto riporta Interfax – gli inquirenti si sono convinti che ad agire sia stato un solo uomo. Ovvero il kamikaze, che prima avrebbe lasciato l’ordigno-estintore alla Ploshchad Vosstaniya e poi sarebbe salito sul treno, dove si è fatto esplodere.






Il kamikaze della metropolitana di San Pietroburgo sarebbe un cittadino russo di origine kirghisa, secondo l’intelligence del Kirghizistan. Il comitato di stato kirghiso per la sicurezza nazionale ha reso noto che l’autore dell’attentato è di nazionalità russa e di origine kirghisa, secondo la Ap. L’agenzia di intelligence ha precisato che sta cooperando nelle indagini con le autorità russe. Secondo la stampa britannica, che cita sempre i servizi di sicurezza kirghisi (Gknb), l’attentatore si chiama Akbarzhon Jalilov, è nato a Osh e ha 22 anni (e’ nato nel 1995).

“Non sappiamo” se Akbarzhon Jalilov, il cittadino del Kirghizistan che Mosca sospetta essere l’autore della strage nella metro di San Pietroburgo, sia “coinvolto nell’attacco terroristico o no”: lo afferma il servizio stampa del Comitato per la Sicurezza Nazionale del Kirghizistan, citato dalla Tass.




Fonte www.ansa.it

Informazioni sulla Donazione

Vorrei fare una donazione del valore di :

€100€50€10Altri

Vorrei che questa donazione fosse ripetuta ogni mese

Informazioni sulla donazione

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

306,073FansLike
20,918FollowersFollow
9,982FollowersFollow
8,600SubscribersSubscribe

News recenti

Litanie a San Domenico

Prima di andare a dormire recita le potenti Litanie a San...

Litanie a San Domenico: da recitare prima nella notte San Domenico, luce della Chiesa, prega per noi! Ecco il testo: Signore, abbi pietà di noi Cristo Gesù, abbi...