Home News Caritas et Veritas San Michele è apparso in Sicilia è ha salvato la vita di...

San Michele è apparso in Sicilia è ha salvato la vita di un umile frate

Lo straordinario miracolo di San Michele in Sicilia

San Michele Arcangelo
San Michele Arcangelo

IL RACCONTO

In Sicilia vi è una notevole devozione a San Michele ma forse non tutti sanno che il principe degli angeli apparve nel 1624 a Licata, provincia di Agrigento, per esaudire le preghiere di un umile religioso dell’ordine di San Francesco d’Assisi.

Secondo il racconto del sito di Aleteia, nel monastero viveva fra Francesco, che faceva l’infermiere; una sera il religioso dimenticò la ricetta del medico che prescriveva un farmaco che uno dei frati del convento, molto malato, avrebbe dovuto assumere.

Era tardi, le porte del monastero erano ormai chiuse e non si poteva più uscire. Allora, il frate infermiere raggiunse la cappella di San Michele, posò la ricetta ed un bicchiere sull’altare e disse:

San Michele, io non posso nulla, tocca dunque fare tutto a voi! Tra mezz’ora ritornerò e in questo bicchiere occorre che io trovi il rimedio che ha comandato il medico”.

Mezz’ora dopo fra Francesco tornò e trovo il farmaco. Lo diede al frate malato e qui si compì il miracolo: il religioso guarì.

Nelle prime ore del mattino successivo, il medico ed il farmacista del paese si presentarono al monastero, bussarono forte ed a chi gli aprì dissero che avevano bisogno urgente di parlare con il padre superiore.

Il medico chiese di poter vedere subito il malato, era infatti molto preoccupato per la sua salute. Il farmacista, invece, raccontò di essere molto inquieto e gli chiese di poter incontrare quel giovane bellissimo, straniero, che la sera prima si era presentato in farmacia ed aveva richiesto un farmaco.

San Michele Arcangelo
San Michele Arcangelo

Il giovane – scrive Aleteia riportando le parole del farmacista – era rivestito di una bianca armatura e di un elmo ornato da un bel pennacchio. Sul suo petto brillava un sole, portava un mantello di broccato d’oro; la sua tunica era mirabilmente broccata, e la sua sciarpa era in se stessa un tesoro. Ovunque scintillavano pietre preziose, messe con ordine perfetto sulla sua cintura, i suoi bracciali, il suo elmo e la sua corazza. Infine, il suo splendore era tale che i miei occhi abbagliati rifiutavano di guardarlo, e la mia venerazione è stata così grande che non ho avuto il coraggio di chiedere il suo nome. Per carità, padre, ditemi chi è quel giovane?”.

Il padre superiore rispose che in convento non c’era nessuno straniero e chiamò il frate infermiere. Questi, udendo il racconto, disse cosa era successo e che si era rivolto a San Michele Arcangelo. (Fonte www.sanfrancescopatronoditalia.it)

A quel punto tutti compresero: era stato il Principe degli Angeli a fare il miracolo.

Sostieni Papaboys 3.0

Anche se l’emergenza Coronavirus ha reso difficile il lavoro per tutti, abbiamo attivato a nostre spese la modalità di smart working (lavoro da remoto) per stare vicino ad ognuno di voi, senza avere limitazioni di pubblicazione, con informazione e speranza, come ogni giorno, da 10 anni. CI PUOI DARE UNA MANO?

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

I nostri social

9,924FansLike
17,749FollowersFollow
9,724FollowersFollow
1,600SubscribersSubscribe

News recenti

San Francesco Caracciolo, 4 Giugno

Il Santo di oggi 4 Giugno 2020 San Francesco Caracciolo, Sacerdote

Oggi la Chiesa ricorda San Francesco Caracciolo San Francesco Caracciolo, sacerdote, che, mosso da mirabile carità verso Dio e il prossimo, fondò la Congregazione dei...