San Francesco: Pace e bene a te! 7 Dicembre 2018

San Francesco: PACE E BENE A TE!

La nuova rubrica quotidiana dedicata alle parole e alla vita di San Francesco, un modo per entrare nella spiritualità francescana e vivere nella pace di Dio e nell’umiltà di Nostro Signore.

Pace e Bene

Ogni giorno un testo, una preghiera o un fioretto tratto dalla vita del “poverello di Assisi”.

LEGGI ANCHE: Preghiera Semplice di Santo Francesco 

Gesù nostro Signore vi benedica!

Prosegue il nostro racconto degli episodi più importanti della vita del santo, attraverso le tavole contenute nella Basilica di Santa Croce a Firenze.

L’apparizione al Capitolo di Arles

Francesco appare ai suoi compagni, quasi a voler partecipare, pur essenso assente, alla vita dei fratelli. Tommaso da Celano racconta di due apparizioni: quella del carro di fuoco e quella al Capitolo di Arles. Mentre Antonio (il futuro santo) sta commentando le parole del Vangelo di Giovanni “Iesus Nazarenus rex Iudeorum”, frate Monaldo vide , sopra la porta della stanza dove erano riuniti i compagni, Francesco sollevato in aria in atteggiamento benedicente.

San Francesco

Nella nostra tavola Antonio è rappresentato secondo una iconografia del tutto inconsueta: un vecchio dalla barba e dai capelli bianchi. Francesco non ha le braccia aperte a ricordare la croce; dal piccolo busto sporge solo la mano nel gesto di Cristo benedicente.

LEGGI ANCHE: San Francesco e quel dialogo storico con il lupo

Dal gruppo dei frati intenti ad ascoltare la predica di Antonio, spiccano due religiosi che, dai gesti e dallo sguardo rivolto in alto, mostrano di essersi accorti della presenza straordinaria di Francesco. Il primo, dalla barba bianca, sarà il ministro Giovanni da Parma; il giovane compagno accanto, che sta già toccando la spalla di un terzo per avvisarlo, è Monaldo. La visione non è riservata solo a Monaldo – secondo il testo del Celano -, ma è allargata a tutti i frati, compreso Antonio.

Fonte www.santacrocefirenze.it

San Francesco

LA BENEDIZIONE DI SAN FRANCESCO PER TE

Benedicat tibi Dominus et custodiat te,
ostendat faciem suam tibi et misereatur
tui convertat vultum suum ad te
et det tibi pacem
Dominus benedicat frater Leo, te
Benedicat, benedicat,
benedicat tibi Dominus
et custodiat te Frater Leo, te.

Il Signore ti benedica e ti custodisca.
Mostri a te il suo volto e abbia misericordia di te.
Volga a te il suo sguardo e ti dia pace.
Il Signore ti dia la sua grande benedizione.

A cura della Redazione Papaboys

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome