Home Santi pensieri San Francesco: Pace e bene a te! 25 Dicembre 2018

San Francesco: Pace e bene a te! 25 Dicembre 2018

San Francesco: PACE E BENE A TE!

La nuova rubrica quotidiana dedicata alle parole e alla vita di San Francesco, un modo per entrare nella spiritualità francescana e vivere nella pace di Dio e nell’umiltà di Nostro Signore.

Pace e Bene

Ogni giorno un testo, una preghiera o un fioretto tratto dalla vita del “poverello di Assisi”.

LEGGI ANCHE: Preghiera Semplice di Santo Francesco 

Gesù nostro Signore vi benedica!

Notte di Natale 1223

Francesco d’Assisi è invitato da Giovanni Velita, signore di Greccio, a celebrare la natività tra gli eremi e le grotte di una collina. Così racconta la Vita prima di Tommaso da Celano, biografo del santo. Francesco, in verità, quella sera non aveva molta voglia di andare. Era sofferente, incominciava a stare molto male. Di lì a poco si sarebbe ritirato dagli uomini, dalle folle che accorrevano piene di devozione per ascoltarlo e vederlo, dai suoi frati, dalla Regola, per cogliere solo la voce del silenzio.

san-francesco-greccio-presepe

Prima di questa dipartita il suo dolore si era tramutato in dolcezza, un amore che traboccava verso tutti gli esseri viventi, i poveri soprattutto, e anche gli animali. Lui amava i più deboli, quindi tutti. Gli umani, ricchi o indigenti, non gli sembravano meno bisognosi di cure come lo sono pecore, agnelli, api e vermi, e persino serpenti e lupi.

La malattia di quegli anni si era sublimata in tenerezza, conducendo Francesco a sostenere e a incoraggiare ogni afflato di vita che pulsasse finanche nelle vigne, nei fiori, nelle foreste come nelle pietre.

LEGGI ANCHE: Ecco il programma del Santo Natale nella città di San Francesco

L’amico Giovanni Velita gli chiese di rappresentare la nascita di Gesù a Greccio, seguendo la sua immaginazione. Francesco allora espresse il desiderio di ricostruire il presepe per vedere coi suoi stessi occhi e condividere con i presenti le difficoltà dell’infanzia misera di Cristo. Il bambino nacque a Betlemme da due profughi scampati al mare dell’odio e del rifiuto in tempesta, in una mangiatoia, tra un bue e un asino. A quel punto accorsero donne e uomini con in mano torce accese come fossero stelle, illuminando il buio d’una nuova rivoluzione. Il Vangelo aveva iniziato il suo canto per richiamare a raccolta gli uomini di buona volontà. Quel bambino aveva freddo, paura. Chiedeva che gli si porgesse una mano, perché la sua purezza avrebbe riempito per sempre i cuori svuotati.

San Francesco

LA BENEDIZIONE DI SAN FRANCESCO PER TE

Benedicat tibi Dominus et custodiat te,
ostendat faciem suam tibi et misereatur
tui convertat vultum suum ad te
et det tibi pacem
Dominus benedicat frater Leo, te
Benedicat, benedicat,
benedicat tibi Dominus
et custodiat te Frater Leo, te.

Il Signore ti benedica e ti custodisca.
Mostri a te il suo volto e abbia misericordia di te.
Volga a te il suo sguardo e ti dia pace.
Il Signore ti dia la sua grande benedizione.

A cura della Redazione Papaboys

Sostieni Papaboys 3.0

Anche se l’emergenza Coronavirus rende difficile il lavoro per tutti, abbiamo attivato a nostre spese la modalità di smart working (lavoro da remoto) per stare vicino ad ognuno di voi, senza avere limitazioni di pubblicazione, con informazione e speranza, come ogni giorno, da 10 anni. CI PUOI DARE UNA MANO?

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

I nostri social

9,882FansLike
17,251FollowersFollow
9,625FollowersFollow
1,600SubscribersSubscribe

News recenti

coronavirus 24 ore fa

Un dato agghiacciante. Coronavirus, oltre un milione e mezzo di casi...

Negli Usa quasi 420mila casi: i morti salgono a 14.262. Picco di vittime in Gran Bretagna. LʼOms allʼEuropa: "Non è tempo di allentare le...