San Francesco: Pace e bene a te! 16 Dicembre 2018

San Francesco: PACE E BENE A TE!

La nuova rubrica quotidiana dedicata alle parole e alla vita di San Francesco, un modo per entrare nella spiritualità francescana e vivere nella pace di Dio e nell’umiltà di Nostro Signore.

Pace e Bene

Ogni giorno un testo, una preghiera o un fioretto tratto dalla vita del “poverello di Assisi”.

LEGGI ANCHE: Preghiera Semplice di Santo Francesco 

Gesù nostro Signore vi benedica!

Il Natale secondo San Francesco

Era il 25 Dicembre del 1223, Francesco mentre arrivava dalla visita al Sultano D’Egitto decise di fermarsi a Greggio. Quando arrivo nella città cercò un piazzale per fare una capanna che rassomigliasse la grotta di Betlemme dove nacque Gesù, il suo cuore era pieno di tenerezza e con slancio lo mise atto con figure viventi. Incominciò a chiedere a tutti i pastori di Greccio di aiutarlo a costruire una stalla. La costruirono tutti insieme, poi cercarono un bue e poi un asinello da mettere tutte e due in un angolo cosi la stalla era pronta.

San Francesco

Visto che era la notte di Natale tutti gli abitanti di Greccio scesero in città a vedere, cosa stesse procedendo. Poi Francesco chiese a una coppia di mettersi nella stalla come se fossero San Giuseppe e Maria e in mezzo a loro mise una piccola culla fatta di paglia dove sarebbe collocato Gesù bambino. Quando fu tutto pronto Francesco incomincio a cantare il vangelo di natale: “In quei giorni l’imperatore Augusto decise di fare censimento di tutti i popoli del suo impero…”- E quando Francesco arrivò alla frase che Maria diede alla luce il suo figlio Gesù e che poi lo avvolse in un panno povero, accadde un miracolo: nella culla di paglia arrivo Gesù bambino in carne e ossa in una luce splendente e bellissima per tutti i abitanti.

LEGGI ANCHE: La preghiera di Giovanni Paolo II a Santo Francesco 

Gesù era sceso tra tutti i poverelli con un sorriso splendente. Nacque così la bella e suggestiva tradizione del Presepio nel mondo cristiano in tutto il mondo, che sarà ripresa artisticamente dai più grandi maestri del mondo di tutti i tempi. E dalla devozione popolare lungo i secoli successivi, con l’apporto dell’opera di grandi artisti, tale da costituire un filone dell’arte a se, comprendenti orafi, scenografi, pittori, scultori, costumisti, architetti; il cui apice per magnificenza, realismo, suggestività, si ammira nel Presepe settecentesco napoletano e non solo ma di tutto il mondo, per questo regalo da S. Francesco a tutti noi.

Fonte ilpoverellodassisi.jimdo.com

San Francesco

LA BENEDIZIONE DI SAN FRANCESCO PER TE

Benedicat tibi Dominus et custodiat te,
ostendat faciem suam tibi et misereatur
tui convertat vultum suum ad te
et det tibi pacem
Dominus benedicat frater Leo, te
Benedicat, benedicat,
benedicat tibi Dominus
et custodiat te Frater Leo, te.

Il Signore ti benedica e ti custodisca.
Mostri a te il suo volto e abbia misericordia di te.
Volga a te il suo sguardo e ti dia pace.
Il Signore ti dia la sua grande benedizione.

A cura della Redazione Papaboys

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome