Salvini non andrà a processo! Lo ha deciso la base dei 5 stelle. Cosa succede ora?

Salvini non andrà a processo! Lo ha deciso la base elettorale dei 5 stelle tramite il voto on line di oggi. Adesso ne vedremo delle belle?

 

Il verdetto della piattaforma Rousseau: il 59,05% dei votanti ritiene che le decisioni del ministro dellʼInterno siano state prese nellʼinteresse dello Stato

Il voto online sulla piattaforma Rousseau ha fornito il suo verdetto sul caso della nave Diciotti: il M5s dice “no” all’autorizzazione a procedere nei confronti del ministro dell’Interno, Matteo Salvini. Si sono espressi in 52.417, di cui 30.948 (il 59,05%) hanno ritenuto che le decisioni del vicepremier leghista siano state prese “nell’interesse dello Stato”.

Si è trattato di un passaggio certamente cruciale per la maggioranza.

Ma sia dalla Lega che da M5s arrivano messaggi di rassicurazione. Salvini si diceva tranquillo. “Ho fatto il mio dovere e ho difeso i miei concittadini, come prevede la Costituzione. Ho difeso la mia Patria, come è dovere di ogni cittadino”. Il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Giancarlo Giorgetti evidenzia: ‘Il governo non rischia di cadere’. “Sul governo si va avanti. Ho preso un impegno con gli italiani e intendo portarlo avanti”, dice Luigi Di Maio. Ma il viceministro alle Infrastrutture Edoardo Rixi (Lega) precisa: “E’ abbastanza chiaro che il voto su Salvini è un voto sul governo. D’altra parte anche dentro il Movimento mi sembra ci siano quelli più filogovernativi e quelli meno. È giusto anche capire il mondo dei 5 Stelle che cosa ne pensa. “Questa consultazione per noi non avrà conseguenze, per gli altri non lo so. Noi non obblighiamo nessuno a far nulla, stiamo lì e prendiamo atto delle scelte”, aggiunge.

“Da capo politico – sottolinea il portale di informazione Ansa – sosterrò il risultato della consultazione online sul caso Diciotti“. “Qualcuno si è lamentato del quesito – ha aggiunto senza nominare esplicitamente Beppe Grillo – ma è lo stesso quesito che verrà posto in Giunta per le autorizzazioni. Non parlo sui se e sui ma”. “Ci sentiamo stasera – ha concluso – e poi ognuno si assume le proprie responsabilità”.

“Ho fatto il mio dovere e ho difeso i miei concittadini, come prevede la Costituzione. Ho difeso la mia Patria, come è dovere di ogni cittadino”, ha detto il ministro Salvini, da Ozieri (Sassari).

I politici “devono sempre andare a testa alta davanti ai giudici, senza avere nulla da temere, specialmente se fanno scelte consapevoli e motivate”. Ma quello della Diciotti, è un “caso anomalo” – dice in merito il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Vito Crimi – in quanto un tribunale “sta indagando un intero governo per un’azione che rientra nelle proprie politiche e nelle scelte fatte in campagna elettorale, per le quali si è stati votati”.

Sostieni Papaboys 3.0

Se sei arrivato o arrivata a leggere fino qui è evidente che apprezzi il nostro Sito. Ed anche ciò che scriviamo. Lo facciamo da 10 anni con il cuore, senza interessi economici o politici, solo perché il cuore ci chiama a farlo. CI DAI UNA MANO?

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome