Sai che il 29 novembre è anche la Festa dei Santi Francescani?

Il 29 novembre i francescani fanno memoria e rinnovano i Voti di castità, povertà e obbedienza

L’Ordine Francescano è stato in ogni tempo focolare di santità. Si tratta di una grande folla proveniente da tutti i ceti sociali e da ogni popolo. Vi sono martiri, dottori, sacerdoti, fratelli religiosi, laici, vergini, sante donne…

martiri-francescani-

 

L’Ordine Francescano è stato in ogni tempo focolare di santità.

Si tratta di una grande folla proveniente da tutti i ceti sociali e da ogni popolo. Vi sono martiri, dottori, sacerdoti, fratelli religiosi, laici, vergini, sante donne…: santi famosi e conosciuti.., così come figure “piccole” e nascoste..Una moltitudine immensa radunata intorno al Poverello di Assisi, “recante il segno del Dio vivo” nelle sue carni ( le S. Stimmate). Uomini e donne che scegliendo l’umiltà e la povertà, hanno dissetato il loro cuore all’eterna fonte dell’Amore – Gesù – che solo dona la gioia e la pace vera. Per Lui si sono spesi senza misura, anche disposti a offrire la vita.

Il loro segreto: un SI’ , un ECCOMI, di consegna e abbandono assoluto nelle mani di Dio, Padre buono. Nel proprio tempo e secondo le rispettive capacità, hanno fatto di Gesù Cristo il centro della propria esistenza, diventando strumenti di pace e di speranza per molti: poveri, affamati, assetati, ignudi, malati, perseguitati, carcerati… . Ogni loro parola “sa di Vangelo” e le loro opere ” profumano di Cristo”.

La festa di tutti i Santi dell’Ordine francescano, si celebra in questo giorno perchè il 29 novembre 1223, Francesco e i suoi primi frati ricevettero l’approvazione definitiva della Regola da parte di papa Onorio III. La pergamena originale è conservata ad Assisi, nella cappella delle reliquie della Basilica di San Francesco.

In questa ricorrenza noi frati francescani , facciamo memoria e rinnoviamo  i Voti di castità e povertà e obbedienza pronunciati a suo tempo, pubblicamente, con la Professione Religiosa e, sull’esempio di san Francesco, nostro Serafico padre e di tanti Santi nostri confratelli, ci riconfermiamo nel desiderio e nella volontà di “osservare fedelmente il santo Vangelo”.

La luminosa testimonianza dei Santi Francescani , può ricordare anche a tutti noi che la Santità non è un qualcosa del passato, né un itinerario per pochi o il privilegio di una élite … Si tratta di una strada sempre aperta per chi decide di intraprenderla, un invito sempre nuovo per chi lo voglia accogliere e mettere in pratica.

la regola di san francesco papaboysLa “REGOLA” di S. Francesco

È comprensibile, ha senso, oggi, rifarsi ancora ad una Regola di vita? A prima vista no, perché viviamo in un mondo, in una cultura che sembrano aver fatto della libertà senza responsabilità la norma o l’aspirazione più forte di ogni uomo! Credo, però, che ne valga la pena, perché si avvertono vari “scricchiolii” di un progetto umano senza regole, valori ed ideali. Anche Francesco avvertì l’esigenza di un chiaro orizzonte valoriale ed ideale in mezzo a tanti movimenti pauperistici che, in qualche modo, volevano rinnovare la Chiesa e la Società del proprio tempo. Essendo la sua una ricerca sincera, fu aiutato dalla grazia del Signore.

Lo afferma nel suo Testamento: “[…] lo stesso Altissimo mi rivelò che dovevo vivere secondo la forma del santo Vangelo” (FF. 116). Da qui l’esigenza di una regola che traesse dal Vangelo finalità, contenuti e mezzi; il tutto come un’ostia che desse energia per il lungo cammino dell’imitazione di Cristo, Vangelo vivente di Dio (cfr. 2Celano, CLIX, 209; FF. 799). Proprio per questo nelle Fonti Francescane è detta midollo del Vangelo, via di perfezione; vita, sapienza, salvezza; addirittura “paradiso” perché dona, se vissuta, una profonda libertà interiore e fa dell’uomo il luogo personale dell’accoglienza, rispettosa ed arricchente, dei valori cardini della vita: Dio, l’uomo ed il creato.




Nella sua essenzialità esige quanto previsto dal Vangelo di Marco per gli apostoli: “[…] Ne costituì dodici […] perché stessero con Lui e per mandarli a predicare […]” (cfr. 3, 14). In parole semplici: esperienza di comunione di vita con Cristo e comunicazione di questa stessa esperienza prima con la vita e poi con l’annuncio nella Chiesa e per il mondo intero! La Regola francescana ha alimentato il cammino di donne e uomini forti ed impareggiabili (S. Antonio di Padova, S. Elisabetta d’Ungheria, S. Chiara,  S.Bonaventura da Bagnoregio, S. Massimiliano Kolbe, S. Padre Pio, ecc) e sostenuto i deboli, gettando una luce di vero umanesimo, di scienza e di splendida arte nelle contrade della nostra Italia, dell’Europa e del mondo. Ma, soprattutto, facendo rinascere nel cuore di molti uomini il “sorriso di Dio”, il fanciullo Gesù (cfr. 1Celano, XXX, 84; FF. 470). (Padre Vincenzo Coli – Vocazione Francescana)

a cura della Redazione di San Francesco Patrono d’Italia

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome