Home News Res Publica et Societas Rudy Zerbi ringrazia il Signore per avere salvato suo figlio e la...

Rudy Zerbi ringrazia il Signore per avere salvato suo figlio e la sua compagna

Non è il solo, Rudy Zerbi (produttore musicale e noto conduttore radiofonico e televisivo), a rivolgersi al Signore e a farlo pubblicamente per dire grazie. Il pretesto, no meglio, la gioiosa ricorrenza è stato il terzo compleanno del suo quarto figlio, Leo, avvenuto il 31 gennaio scorso.

Si sa alle volte i genitori tendono ad un eccesso di pathos quando si tratta di magnificare i piccoli o grandi progressi dei propri figli. Ma in questo caso il papà ha deciso di condividere commozione e gratitudine per il fatto stesso che il suo Leo sia nato e sia vivo, insieme alla sua mamma!
E lo ha fatto rivolgendosi a quello che sembrava il grande estromesso dalla nostra vita pubblica, sociale, mediatica: il Signore. Sì, proprio Dio.

Il fatto è semplice nella sua drammaticità: al settimo mese di gravidanza la sua attuale compagna, Maria Soledad, ha accusato un distacco totale di placenta. Quando i collaboratori di Rudy riescono ad avvisarlo e a farlo uscire dalla sala riunioni lui è tutt’altro che pronto ad interrompere quel che sta facendo. Capisce però che c’è qualcosa di molto grave e quando arriverà trafelato all’ospedale dove la donna è stata portata in condizioni disperate trova le infermiere in lacrime: mamma e bambino stanno per morire.

Il piccolo, in corridoio; essendo però gravemente prematuro necessita di cure specifiche, intensive ed immediate.

E il reparto è tutto occupato. Vengono trasportati al Casilino, un ospedale di periferia.
Dopo un lungo periodo di trepidazione fatto di piccoli progressi, di tanta angoscia mista a speranza, il piccolo e la mamma sono entrambi fuori pericolo.

Chi ha avuto bimbi prematuri sa che non è affatto una passeggiata e che non tutti ce la fanno. Molti sono i bimbi che soccombono o che restano gravemente menomati.

Risultati immagini per rudy zerbi




Leo invece è uno dei piccoli guerrieri, come lo chiama il padre, che ha vinto la sua prima grande battaglia. E Rudy, che ha una situazione familiare piuttosto articolata con figli di prime, seconde e terze unioni, e del quale non conosciamo la fede, dice con gioia commossa che per questo ringrazierà sempre il Signore e che si riterrà per sempre un privilegiato, un sopravvissuto.

In effetti le prove importanti della vita possono davvero insegnare a chiunque a posare sulla propria esistenza uno sguardo più pulito, più vero, umiliato dalla debolezza vissuta sulla propria pelle e nell’impotenza davanti a chi soffre.

“Essere genitori di un neonato in pericolo di vita è una sensazione strana: è nato, ma non è ancora tuo. Vorresti toccarlo, nutrirlo, portarlo a casa, ma non puoi. Quando ce la fa, senti di avere avuto un dono, e di essere in qualche modo un sopravvissuto.”




Fonte it.aleteia.org

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

305,853FansLike
19,459FollowersFollow
9,784FollowersFollow
2,330SubscribersSubscribe

News recenti

ultimo messaggio medjugorje

Medjugorje, messaggio del 25 ottobre 2020: ‘Satana è forte, vuole la...

Messaggio da Medjugorje, del giorno domenica 25 ottobre 2020, dato dalla Gospa alla veggente Marja; ecco le parole che sono state riportate, tradotte, dalla...