Rimanete nel mio Amore, per lo Spirito Santo… presente fino alla fine del mondo

La ripugnanza di tanti esegeti e teologi ad accettare il carattere “espiatorio” della morte di Cristo, anzi ad accettare la stessa morte di Gesù come voluta dal Padre e accettata liberamente e da sempre dal Figlio dipende, io credo, dal fatto che si parte da ogni “precomprensione” possibile e immaginabile, eccetto quell’unica che la Scrittura ci offre, e cioè che Dio è amore e tutto quello che fa – incluso accettare la morte del Figlio – è amore.

“Dio non ha risparmiato il proprio Figlio, ma lo ha dato per tutti noi” (Rm 8,32): questa frase non vuol dire: “Dio non ha risparmiato dalla sua giustizia neppure il Figlio”; vuol dire piuttosto: “Dio non si è risparmiato il proprio Figlio, ma ha fatto il grande sacrificio di darlo per tutti noi”. Se questo non è amore…

La storia dell’amore di Dio non termina, però, con la Pasqua; si prolunga nella Pentecoste che rende presente e operante “l’amore di Dio in Cristo Gesù” fino alla fine del mondo.

“Rimanete nel mio amore” (Gv 15,9), aveva detto Gesù e Giovanni aggiunge: “Da questo si conosce che noi rimaniamo in lui ed egli in noi: egli ci ha fatto dono del suo Spirito” (1Gv 4,13). Non siamo costretti a vivere solo del ricordo dell’amore di Dio, come di una cosa passata.

“L’amore di Dio è stato effuso nei nostri cuori mediante lo Spirito Santo che ci è stato donato” (Rm 5,5). Cos’è questo amore che è stato riversato nel nostro cuore nel battesimo?

È un sentimento di Dio per noi? Una sua benevola disposizione a nostro riguardo? Un’inclinazione?

Qualcosa, cioè, di intenzionale? È molto di più; è qualcosa di reale. È, alla lettera, l’amore di Dio, cioè l’amore che circola nella Trinità tra Padre e Figlio e che nell’incarnazione ha assunto una forma umana e ora viene partecipato a noi sotto forma di “inabitazione”.






“Il Padre mio lo amerà e noi verremo a lui e prenderemo dimora presso di lui” (Gv 14,23). Noi diventiamo “partecipi della natura divina” (2Pt 1,4), cioè partecipi dell’amore divino.

Veniamo a trovarci per grazia, spiega san Giovanni della Croce, dentro il vortice d’amore che passa da sempre, nella Trinità, tra il Padre e il Figlio; meglio ancora: tra il vortice di amore che passa ora, in cielo, tra il Padre e il suo Figlio suo Gesù Cristo, risorto da morte, di cui noi siamo le membra.




Fonte assisiofm.it

Sostieni Papaboys 3.0

Se sei arrivato o arrivata a leggere fino qui è evidente che apprezzi il nostro Sito. Ed anche ciò che scriviamo. Lo facciamo da 10 anni con il cuore, senza interessi economici o politici, solo perché il cuore ci chiama a farlo. CI DAI UNA MANO?

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome